Newsletter n.6 - Giugno/Luglio 2014

Newsletter n. 6/2014 Mercoledì 16 Luglio 2014
Se non riesci a visualizzare correttamente questa newsletter clicca qui

Rassegna
Temi tratti dalle principali riviste o Rapporti

1. DOCUMENTI ECCLESIALI

1.1. Congregazione per l'educazione cattolica

La Congregazione per l’Educazione Cattolica sta preparando la celebrazione di due importanti anniversari nel prossimo 2015: il 50° della Dichiarazione conciliare Gravissimum educationis (28.10.1965) e il 25° della Costituzione Apostolica Ex corde Ecclesiae (15.08.1990). Incontri e riflessioni svolti in questo periodo hanno dato vita a questo Instrumentum laboris: Educare oggi e domani. Una passione che si rinnova – 2014. Tutti sono invitati a rispondere al questionario riportato nel testo entro il 31 luglio 2014 (Educat2015@mail.com). A Roma, dal 18 al 21 novembre 2015 si terrà un Convegno mondiale sul tema.

1.2. CEI: le sfide pastorali della famiglia nel contesto dell'Evangelizzazione
L’8 ottobre 2013 Papa Francesco ha convocato la III Assemblea Generale Straordinaria del Sinodo dei Vescovi sul tema: Le sfide pastorali sulla famiglia nel contesto dell’evangelizzazione. 
La Segreteria Generale del Sinodo ha iniziato la preparazione con il l’invio del Documento Preparatorio, che ha suscitato un ampio riscontro ecclesiale nel popolo di Dio, raccolto nel presente Instrumentum LaborisL’Instrumentum Laboris nasce dalle risposte al questionario del Documento Preparatorio, reso pubblico nel mese di novembre 2013, strutturato in otto gruppi di domande riguardanti il matrimonio e la famiglia, cui è stata data ampia diffusione. 
 

1.3. CEI: incontriamo Gesù. Orientamenti per l'annuncio e la catechesi in Italia

Nel decennio 2010 – 2020, immersi nella riflessione “Educare alla vita buona del vangelo” i Vescovi della CEI consegnano alle Diocesi, ai presbiteri e ai catechisti un “aggiornamento” del Documento di Base “Il rinnovamento della Catechesi” che stabilì le fondamenta del progetto catechistico italiano nel 1970. Il testo si pone, dunque, in continuità con il DB, ricapitola i passi successivi che la prassi catechistica italiana ha compiuto in quasi cinquant’anni e si propone, ora, come sintesi aperta per valorizzare, spronare, dare consistenza e autorevolezza ad alcune chiare linee programmatiche. 
 
2. LINEE GUIDA PRIVACY (28.05.2014)
Aggiornate le linee guida del GdP relativamente alla privacy e alla trasparenza per le Pubbliche Amministrazioni. Tra le novità anche quella relativa all’indicizzazione nei motori di ricerca. Secondo quanto riportato nel nuovo documento, le PA dovranno adottare misure per impedire la indicizzazione dei dati sensibili da parte dei motori di ricerca e il loro riutilizzo. Nei particolari, l’obbligo di indicizzare i dati nei motori di ricerca generalisti (es. Google) durante il periodo di pubblicazione obbligatoria è limitato ai soli dati tassativamente individuati dalle norme in materia di trasparenza. Non possono essere indicizzati nei motori di ricerca i dati sensibili e giudiziari.
Nella newsletter si allegano una scheda e il testo della LG. 
 

3. RAPPORTO OCSE TALIS: INSEGNANTI SODDISFATTI DEL LORO LAVORO

Cosa è TALIS? TALIS (Teaching And Learning International Survey) è l’Indagine Internazionale sull’Insegnamento e Apprendimento. 
 
TALIS 2013 è la seconda edizione dell’Indagine Internazionale TALIS promossa e coordinata dall’OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico), incentrata sull’analisi degli ambienti di apprendimento, le condizioni di insegnamento dei docenti, le correlazioni di questi fattori con l’efficacia degli istituti e dell’attività insegnante. TALIS esamina rilevanti aspetti dell’attività professionale degli insegnanti: i loro orientamenti pedagogici, le loro pratiche didattiche, la loro interazione all’interno della scuola con i colleghi e la dirigenza scolastica. Scopo principale dell’indagine è di elaborare un quadro comparativo di indicatori internazionali, utili a sostenere i Paesi nello sviluppo delle loro politiche sull’insegnamento, sull’apprendimento e sui docenti. L’iniziativa ha il pieno supporto della Commissione Europea che fornisce un contributo economico a tutti i paesi europei che decidono di partecipare all’indagine.
 
