Newsletter n.5 - Maggio 2014

Newsletter n. 5/2014 Giovedì 29 Maggio 2014
Se non riesci a visualizzare correttamente questa newsletter clicca qui

Rassegna
Temi tratti dalle principali riviste o Rapporti

1. CEI: festa della scuola (10 maggio 2014)

Il 10 maggio la scuola italiana ha incontrato Papa Francesco. 
Dell’evento si allegano, nella presente newsletter, le “sette parole”, il testo degli interventi di Papa Francesco, del Card. Bagnasco e del Ministro Giannini
Possono essere utili anche gli stimoli di D’Avenia, Affinati, Ferrario, allegati.
Si allega anche il messaggio per la giornata del primo maggio 2014: “nella precarietà, la speranza”. 

2.ISFOL: competenze e apprendimento permanente (contributo indagine PIAAC)

L’8 maggio 2014 l’ISFOL ha presentato, in un apposito seminario, il contributo dell’indagine nazionale PIAAC sulle competenze e sull’apprendimento permanente. Del seminario si riportano: 

  • una scheda di sintesi e di presentazione degli obiettivi e una nota informativa dell’ISFOL;
  • la presentazione dell’indagine a cura di Gabriella Di Francesco; 
  • il testo “Il framework teorico del programma PIAAC”; 
  • il testo “PIAAC – OCSE. Rapporto nazionale sulle competenze degli adulti; 
  • il testo “Migliorare le competenze degli adulti italiani” a cura del MLPS. 
     

3. SAVE THE CHILDREN: scuola e povertà educativa

Secondo il rapporto di “Save the children” sono Campania, Calabria, Puglia, e Sicilia, ad avere la maggiore povertà educativa’, cioè dove è più scarsa e inadeguata l’offerta di servizi e opportunità educative e formative per bambini e adolescenti. 
Sono “largamente insufficienti gli asili e le scuole a tempo pieno” e “alto e allarmante il tasso di dispersione scolastica”. 
Della problematica affrontata da Save the Children Italia onlus si riportano una scheda di sintesi e il testo “La lampada di Aladino”. 
 

4. ASS.NE TREELLE: esperienze internazionali di valutazione dei sistemi scolastici

Il seminario, promosso dall’Associazione TreeLLLe, dalla Fondazione per la Scuola della Compagnia di San Paolo e in collaborazione con l’OCSE, si è svolto il 12 dicembre 2013 nell’aula magna della LUISS in Roma. Il volume, allegato alla presente newsletter, contiene interventi di Poggi, Hanuschek, Matthews, Schliecher, Oliva, Sestito, Carrozza, Vinciguerra. 

5. ISFOL: le dimensioni della qualità del lavoro

L’ISFOL pubblica i risultati della 3° indagine sulla qualità del lavoro
Comprendere i meccanismi che sottendono al funzionamento del mercato del lavoro contribuisce a migliorarne l’assetto e la dinamica, fornendo una base conoscitiva necessaria all’attività di policy. Tuttavia, l’accezione che normalmente si impone al termine mercato afferma implicitamente che l’assetto e il profilo del lavoro derivino esclusivamente dal risultato di attività negoziali. Se è pur vero che numerosi aspetti del lavoro rappresentano l’esito del confronto tra domanda e offerta, è altrettanto indubbio che il profilo del lavoro svolto è il risultato di dinamiche non individuabili con le sole categorie interpretative legate al mercato. Assumere il lavoro come oggetto di studio impone di non limitare l’analisi agli usuali indicatori del mercato del lavoro, ma rende necessaria la qualificazione del profilo lavorativo, tramite la composizione di un concetto complesso in dimensioni articolate, plastiche, capaci di descrivere e spiegare i cambiamenti e le molte trasformazioni che attraversano il lavoro. Al di là dei livelli e delle dinamiche occupazionali, lo studio del lavoro non può non considerare gli aspetti che ne definiscono la qualità, declinata secondo dimensioni legate principalmente alle prospettive di carriera, alla realizzazione delle aspettative, alla sicurezza economica, all’autonomia e al grado di controllo, ai rapporti con i colleghi e agli orari di lavoro.
 