ITALIA nei dati TALIS 2013 
L’indagine TALIS costituisce una preziosa occasione per dare voce agli insegnanti e al loro vissuto nella scuola. È una miniera di informazioni che, in un’ottica comparativa internazionale, restituisce ciò che gli insegnanti e i capi d’istituto riferiscono sulla loro formazione e la loro esperienza di lavoro. Alcuni dei risultati chiave ci dicono che gli insegnanti in ITALIA sono soddisfatti del loro lavoro e sentono di riuscire a motivare gli studenti anche nei contesti più difficili. Pensano tuttavia che l’insegnamento non sia valorizzato nella società. I nostri docenti riportano bassi livelli di sostegno e scarsi incentivi alla loro partecipazione ad attività di sviluppo professionale, mentre esprimono un forte bisogno di formazione sulle TIC. TALIS dimostra che la partecipazione dei docenti ad alcune attività di sviluppo professionale, quali ad es. il networking tra insegnanti, favorisce l’uso di pratiche didattiche innovative. In ordine al tema della valutazione del lavoro, risulta evidente il disallineamento dell’ITALIA rispetto alla media dei Paesi TALIS. Gli insegnanti italiani che ricevono una valutazione formale del proprio operato sono una minoranza, anche se oltre la metà dichiara di ricevere forme di feedback informale da una o più fonti.
 

4. ASS.NE TREELLLE: SCUOLE PUBBLICHE O SOLO STATALI?
Per il pluralismo dell'offerta. Francia, Olanda, Inghilterra, USA e il caso Italia

Mercoledì 25 giugno alle ore 9:00, alla presenza del Ministro dell’Istruzione, presso l’aula Magna dell’Università LUISS a Roma è stato presentato il Quaderno n.10 dal titolo “Scuole pubbliche o solo statali? Per il pluralismo dell’offerta. Francia, Olanda, Inghilterra, USA e il caso Italia”
Si tratta di un tema molto controverso sul piano politico. Non siamo in presenza di una querelle solo italiana: con toni diversi, il nodo è stato già affrontato in altri Paesi di grande tradizione educativa, ciascuno dei quali ha individuato una propria via per gestirlo. Ci sono del resto eccellenti ragioni, storiche e culturali, per sostenere il ruolo primario dello Stato nell’indirizzare e valutare l’azione educativa della scuola; come ce ne sono di non meno valide per sottolineare i rischi di un monopolio educativo, da chiunque esercitato. 
 
Si allegano tabelle riassuntive, tabelle sull’Italia e slide sull’intero quaderno. 
È disponibile anche il video dell’evento in cui è possibile ascoltare anche l’intervento introduttivo del rettore della LUISS Massimo Egidi e, in coda, gli interventi dell’On. Luigi Berlinguer e del Ministro Stefania Giannini.
 

5. ISTAT: RAPPORTO ANNUALE 2014 - LA SITUAZIONE DELL'ITALIA

Il Rapporto annuale dell’ISTAT, giunto alla ventiduesima edizione, sviluppa una riflessione documentata sulle trasformazioni che interessano economia e società italiana, integrando le informazioni prodotte dall’ISTAT e dal Sistema statistico nazionale. Quest’anno, oltre a illustrare gli effetti economici e sociali della crisi, il Rapporto guarda alle potenzialità del Paese e mette a fuoco le sfide più rilevanti che l’attendono.
L’analisi delle condizioni della finanza pubblica e dell’impatto redistributivo del bilancio pubblico offre, infine, alcuni scenari utili per la definizione di politiche a sostegno della ripresa.
 
Nella newsletter si allegano il testo completo (e i singoli capitoli) e le sintesi elaborate da Orizzontelavoro, Diregiovani, le Regioni
 

6. VISCO: L'ISTRUZIONE INADEGUATA FRENA LO SVILUPPO

Poche righe. Questa volta lo spazio riservato alle riforme del sistema educativo nelle ‘Considerazioni finali’ del governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, presentate a Roma lo scorso 30 maggio 2014, non è andato al di là di un breve accenno all’interno dell’ampio paragrafo dedicato all’economia.
Lo riportiamo integralmente: “In molti casi i benefici delle riforme sono inevitabilmente differiti nel tempo. Ciò vale, ad esempio, per gli interventi sul sistema scolastico e formativo, tema a cui abbiamo dedicato un altro capitolo della Relazione. Ma questo non è un motivo per rimandare l’azione. Il livello di istruzione e di competenze su cui può contare il sistema produttivo italiano è inadeguato: in una recente indagine dell’OCSE l’Italia figura all’ultimo posto per le competenze funzionali di lettura e al penultimo per quelle numeriche. Il divario con la media degli altri paesi è presente anche tra i più giovani ed è più alto al crescere del titolo di studio”.
All’interno della Relazione, che si sviluppa per oltre 300 pagine, il capitolo intitolato ‘Istruzione e formazione nel sistema produttivo’ ne occupa dieci. L’accento cade sul rapporto tra livello di istruzione degli occupati e produttività del sistema economico, analizzato sulla base di numerose ricerche, molte delle quali realizzate dall’ufficio studi della stessa Banca, da sempre molto attento al rapporto tra economia e istruzione.
Particolare preoccupazione emerge per l’esito dell’indagine PIAAC (Programme for the International Assessment of Adult Competencies), i cui risultati, relativi al 2012, collocano l’Italia all’ultimo posto per le competenze linguistiche e al penultimo per quelle matematiche tra i 23 Paesi dell’OCSE partecipanti (ai primi posti si piazzano il Giappone, i Paesi Bassi e i paesi nordeuropei).
Certo, sembra dire Bankitalia, occorre migliorare la qualità della scuola (vengono citati dati OCSE-Pisa, IEA-Pirls e Timss e Invalsi), ma per la competitività a breve-medio periodo del nostro sistema economico serve con urgenza un intervento sistematico sulle competenze degli adulti occupati: quella formazione continua che in Italia non è mai decollata, come conferma l’ultimo Rapporto Isfol ad essa dedicato (dicembre 2013). 
 