 

RINNOVO DEL CCNL-SCUOLA

1. Costituzione Gruppo di lavoro parità scolastica

Con Decreto Ministeriale n. 19 del 25 luglio 2013 il Ministro ha costituito il Gruppo di lavoro della parità scolastica.
Compiti: consulenza, proposta e supporto tecnico, scientifico e metodologico all’area della parità scolastica.
Composizione: Ministro o Sottosegretario di Stato; Rappresentanza dell’Amministrazione; Rappresentanti Federazioni e Associazioni (Presidente Agidae, Fidae, Fism, Opera Nazionale Montessori, Aninsei); Associazioni delle comunità educative (Presidente Agesc, MSC, F.A.E.S.)

2. Protocollo di intesa AGIDAE - OO.SS. (24.07.2013)

Nell’ambito del negoziato per il rinnovo del CCNL l’Agidae ha presentato alle organizzazioni sindacali FLC CGIL, CISL SCUOLA, UIL SCUOLA e SNALS Conf. SAL e SINASCA in data 9 luglio 2013 la formale dichiarazione dello stato di crisi delle istituzioni scolastiche paritarie ed educative aderenti e afferenti all’Associazione. Nel prendere atto di questo complicato quadro di insieme, decisamente preoccupante, e in attesa della definizione degli interventi legislativi in materia di sostegno al lavoro e all’occupazione annunciati dal governo con l’emanazione del Decreto Legge n. 76/2013 i sindacati e l’Agidae hanno convenuto di sottoscrivere un protocollo di intesa a carattere temporaneo nella prospettiva di arginare i fenomeni di deregulation contrattuale sopra richiamati. Validità: 24/07/2013 - 31/08/2014. Si riporta il testo del Protocollo ed un commento di P. Ciccimarra.

3. Detassazione 2014

Firmato, il 23 maggio 2014, l’accordo per la detassazione della parte accessoria della retribuzione dei dipendenti degli Istituti Scolastici AGIDAE.

Appuntamenti
Proposte di date e di eventi

Ottobre 2014

Consiglio Direttivo CNOS/Scuola

Novembre 2014

19-26 Novembre 2014
Convegno mondiale su Don Bosco

SERVIZIO QUESITI
E’ funzionante il servizio quesiti curato dal prof. don Bruno Bordignon.

Tutti possono rivolgersi a don Bruno Bordignon presentandogli “quesiti”

II suoi riferimenti
Posta elettronica:
bordignon@unisal.it
bbordignon@salesiani.it
Telefono: 06/87290554 –
cell. 3351096004

Altri servizi
Ulteriori consulenze sono possibili presso Fidae e Agidae.

Logo CNOS/Scuola

Questa newsletter è una pubblicazione a cura di CNOS/SCUOLA
Dir. resp.: don Mario Tonini

Vita dell'associazione CNOS/SCUOLA
Approfondimenti e buone pratiche riguardanti la qualità della scuola salesiana e cattolica (Sezione curata dal prof. don Bruno Bordignon - UPS, Roma)

1. NEWS RECENTI SULLA SCUOLA - Maggio 2014

Il prof. don Bruno Bordignon cura “Informazioni CIOFS e CNOS/Scuola”, notizie che vengono inviate direttamente alle istituzioni scolastiche in forma ricorrente. Nella newsletter si riportano i titoli delle informazioni del mese di Maggio 2014 già inviate. Per la consultazione degli allegati si rimanda al servizio collocato sul sito:   