7. ISFOL: UNA BIBLIOTECA SU FORMAZIONE E LAVORO
 
7.1. IeFP: monitoraggio e occupazione
Il 21 maggio 2014 l’ISFOL ha organizzato un seminario sul tema “I percorsi di IeFP tra inclusione, lavoro e cittadinanza attiva”
Nella presente newsletter si allegano una Scheda di sintesi, gli interventi di Crispolti (e altri), Scalmato (e altri), Daniele, Angotti (e altri). 
Per completezza si riportano anche il Rapporto sugli esiti della prima indagine occupazionale (anno 2011), l’intervento dell’ISFOL (Audizione VII Commissione Cultura) sulle strategie per contrastare la dispersione scolastica, il testo del Monitoraggio sull’apprendistato (XIV Rapporto, dicembre 2013).  
 
7.2. Formazione Superiore Continua
Il 26 giugno 2014 l’ISFOL ha organizzato il Convegno “Lo sviluppo delle competenze per il lavoro” presentando vari testi: il XIV Rapporto sulla formazione continua (annualità 2012-2013), ISFOL 2013; i commenti di Richini, Premutico, Angotti; le considerazioni di B. Torchia, La riqualificazione dei lavoratori attraverso i percorsi IFTS. 
 
7.3. Mercato del lavoro, capitale umano ed imprese: una prospettiva di politica del lavoro
Il volume sviluppa numerosi argomenti attinenti il mercato del lavoro e sulla base di dati macroeconomici e microeconomici sulle imprese e sui lavoratori, propone analisi comparative a livello europeo e specifiche dell’esperienza italiana. 
7.4. Lavoro sommerso e immigrazione
Il 24 giugno 2014 l’ISFOL ha organizzato il Convegno dal titolo “Il lavoro sommerso e irregolare degli stranieri in Italia”
Del Convegno si riportano una scheda dell’evento, il testo (Sintesi dei principali risultati, marzo 2014), una presentazione curata da Francesco Pomponi. 
 
RINNOVO DEL CCNL-SCUOLA

1. Protocollo di intesa AGIDAE - OO.SS. (24.07.2013)
Nell’ambito del negoziato per il rinnovo del CCNL l’Agidae ha presentato alle organizzazioni sindacali FLC CGIL, CISL SCUOLA, UIL SCUOLA e SNALS Conf. SAL e SINASCA in data 9 luglio 2013 la formale dichiarazione dello stato di crisi delle istituzioni scolastiche paritarie ed educative aderenti e afferenti all’Associazione. Nel prendere atto di questo complicato quadro di insieme, decisamente preoccupante, e in attesa della definizione degli interventi legislativi in materia di sostegno al lavoro e all’occupazione annunciati dal governo con l’emanazione del Decreto Legge n. 76/2013 i sindacati e l’Agidae hanno convenuto di sottoscrivere un protocollo di intesa a carattere temporaneo nella prospettiva di arginare i fenomeni di deregulation contrattuale sopra richiamati. Validità: 24/07/2013 - 31/08/2014. Si riporta il testo del Protocollo ed un commento di P. Ciccimarra.

2. Detassazione 2014
Firmati, in questi mesi, gli Accordi per la detassazione della parte accessoria della retribuzione dei dipendenti degli Istituti Scolastici AGIDAE.
Commissioni Paritetiche Regionali
Anno: 2014 - Veneto - Accordo detassazione Scuole 30/05/2014 
Anno: 2014 - Liguria - Accordo detassazione Scuole 10/06/2014 
Anno: 2014 - Lombardia - Accordo detassazione Scuole 04/06/2014 
Anno: 2014 - Piemonte - Accordo detassazione Scuole 30/05/2014 
Anno: 2014 - Valle d’Aosta - Accordo detassazione Scuole 30/05/2014 
Anno: 2014 - Friuli Venezia Giulia - Accordo detassazione Scuole 05/06/2014 
Anno: 2014 - Abruzzo - Accordo detassazione Scuole 05/06/2014 
Anno: 2014 - Lazio - Accordo detassazione Scuole 10/06/2014 
Anno: 2014 - Prov. Trento - Accordo detassazione Scuole 16/06/2014 
Anno: 2014 - Prov. Bolzano - Accordo detassazione Scuole 16/06/2014

Appuntamenti
Proposte di date e di eventi

Agosto 2014
16.08.2014

Bicentenario Colle don Bosco (inizio)

Ottobre 2014
24 (16:00-20:00)/25 (09:00-13:00)

Consiglio Direttivo CNOS/Scuola

Novembre 2014
19-26.11.2014

Convegno mondiale su Don Bosco

Febbraio 2015
13.02 (16:00-20:00)
Consiglio Direttivo CNOS/Scuola  
14.02 (09:00-13:00)
Assemblea CNOS/Scuola

Maggio 2015
15 (16:00-20:00)/16 (09:00-13:00)
Consiglio Direttivo CNOS/Scuola

SERVIZIO QUESITI
E’ funzionante il servizio quesiti curato dal prof. don Bruno Bordignon.

Tutti possono rivolgersi a don Bruno Bordignon presentandogli “quesiti”

II suoi riferimenti
Posta elettronica:
bordignon@unisal.it
bbordignon@salesiani.it
Telefono: 06/87290554 –
cell. 3351096004

Altri servizi
Ulteriori consulenze sono possibili presso Fidae e Agidae.

Logo CNOS/Scuola

Questa newsletter è una pubblicazione a cura di CNOS/SCUOLA
Dir. resp.: don Mario Tonini

Con questo  numero si conclude il servizio delle informazioni del CNOS/Scuola prima della pausa estiva.
La Sede Nazionale augura a tutti buone vacanze.
Il notiziario riprenderà nel mese di ottobre.

Vita dell'associazione CNOS/SCUOLA
Approfondimenti e buone pratiche riguardanti la qualità della scuola salesiana e cattolica (Sezione curata dal prof. don Bruno Bordignon - UPS, Roma)

1. NEWS RECENTI SULLA SCUOLA - giugno/luglio 2014

Il prof. don Bruno Bordignon cura “Informazioni CIOFS e CNOS/Scuola”, notizie che vengono inviate direttamente alle istituzioni scolastiche in forma ricorrente. Nella newsletter si riportano i titoli delle informazioni già inviate relative ai mesi di giugno e luglio 2014. Per la consultazione degli allegati si rimanda al servizio collocato sul sito:   

173/14 Elenco dei commissari agli esami di Maturità
174/14 Esami di Stato al termine del primo ciclo: indicazioni per i candidati con DSA e BES
175/14 Rilevazione degli esiti scolastici dell’a.s. 2013/2014
176/14 Dal 4 giugno nuove regole per i minori che viaggiano fuori dal Paese
177/14 Alunni portatori di handicap nella scuola paritarie: l’AGeSC sulla sentenza di Cassazione
178/14 Guida agli scrutini finali. Partecipano il docente di alternativa IRC, sostegno, ITP, conversatore in lingua straniera, approfondimento materie letterarie
179/14 Scrutini finali scuola primaria. Il ruolo del Dirigente Scolastico
180/14 Garanzia giovani: il programma europeo
181/14 A New Orleans l’istruzione è solo privata. È la prima città Usa senza scuole pubbliche
182/14 Gli scienziati: «Embrionali ricerca inutile»
183/14 Alternanza scuola e lavoro: il programma ministeriale
184/14 Scrutini. DSA: alunno non ammesso alla classe successiva e obbligo di motivazione del provvedimento
185/14 3 ad un alunno, ma sul registro tenuto a casa. La Cassazione conferma la bocciatura
186/14 Che differenza intercorre tra registro di classe e registro personale del docente?
187/14 Il decreto dirigenti scolastici è legge
188/14 Centemero (FI): bene Giannini sui diplomifici
189/14 Tirocinio Formativo Attivo (TFA)
190/14 Dibattito aperto sulla parità?
191/14 Il gender a scuola
192/14 Maaloula: perché vogliono distruggere i cristiani e la storia della presenza cristiana?
193/14 Dentro le scadenze della scuola
194/14 Docenti PAS nelle commissioni degli Esami di Stato
195/14 Indagine nazionale sulla prova scritta di matematica
196/14 Ѐ tempo di PAI per i BES. Il modello del MIUR
197/14 Siti web delle scuole e "amministrazione trasparente", le precisazioni dell’ANP
198/14 Progetti scuola EXPO MILANO 2015. Indicazioni per la partecipazione
199/14 Notizie dalla Lombardia
200/14 IMU: interrogazione parlamentare dell’on. Elena Centemero
201/14 Le linee dei Salesiani sul terzo settore
202/14 Una lettera a Renzi dal mondo IeFP salesiano
203/14 Ricerca Ipsos: molto motivato chi sceglie le paritarie
204/14 Scuole private, ordini professionali: con Renzi diventa tutto "statale"
205/14 Si ritorna a parlare di libertà di scuola
206/14 Esami di abilitazione alle libere professioni di geometra, perito industriale e agrario
207/14 Istituzione e svolgimento dei percorsi di tirocinio formativo attivo (TFA)
208/14 Il sostegno ai disabili è a carico delle paritarie?
209/14 Al via l’apprendistato alternanza scuola lavoro
210/14 Continua la preoccupante dispersione negli istituti professionali
211/14 Stop dell’Europa alla morte di Stato
212/14 Enti certificatori delle competenze in lingua straniera del personale scolastico
213/14 Scuola: esame di Stato 2015, ecco la “bomba” CLIL. Lettera aperta al ministro Giannini
215/14 IMU e TASI per le scuole paritarie
216/14 Niente Imu e Tasi per paritarie
217/14 Adempimenti conclusivi dell’esame di Stato
218/14 Compensi dovuti per lo svolgimento degli esami di Stato
219/14 Alternanza scuola-lavoro: bando per il Premio Nazionale 2014
220/14 Berlinguer: «La libertà di educazione è un diritto, non una concessione dello Stato. La sinistra aggiorni il suo vocabolario sulla scuola»
221/14 Scuola, piovono diagnosi di DSA sui nostri figli. Ma sono loro a essere tutti dislessici, o sono gli insegnanti che non sanno insegnare? 
222/14 Erasmus
223/14 Proroga delle funzioni tutoriali presso la Facoltà di scienze della formazione primaria
224/14 Ecco come gestire una scuola paritaria 
225/14 Non più di 20 gli alunni di una classe in presenza di grave disabilità. Quanto viene rispettata questa norma? 
226/14 AGIDAE: Newsletter – luglio 2014
227/14 La dispersione scolastica è colpa dello Stato centrale
228/14 Sono contro le paritarie i paesi arretrati
 