139/14 10 maggio a San Pietro. Riparte il dibattito sulla libertà di educazione?
140/14 Dispersione scolastica
141/14 L’evento del 10 maggio si rivolge a tutta la scuola: Bagnasco (CEI): no a una scuola statalista
142/14 Parità: i custodi della legge 62
143/14 Criteri di identificazione del datore di lavoro nelle scuole cattoliche
144/14 Ministero del lavoro: casellario giudiziale
145/14 Da settembre valutazione delle scuole. I prof delle peggiori seguiranno corsi di formazione
146/14 Formazione docenti neo assunti
147/14 Roma, prof denunciati per propaganda omosessuale
148/14 Ma l’altro PELLICO era gesuita
149/14 Adempimenti organizzativi per esame di Stato
150/14 «No profit», non «senza scopo di lucro»
151/14 Ad Arona si discute di Europa e di libertà di educazione
152/14 Alcune scadenze
153/14 Esami di Stato a conclusione del primo ciclo
154/14 Bando per 29mila tirocini per l’insegnamento. Ecco i posti, regione per regione
155/14 Valore abilitante del Titolo Diploma Magistrale
156/14 PAS - Attivazione dei corsi on line
157/14 Ristorazione scolastica: proroga dell’indagine conoscitiva
158/14 Detassazione incentivi: firmato l’accordo tra ANINSEI e OO.SS. firmatarie CCNL scuola non statale
159/14 Notizie positive dalla Lombardia
160/14 Il futuro dell’Europa dipende dalla libertà di educazione?
161/14 Coefficiente per la rivalutazione del TFR - marzo 2014
162/14 Senza libertà non vi è né educazione né istruzione
163/14 Esami di Stato al termine del secondo ciclo
164/14 Avviso: accoglienza ed integrazione degli alunni stranieri
165/14 Novità sul lavoro
 

2. PAROLE CHIAVE SULLA SCUOLA

Notizie della scuola ha pubblicato recentemente un numero monografico interamente dedicato alla valutazione (numeri 11/12-2/2013).
Nella presente newsletter si riportano tre voci:

Europa
Documenti prodotti da istituzioni intergovernative o ecclesiali o da strutture associative

1. PRESIDENZA EUROPEA: PROGRAMMA ISTRUZIONE E FORMAZIONE

Il 20 maggio 2014 il sottosegretario Roberto Reggi ha presentato il Programma della Presidenza italiana al Consiglio dell’Istruzione sul settore Istruzione e Formazione. 
Tra le sfide poste dall’Italia c’è la lotta alla dispersione scolastica. Una battaglia che passa attraverso “un forte investimento sui servizi per l’infanzia” e la “formazione tecnico – professionale” per avvicinare scuola e impresa. 
Nella newsletter si allega il testo dell’intervento. 
 

2. UE: UN OPUSCOLO CHE FA IL BILANCIO DI CINQUE ANNI

Cosa ha fatto la Commissione europea negli ultimi cinque anni? 
La risposta a questa domanda la si può trovare in un opuscolo della Commissione. La pubblicazione offre una panoramica di alcuni dei risultati principali dell’attuale mandato per i cittadini e le imprese in Europa negli ultimi cinque anni.  
Nella newsletter si allega il testo dell’opuscolo. 
 

3. ACCORDO DI PARTENARIATO PER IL 2014-2020

L’Italia ha inviato il 22 aprile 2014 l’Accordo di partenariato alla Commissione europea. 
Entro tre mesi, secondo quanto previsto dal Regolamento 1303/2013, la Commissione formulerà la proprie osservazioni al testo. L’Accordo di partenariato definisce gli impegni che ogni Stato membro assume per perseguire la strategia dell’Unione europea per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva. In particolare contiene le priorità di intervento dei singoli Paesi, le modalità di impiego dei fondi strutturali del Quadro Strategico Comune (QSC). 
In Conferenza Unificata, il 16 aprile 2014, è stata sottoscritta l’intesa sul testo dell’Accordo nella quale il governo ha preso atto delle osservazioni formulate dalle Regioni, con particolare riguardo alle richieste “di tutela” per le Regioni meno sviluppate e alle risorse destinate ai programmi nazionali e loro contenuti.
Nell’attesa di ricevere le osservazioni da parte della Commissione europea, in Italia proseguono le attività di confronto e approfondimento necessarie alla definizione dei programmi operativi che dovranno essere trasmessi alla Commissione entro il prossimo 22 luglio 2014.
 

4. MAGGIORI POSSIBILITA' NEL MERCATO DEL LAVORO CON LO STAGE

Allargare i propri orizzonti culturali e professionali, imparare a lavorare in un’altra lingua, acquisire una maggiore sicurezza di sé, delle proprie capacità e competenze, avere una visione più ampia della cultura aziendale: sono alcune delle buone ragioni per spingere i giovani a fare uno stage in Europa. 