2. PAROLE CHIAVE SULLA SCUOLA

Notizie della scuola ha pubblicato recentemente un numero monografico interamente dedicato alla valutazione (numeri 11/12-2/2013).
Nella presente newsletter si riportala voce sulla normativa:

Europa
Documenti prodotti da istituzioni intergovernative o ecclesiali o da strutture associative

1. SEMESTRE ITALIANO DI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA

Dal 1° luglio al 31 dicembre 2014 l’Italia assume la Presidenza del Consiglio dell’Unione Europea, succedendo alla Grecia. 
La Presidenza del Consiglio è assunta a turno dai 28 Stati membri dell’Unione Europea ogni sei mesi. Durante ciascun semestre, essa presiede le riunioni a tutti i livelli nell’ambito del Consiglio, contribuendo a garantire la continuità dei lavori dell’UE in seno al Consiglio.
Nella presente newsletter si allega il testo del programma italiano “Programma della Presidenza Italiana del Consiglio dell’Unione Europea”. Oltre al quadro strategico generale, un capitolo è dedicato a Istruzione, Gioventù, Cultura e Sport (pp. 77 – 80) ed un altro a Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori (pp. 46 – 51). 
Per aggiornamenti ulteriori si può consultare il sito http://italia2014.eu/it/
In QT del 30 giugno 2014, quasi interamente dedicato al tema dell’Europa, è possibile approfondire: 
  • il semestre europeo, i protagonisti e il funzionamento con allegati due schemi che illustrano sinteticamente i soggetti istituzionali che operano nel semestre europeo e le scadenze dei lavori;
  • l’Unione Europea e gli appuntamenti italiani; 
  • il Consiglio della Ue, al via la presidenza italiana.   
Puoi leggere gli articoli segnalati in: http://quaderni.tecnostruttura.it/
 

2. ERASMUS+: LA GUIDA DEL PROGRAMMA

Il programma Erasmus prevede 4milioni di giovani all’estero nell’arco dei prossimi sette anni per studio o tirocini (2014 – 2020). 
Nella precedente edizione sono state scelte le destinazioni della Spagna (40.202 giovani), Germania (30.368 giovani), Francia (29.293 giovani), Gran Bretagna (27.182 giovani), Italia (19.944 giovani). 
Le mete privilegiate dagli Italiani invece sono Francia, Germania e Gran Bretagna. 
Sono quasi 270mila i giovani che hanno beneficiato del programma nel periodo precedente; gli italiani sono stati 25.805. 
Del programma Erasmus + è stata pubblicata la Guida in italiano; in vigore dal 1° gennaio 2014, che si compone di tre parti e di quattro allegati. 
Nella newsletter si allega il testo della Guida in italiano. In caso di conflitto di interpretazione farà fede la versione inglese.
 

3. UN PARLAMENTO (UN PO' MENO) EUROPEO 

Andrea Manzella, Direttore del Centro di Studi sul Parlamento dell’Università LUISS G. Carli, propone una “Prima lettura di un parlamento che si presenta (un po’ meno) europeo”
Stefano Ceccanti, Professore ordinario di Diritto costituzionale italiano e comparato della Sapienza, Università di Roma, ragiona su “Le elezioni dei quattro vincitori e le possibili conseguenze nel futuro prossimo”

Italia
Ordinamenti – Parità – Commenti

1. GOVERNO

1.1. Stato di attuazione del programma di Governo (18 giugno 2014)
Il Governo ha stilato un primo Rapporto sull’attuazione del programma.
Nel testo del Rapporto (22.02.2014 – 18.06.2014) sono riportati anche i provvedimenti adottati dagli Esecutivi precedenti. Uno strumento utile per orientarsi. 
Ulteriori approfondimenti relativi al programma elaborato dal Governo per l’Europa si possono trovare in QT:  

  • la genesi del Programma Nazionale di riforma; 
  • il contributo delle Regioni e Province autonome italiane al Programma Nazionale di Riforma 2014.
Gli articoli si possono leggere in: http://quaderni.tecnostruttura.it/
 