Italia
Ordinamenti – Parità – Commenti

1. GOVERNO

1.1. I primi 80 giorni del Governo Renzi 

Anche se in forma schematica, il testo allegato riporta le principali scelte e i principali provvedimenti adottati dal Governo Renzi nei primi 80 giorni: tasse, lavoro (Decreto Poletti e ddl, riduzione IRAP), scuola (edilizia scolastica), cultura, riforme (legge elettorale, Senato, Titolo V, Province, CNEL), trasparenza, Pubblica Amministrazione (DDL previsto il 13 giugno 2014), Europa, Mondo. 

1.2. Disegno di legge costituzionale 

Il 31 marzo 2014 il Consiglio dei Ministri ha approvato lo schema di Disegno di legge costituzionale “Disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, la riduzione dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del Titolo V della parte seconda della Costituzione”
Martedì 15 aprile 2014 la Commissione Affari costituzionali del Senato ha avviato l’esame del ddl costituzionale A.S. n.1429. È partito dunque ufficialmente l’iter di riforma costituzionale ex art. 138 Cost. L’approvazione del testo è programmata per settembre 2014 (prima lettura) e per dicembre 2015 (approvazione definitiva). 
Per approfondire e monitorare gli sviluppi della materia, nella presente newsletter si allegano il testo del provvedimento n. 1429, un primo commento elaborato dal prof. Giulio Salerno il quale, dopo aver tratteggiato gli elementi essenziali della riforma costituzionale con particolare riferimento alla IeFP, avanza alcuni suggerimenti migliorativi, un commento di ADI, che  avanza rilievi critici e suggerimenti migliorativi del testo. 
La rivista on-line Federalismi (www.federalismi.it) ha elaborato, su questa materia, un dossier speciali continuamente aggiornato: dall’incardinamento del DDL costituzionale e, settimanalmente, fino alla conclusione dell’iter della riforma, un osservatorio sui lavori parlamentari segue passo dopo passo la discussione sulle modifiche costituzionali in discussione in Parlamento. 
L’osservatorio, che è curato da Federica Fabrizzi, ricercatore di Istituzioni di Diritto pubblico presso l’Università telematica internazionale Uninettuno, e da Giovanni Piccirilli, coordinatore del CESP (Centro studi sul Parlamento) - LUISS Guido Carli, intende fornire agli studiosi uno strumento di lavoro chiaro ed agile che costituisca un utile elemento di supporto per l’analisi dei lavori parlamentari. 
 

1.3. Linee guida per una riforma del Terzo Settore 

Tra gli obiettivi del Governo c’è quello di riformare il Terzo Settore. 
Allo scopo ha avviato una consultazione iniziata il 13 maggio 2014 e aperta fino al 13 giugno 2014. Seguirà nelle settimane successe il DDL delega che sarà approvato dal CdM il 27 giugno 2014. 
Nella newsletter si allegano una scheda di presentazione della problematica elaborata dal Governo (16 maggio 2014), il Testo base oggetto della consultazione, la Relazione sull’attività svolta 2012-2013. 
 

2. MIUR

2.1. Linee programmatiche del Ministro Giannini

Sono sul sito del MIUR le “linee programmatiche del Ministro Giannini”: semplificazione, programmazione, valutazione, internazionalizzazione. 
Sono i principi cardine delle Linee Programmatiche presentate in Parlamento dal Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Stefania Giannini. Semplificazione per il Ministro significa resistere alla tentazione dell’ipertrofia normativa e concentrarsi sull’attuazione dei tanti provvedimenti già approvati. 
 

2.2. Elementi di politica scolastica: una analisi ed una visione di sintesi (ADI)

Due sono i documenti di riferimento per analizzare e comprendere le principali azioni in materia di politica scolastica: 
  • il DEF (Allegato una sintesi ed un primo commento di ADI) 
  • le Linee programmatiche del Ministro Giannini (allegato una sintesi elaborata da ADI).
Sui due documenti citati ADI ha elaborato un commento puntuale (7 rilievi e considerazioni). Particolarmente stimolanti le considerazioni sulla grande dimenticata, la “IeFP” e sulla introduzione dell’ora di geografia. 
 