1.2. Disegno di legge costituzionale 
Il 31 marzo 2014 il Consiglio dei Ministri ha approvato lo schema di Disegno di legge costituzionale “Disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, la riduzione dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del Titolo V della parte seconda della Costituzione”
Il 15 aprile 2014 la Commissione Affari costituzionali del Senato ha avviato l’esame del ddl costituzionale A.S. n.1429
Il 10 luglio 2014 la Commissione Affari costituzionali del Senato ha approvato il testo che si allega nella presente newsletter insieme ad una scheda che contiene i principali cambiamenti. 
In fatto di materia scolastica e formativa il testo attuale (art. 30) recita: 
- comma n): Lo stato ha legislazione esclusiva nelle seguenti materie: … 
disposizioni generali e comuni sull’istruzione; ordinamento scolastico; istruzione universitaria e programmazione strategica della ricerca scientifica e tecnologica; … 
- comma t) ordinamento delle professioni e della comunicazione; … 
- Spetta alle Regioni la potestà legislativa in materia di…  
salva l’autonomia delle istituzioni scolastiche, in materia di servizi scolastici, di istruzione e formazione professionale, di promozione del diritto allo studio, anche universitario; …     
Il testo, così formulato, è ancora carente. Adotta, infatti, una terminologia impropria in riferimento al Sistema educativo di Istruzione e Formazione (ordinamento scolastico) e non fa riferimento alle istituzioni formative, in analogia a quelle scolastiche. 
L’approvazione definitiva del testo è programmata per dicembre 2015. 

1.3. Accordo di partenariato 2014-2020/Italia
È online e consultabile  sul sito del Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica l’Accordo di Partenariato, lo strumento di programmazione nazionale dei fondi strutturali e di investimento europei assegnati all’Italia per la programmazione 2014-2020.
Sullo stato di avanzamento dell’Accordo, il 10 luglio 2010, il Sottosegretario Delrio ha precisato quanto segue: “Le osservazioni ricevute dalla Commissione europea, volte alla chiusura dell’Accordo di partenariato, sono utili per un indispensabile miglioramento della capacità di gestione dei fondi europei e saranno recepite nella versione definitiva del testo che contiamo di inviare a Bruxelles per l’approvazione formale prima della pausa estiva. L’incontro con il commissario Hahn la prossima settimana permetterà di precisare ulteriori aspetti”. Lo afferma il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alla Coesione Territoriale, Graziano Delrio, che commenta così le nuove indicazioni ricevute dalla Commissione UE sull’accordo di partenariato per la programmazione 2014-2020.
“L’impianto strategico della nostra proposta è condiviso – prosegue il Sottosegretario – si tratta di affinare e precisare ancora alcuni punti, ma ormai siamo in dirittura d’arrivo”.
“Tra le questioni di maggior rilievo che la Commissione ha posto – spiega – c’è quella del miglioramento della capacità di gestione dei fondi. È un problema che risale già alle prime programmazioni e la sua soluzione è il principale obiettivo di questi mesi in cui abbiamo lavorato per recuperare il ritardo accumulato su diversi fronti imprimendo già un’accelerazione nella spesa riconosciuta dalla Commissione Ue”“Abbiamo individuato d’intesa con la Commissione un percorso per rafforzare e rendere più efficienti le amministrazioni, centrali e regionali, che gestiranno i programmi, con una riorganizzazione delle strutture e una semplificazione delle procedure – conclude Delrio – L’utilizzo pieno ed efficiente dei fondi strutturali, per opere e misure necessarie e da portare a termine in tempi certi rientra nella strategia del governo per far ripartire il Paese”.
 

1.4. Linee guida per una riforma del Terzo Settore
Tra gli obiettivi del Governo c’è quello di riformare il Terzo Settore. 
Allo scopo ha avviato una consultazione iniziata il 13 maggio 2014 e aperta fino al 13
Giugno 2014.  
Ad oggi si è in attesa di un DDL delega da parte del CdM. 
Nella newsletter si allegano una scheda di presentazione della problematica elaborata dal Governo (16 maggio 2014), il Testo base oggetto della consultazione, la Relazione sull’attività svolta 2012-2013, le considerazioni elaborate dal mondo salesiano (SDB e FMA). 

1.5. DDL Infanzia
La Commissione Istruzione, nella seduta di mercoledì 25 giugno, ha proseguito la discussione dell’AS n. 1260 e connessi sul Sistema integrato di educazione e istruzione 0-6 anni. 
Si allegano il testo n. 1260 (al Senato) e la posizione delle Regioni (28.05.2014). 
 