2.3. Deleghe ai Sottosegretari - 30 aprile 2014

Il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Stefania Giannini ha firmato i decreti ministeriali di conferimento delle deleghe ai Sottosegretari. I decreti, trasmessi alla Corte dei conti, saranno poi pubblicati in Gazzetta Ufficiale.
Al Sottosegretario Angela D’Onghia sono assegnate, tra le altre, le deleghe che riguardano l’alternanza scuola-lavoro, le problematiche relative alla dispersione scolastica, le tematiche che riguardano il rapporto tra i titoli di studio e l’accesso al lavoro e alle professioni, la formazione professionale, la promozione della cultura scientifica, lo sviluppo dell’offerta formativa dell’Alta formazione artistica, musicale e coreutica e della produzione artistica.
Al sottosegretario Roberto Reggi sono assegnate, tra le altre, le deleghe in materia di edilizia scolastica, valorizzazione dell’autonomia scolastica, orientamento e promozione del successo formativo, reclutamento dei dirigenti e del personale scolastico, monitoraggio dell’attuazione dell’edilizia scolastica, valutazione del sistema di istruzione.
Al Sottosegretario Gabriele Toccafondi sono assegnate, tra le altre, le deleghe che riguardano l’istruzione tecnica e professionale e i rapporti con i sistemi formativi delle Regioni, il monitoraggio e l’implementazione dell’Anagrafe degli studenti, l’educazione alla sicurezza stradale, ambientale, alla legalità e alla salute nella scuola, l’attuazione della Garanzia Giovani, il sistema delle scuole paritarie.
Sono stati evidenziate alcune sovrapposizioni nella distribuzione delle deleghe. Esempio tra istruzione tecnica e professionale e formazione professionale; promozione del successo formativo e problematiche legate alla dispersione scolastica, ecc.  
 

2.4. Due Cantieri per la scuola

Il 6 maggio 2014 il MIUR ha comunicato che hanno preso il via i lavori di due cantieri per la scuola voluti dal Ministro Giannini: 
  • Cantiere 1: Docenti 
  • Cantiere 2: Competenze per il Made in Italy.
Nella newsletter in allegato si propongono i due cantieri, gli obiettivi e i membri partecipanti. 
 

2.5. Alunni stranieri: il permesso di soggiorno non è più necessario

D’ora in poi basterà presentare dei semplici “documenti anagrafici”, fermo restando che “in mancanza di documenti la scuola iscrive comunque il minore straniero poiché tale situazione non influisce sull’esercizio del diritto all’istruzione”. Una modifica importante, ma che in molti casi era già stata superata dai fatti. Nella newsletter
si allegano una scheda a cura di Disal, l'avviso del MIUR del 19/05/2014 ed il testo delle Linee guida.
 

2.6. Focus: iscrizioni 2014/2015

Il MIUR ha pubblicato il Focus “Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione” aggiornato al 7 aprile 2014. 
Dal Focus appare che le scuole primarie e scuole secondarie di primo grado scelgono più tempo a scuola e tra le scuole secondarie di secondo grado, il liceo ha la prima scelta e c’è il boom dello sportivo. 
 

2.7. Sentenza/Corte di cassazione: disabili nelle paritarie, niente rimborso
Scuole non statali, non possono chiedere rimborso allo Stato per alunni di sostegno