2. MIUR

2.1. Al via l’apprendistato in azienda per i giovani del 4° e 5° anno delle superiori
Dal prossimo A.S. 2014/2015, sarà avviata la sperimentazione dell’apprendistato per gli studenti del quarto e quinto anno delle scuole superiori. L’obiettivo è quello di consentire agli studenti italiani di inserirsi in un contesto aziendale già prima della conclusione del loro percorso formativo e del conseguimento del diploma, alternando la frequenza scolastica con la formazione e il lavoro in azienda. L’esperienza è riconosciuta come credito per l’esame di Stato. Il Decreto Interministeriale (Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, Ministero del Lavoro, Ministero dell’Economia), che definisce il programma sperimentale, è stato firmato il 5 giugno 2014. 
Nella newsletter si allegano il Comunicato stampa del MIUR e il testo del D.I. 

2.2. Rapporto Invalsi 2014: pubblicati dati e relazioni tecniche

“Tra i banchi di scuola l’Italia si conferma un Paese a due velocità e il divario tra Nord, Centro e Sud aumenta con l’età degli studenti”: questa in sintesi la fotografia scattata dall’Istituto INVALSI quando ha presentato i risultati il 10 luglio 2014. 
Nella newsletter si allegano (1) una scheda sintetica, (2) il Rapporto nazionale Prove, (3) il Rapporto tecnico Prove, (4) la Sintesi Rapporto Prove, (5) Una sintesi elaborata da Tuttoscuola

2.3. Verso il Sistema nazionale di Valutazione: indicazioni del progetto VALES
Nell’anno scolastico 2011/2012 il MIUR ha lanciato il progetto VALeS, Valutazione e Sviluppo Scuola. Il progetto propone alle istituzioni scolastiche e ai dirigenti scolastici del primo e del secondo ciclo l’opportunità di partecipare alla definizione di un processo che lega la valutazione ad un percorso di miglioramento continuo. L’iniziativa tiene conto dell’esperienza maturata nel progetto VSQ - Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole, avviato nell’a.s. 2010-2011. 
Nella presente newsletter si allegano i materiali presentati al seminario “Verso il Sistema Nazionale di Valutazione: indicazioni dal progetto VALES” che si è tenuto a Roma, presso l’Hotel Radisson il 25 giugno 2014. Allegati alla newsletter sono: (1) Il progetto Vales (2) Il Rapporto di autovalutazione (3) Il Questionario Scuola (4) I questionari Studenti, Insegnanti e Genitori (5) Le Rubriche di valutazione
Questi ed altri materiali sono scaricabili dal sito dell'Invalsi

2.4. Nuova organizzazione per il MIUR
È stato pubblicato il 15.07.2014 sulla Gazzetta Ufficiale il DPCM 11 febbraio 2014, n. 98, relativo alla riorganizzazione del MIUR.
In vigore dal 29 luglio, il regolamento conferma la presenza di tre dipartimenti, anche se con denominazione parzialmente differenziata rispetto all’attuale: 

  • Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione: Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione (9 Uffici); Direzione generale per il personale scolastico (7 Uffici); Direzione generale per lo studente, l’integrazione e la partecipazione (5 Uffici). 
  • Dipartimento per la formazione superiore e per la ricerca: Direzione generale per la programmazione, il coordinamento e il finanziamento delle istituzioni della formazione superiore (6 Uffici); Direzione generale per lo studente, lo sviluppo e l’internazionalizzazione della formazione superiore (7 Uffici); Direzione generale per il coordinamento, la promozione e la valorizzazione della ricerca (8 Uffici). 
  • Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali: Direzione generale per le risorse umane e finanziarie (9 Uffici); Direzione generale per i contratti, gli acquisti e per i sistemi informativi e le statistica (6 Uffici); Direzione generale per interventi in materia di edilizia scolastica, per la gestione dei fondi strutturali per l’istruzione e l’innovazione digitale (6 Uffici).  
3. MLPS

Il MLPS ha presentato diversi provvedimenti in materia di lavoro, oltre a coordinare Garanzia Giovani. Nell’ordine: il 12 marzo 2014 le misure per riformare il mercato del lavoro e il sistema delle tutele; il 3 aprile 2014 è stato presentato al Senato il D.D. L. di Delega al Governo; il 15 maggio 2014 è stato approvato il decreto legge 34/2014. 

3.1. La Legge 78/2014 e il DDL delega: aggiornamenti
È stato pubblicato sulla G.U. n. 114 del 19 maggio 2014 la Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del D.L. n. 34 del 20 maggio 2014, recante disposizioni urgenti per favorire il rilancio dell’occupazione e per la semplificazione degli adempimenti a carico delle imprese, al quale la Camera dei Deputati aveva dato il via libera definitivo lo scorso 15 maggio. 
ll provvedimento rappresenta il primo passo del processo di riforma del mercato del lavoro che verrà completato con gli interventi previsti nel disegno di legge delega in materia di ammortizzatori sociali, di servizi per il lavoro e di politiche attive, nonché in materia di riordino dei rapporti di lavoro e di sostegno alla maternità ed alla conciliazione.
Ad integrazione di quanto presentato nella newsletter precedente (maggio 2014), in questa si allegano:  

  • un dossier pubblicato da Il Sole 24 ore dal titolo: Jobs Act. Come cambia il lavoro (Contratti a termine, Apprendistato, Somministrazione); 
  • l’Accordo firmato dalla Commissione paritetica nazionale Scuola (Agidae e OO.SS) sul contratto a t.d. (Legge 16 maggio 2014, n. 78). 
3.2. Garanzia Giovani: aggiornamenti
Il 1 maggio 2014 è partito ufficialmente il progetto Garanzia Giovani. 
Al 10 luglio 2014 sono registrati a Garanzia Giovani 119.092 giovani: 69.830 lo hanno fatto attraverso il sito nazionale www.garanziagiovani.gov.it, 49.262 attraverso i portali regionali. Il report aggiornato all’11 luglio attesta: 
  • 13.770 giovani sono stati convocati dai Servizi per il lavoro;  
  • 5.860 giovani hanno ricevuto il primo colloquio di orientamento; 
  • 3.568 sono le occasioni di lavoro, per un totale di posti disponibili pari a 5.312.
Oltre 1,5 miliardi di Euro per garantire a tutti i giovani tra i 15 ed i 29 anni, disoccupati o Neet (né occupati, né studenti, né coinvolti in attività di formazione) un’offerta qualitativamente valida di lavoro, proseguimento degli studi, apprendistato, tirocinio, altra misura di formazione o inserimento nel servizio civile. 
Un sito dedicato offre una informazione di base su come funziona, sui servizi che offre (Accoglienza, Orientamento, Formazione, Accompagnamento al lavoro, Apprendistato, Tirocini, Servizio civile, Sostegno all’autoimprenditorialità, Mobilità professionale all’interno del territorio nazionale o in Paesi UE, Bonus occupazionale per le imprese, Formazione a distanza), sulle partnership, sull’identikit degli iscrittiUna anomalia, già segnalata, persiste: la qualifica e il diploma professionale è assimilato al Diploma di Scuola Secondaria Superiore. Nella presente newsletter si allegano:  
  • una scheda elaborata dal MLPS che illustra il progetto;
  • il 10° report aggiornato all’11 luglio 2014;
  • le FAQ del MLPS aggiornate all’11 luglio 2014. 
     

4. MEF: D.M. SULLE DICHIARAZIONI IMU E TASI DEGLI IMMOBILI DEGLI ENTI NON COMMERCIALI

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 153 del 4 luglio 2014, è stato pubblicato il Decreto Ministeriale 26 giugno 2014, di approvazione del modello di dichiarazione dell’IMU e della TASI per gli enti non commerciali, con le relative istruzioni.
La dichiarazione riguarda gli immobili per i quali è prevista l’esenzione di cui all’articolo 7, comma 1, lettera i), del Dlgs n. 504 del 1992 (attività assistenziali, previdenziali, sanitarie, didattiche, ricettive, culturali, ricreative, sportive etc, oltre a quelle di ricerca scientifica a partire dal 2014).
La dichiarazione tratta inoltre i casi di imponibilità parziale degli immobili in questione, secondo quanto previsto dal dl 1/2012, art.91-bis.
Il decreto prevede che, per gli anni 2012 e 2013, il termine di presentazione della dichiarazione è fissato al 30 settembre 2014 e comprenderà l’insieme degli immobili posseduti dagli enti non commerciali (imponibili, esenti parzialmente ed esenti totalmente). Si allegano:   
(1) una scheda comparsa su Avvenire del 4.7.2014; 
(2) il testo del D.M. 26 giugno 2014 (GU n. 153 del 4 luglio 2014); 
(3) il testo delle Istruzioni
(4) il testo del Modello
(5) il documento del MIUR che definisce il costo medio per studente; 
(6) alcuni testi di commento comparsi sulla stampa.

Regioni
Documenti delle Regioni riguardo al sistema scolastico / formativo

1. “SUSSIDIARIETÀ ORIZZONTALE” NELLE REGIONI ITALIANE E APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E IL DIPLOMA PROFESSIONALE 

Si riporta lo stato di applicazione della “sussidiarietà orizzontale” nelle politiche regionali in materia di parità scolastica e di Istruzione e Formazione Professionale (IeFP). 
In materia di Parità scolastica e di IeFP si allega quanto elaborato dal prof. Bruno Bordignon (UPS) e da Francesco Gentile (Sede Nazionale CNOS-FAP). 
Un approfondimento sulla IeFP nelle Regioni è curato dal dott. Giacomo Zagardo e dal prof. Giulio Salerno (Quaderno n. 2, giugno 2014).  
Un approfondimento sull’apprendistato per la qualifica e il diploma professionale è curato dal prof. Dario Nicoli (Università Cattolica di Brescia) e da Giulia Carfagnini (Sede Nazionale CNOS-FAP). 
 

SALESIANI PER IL LAVORO – onlus

Una proposta Salesiana per dare dignità e futuro! Senza lavoro non si può vivere...: persone - giovani e adulti - che sono in età lavorativa e versano in condizione di disagio sociale, attraverso i servizi dell'informazione, dell'orientamento, della formazione e dell'aggiornamento professionale.
Punta a favorire il loro inserimento o reinserimento nel mondo del lavoro.
Per maggiori informazioni sulle attività della onlus si può consultare il sito
www.salesianiperillavoro.it

Aiutaci a dare di più a chi ha di meno!!