A decretarlo la Corte di Cassazione nella sentenza n. 10821, depositata il 16 maggio 2014. La ricorrente, una Casa Religiosa, costituitasi come scuola media non statale paritaria.
La suddetta scuola accoglieva per due anni un alunno disabile e chiedeva al Ministero dell’istruzione un rimborso per le spese sostenute.
La Corte di Cassazione ha puntualizzato l’insussistenza in capo alle strutture scolastiche parificate di un diritto al rimborso, da parte dello Stato, per il servizio autonomamente erogato a soggetti che alle stesse si siano direttamente rivolte.
Insussistenza di un diritto soggettivo della “scuola parificata” a conseguire il rimborso delle spese sopportate per rendere agli utenti disabili, il servizio dei docenti di sostegno.
L’onere di sopportare tutte le spese necessarie per i servizi erogati dalle “scuole parificate”, precisa la Corte, ivi incluse quelle per l’attività degli educatori di sostegno, grava sulle scuole stesse, sulla base del principio desumibile dall'art.33 della Costituzione e del quadro normativo di riferimento, nonché dei relativi atti e provvedimenti attuativi.
Una faccenda, quella degli alunni disabili nelle scuole paritarie, continuamente ricorrente. 
Non ultima a seguito di una sentenza che vietava ad una paritaria di far gravare le spese per l'insegnante di sostegno sulle famiglie e ricordando che tali scuole “nel momento in cui chiedono e ottengono il riconoscimento della parità, con i connessi benefici di legge, si assumono anche i relativi oneri” (Da Orizzontescuola 23.05.2014). 
Nella newsletter si allegano una scheda che riassume la problematica (Tecnica della Scuola e Orizzonte scuola del 14.12.2013), la scheda 454 di Salvatore Nocera e la Sentenza della Corte della Cassazione n. 10821 del 16.05.2014. 
 

3. MLPS

Il MLPS ha presentato diversi provvedimenti in materia di lavoro, oltre a coordinare Garanzia Giovani. Nell’ordine: il 12 marzo 2014 le misure per riformare il mercato del lavoro e il sistema delle tutele; il 3 aprile 2014 è stato presentato al Senato il D.D. L di Delega al Governo; il 15 maggio 2014 è stato approvato il decreto legge 34/2014. 

3.1. Il Decreto legge n. 34 del 20 marzo 2014 è legge: L. 78/2014

È stato pubblicato sulla G.U. n. 114 del 19 maggio 2014 la Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del D.L. n. 34 del 20 maggio 2014, recante disposizioni urgenti per favorire il rilancio dell’occupazione e per la semplificazione degli adempimenti a carico delle imprese, al quale la Camera dei Deputati aveva dato il via libera definitivo lo scorso 15 maggio. Fra le misure previste, fra l’altro, interventi di semplificazione sul contratto a termine e sul contratto di apprendistato per renderli più coerenti con le esigenze attuali del contesto occupazionale e produttivo. Il provvedimento rappresenta il primo passo del processo di riforma del mercato del lavoro che verrà completato con gli interventi previsti nel disegno di legge delega in materia di ammortizzatori sociali, di servizi per il lavoro e di politiche attive, nonché in materia di riordino dei rapporti di lavoro e di sostegno alla maternità ed alla conciliazione.
Nella presente newsletter si allegano il Comunicato stampa del Ministro (15 maggio 2014) e il testo della legge 78/2014
Alla legge 78/2014 il Sole 24 ore ha dedicato un inserto specifico (15, 16 e 17 maggio 2014). 
Per una presentazione generale si allegano un articolo generale ed uno schema riassuntivo delle misure tratti dal Sole24ore del 16 maggio. Sui contratti a termine si allegano un articolo e due focus (la causale del contratto e i limiti quantitativi del numero di contratti a termine). Sull’apprendistato si allegano un articolo e due focus (il piano formativo e la stabilizzazione). Sul Durc e sulla solidarietà si allegano un articolo e due focus (il Durc e i Cds).
  

3.2. Disegno di legge delega al lavoro

È stato presentato giovedì 3 aprile 2014 al Senato il Disegno di Legge "Delega al Governo in materia di riforma degli ammortizzatori sociali, dei servizi per il lavoro e delle politiche attive, nonché in materia di riordino dei rapporti di lavoro e di sostegno alla maternità ed alla conciliazione".
Il D.d.l. rappresenta, dopo la legge 78/2014, l’altra misura del c.d. "Jobs Act" (cfr. la scheda di sintesi elaborata dal MLPS sull’argomento). 
Il D.d.l. conferisce apposite deleghe al Governo finalizzate a: 
  • riformare la disciplina degli ammortizzatori sociali, i servizi per il lavoro e le politiche attive, 
  • semplificare le procedure e gli adempimenti in materia di lavoro, 
  • riordinare le forme contrattuali, 
  • migliorare la conciliazione tra tempi di lavoro e tempi di vita. 
Per quanto riguarda la semplificazione, in particolare, si interviene sulla smaterializzazione del DURC, il documento unico di regolarità contributiva, per superare l’attuale sistema, che impone ripetuti adempimenti burocratici alle imprese.
Ad una prima lettura del testo mancano del tutto riferimenti ai possibili contributi che gli Enti di formazione professionale di rilevanza nazionale possono dare. Una nota di Giulio Salerno fa il punto sul provvedimento.
 

3.3. Primo maggio 2014: avvio Garanzia Giovani

In costante crescita la partecipazione all’iniziativa avviata in Italia il primo maggio: più di 57.000 giovani hanno aderito al programma (dato aggiornato al 23 maggio 2014). 
Ha preso avvio il 1° maggio, in tutta Italia, il Piano Nazionale Garanzia Giovani. Oltre 1,5 Miliardi di Euro per garantire a tutti i giovani tra i 15 ed i 29 anni, disoccupati o Neet (né occupati, né studenti, né coinvolti in attività di formazione) un’offerta qualitativamente valida di lavoro, proseguimento degli studi, apprendistato, tirocinio, altra misura di formazione o inserimento nel servizio civile. 
Una scheda di sintesi e due Protocolli di Intesa allegati offrono una prima informazione di base. 
Un sito dedicato offre una informazione di base su come funziona Garanzia Giovani e sui servizi che offre (Accoglienza, Orientamento, Formazione, Accompagnamento al lavoro, Apprendistato, Tirocini, Servizio civile, Sostegno all’autoimprenditorialità, Mobilità professionale all’interno del territorio nazionale o in Paesi UE, Bonus occupazionale per le imprese, Formazione a distanza).
Sulle partnership, oltre a Finmeccanica e C.I.A. A.G.I.A., anche Confartigianato, Confesercenti, CNA, Casartigiani, Confcommercio, ABI. 
Il bollettino Adapt del 2 maggio 2014 presenta un primo studio su: Garanzia Giovani: quel coraggio che ancora manca e lo stato dell’arte nelle Regioni. 
Tre i Report a seguito del monitoraggio sulla Garanzia Giovani: 1° Report (8 maggio 2014), 2° Report (15 maggio 2014), 3° Report (22 maggio 2014). 
 

Regioni
Documenti delle Regioni riguardo al sistema scolastico / formativo

1. GARANZIA GIOVANI NELLE REGIONI

Sul sito si trovano le informazioni relativa all’attuazione del progetto nelle singole Regioni. Nella sezione dedicata alle Regioni si trovano informazioni più puntuali su: AbruzzoBasilicataCalabriaCampania - Emilia Romagna - Friuli Venezia GiuliaLazioLiguriaLombardiaMarcheMolisePiemontePugliaSardegnaSiciliaToscanaUmbriaValle d’AostaVeneto - Provincia Autonoma di Trento
 

2. LA SUSSIDIARIETA' NELLE REGIONI ITALIANE

Nella scheda allegata si riportano lo stato di applicazione della “sussidiarietà orizzontale” nelle politiche regionali in materia di parità scolastica e di Istruzione e Formazione Professionale (IeFP). 
Le schede sono curate dal prof. Bruno Bordignon per la parte relativa alla scuola paritaria e da Francesco Gentile della Sede Nazionale CNOS-FAP per la parte delle istituzioni formative. 
A completamento si riportano anche altre due schede elaborate dalla Sede Nazionale: 
  • una scheda sui costi impegnati nella IeFP dalle Regioni (Gentile Francesco) 
  • una scheda sullo stato dell’arte dell’apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale nelle Regioni (Giulia Carfagnini).    
 

SALESIANI PER IL LAVORO – onlus

Una proposta Salesiana per dare dignità e futuro! Senza lavoro non si può vivere...: persone - giovani e adulti - che sono in età lavorativa e versano in condizione di disagio sociale, attraverso i servizi dell'informazione, dell'orientamento, della formazione e dell'aggiornamento professionale.
Punta a favorire il loro inserimento o reinserimento nel mondo del lavoro.
Per maggiori informazioni sulle attività della onlus si può consultare il sito
www.salesianiperillavoro.it

Aiutaci a dare di più a chi ha di meno!!