Newsletter n.4 - Aprile 2014

Newsletter n. 4/2014 Martedi 29 Aprile 2014
Se non riesci a visualizzare correttamente questa newsletter clicca qui

Rassegna
Temi tratti dalle principali riviste o Rapporti

1. CEI: MANIFESTAZIONE SCUOLA IL 10 MAGGIO: IL MANIFESTO

Educazione
Educare significa aiutare a diventare persone adulte inserite in una comu­nità. Occorre guardare alla scuola co­me bene di tutti e di ciascuno, cuore pulsante dell’identità culturale, civile e sociale. 

Insegnanti 
Sono la risorsa fondamentale per una “buona scuola”. Per questo va curata la vocazione dell’insegnante, sia negli aspetti personali motivazionali, sia ne­gli aspetti disciplinari e didattici. 
 
Generazioni e futuro
L’educazione è compito dei genitori e compimento della loro azione gene­rativa.
 
Umanesimo 
Per un’educazione che non sia solo acquisizione di competenze. L’umanesimo aiuta la dimensione educativa a riconquistare la sua dignità di “percorso verso l’autenticamente umano”. 
 
Autonomia e sussidiarietà
Per una scuola autonoma e uno Stato garante della qualità. Tale condizione dovrebbe essere la norma, non l’eccezione. 
 
Comunità 
Scuola è comunità che educa, in rete con altre comunità. Solo una scuola inserita in rete, può davvero costruire amicizia civile e il bene delle relazio­ni, contributi alla crescita del bene comune. 
 
Alleanza educativa 
Un’alleanza tra scuola e famiglia, in u­na logica di rigorosa lealtà reciproca. Questo implica un confronto comune sulle questioni, la costruzione di rela­zioni generative, l’attenzione inclusi­va verso gli alunni in difficoltà: la stes­sa attenzione va manifestata verso la scuola, a sua volta marginale per l’o­pinione pubblica.
 

1.1.Documento conclusivo della 47° Settimana Sociale dei Cattolici

Fare una sintesi dei lavori della 47ª Settimana Sociale dei Cattolici Italiani è un’operazione particolarmente impegnativa. Ci sono certamente le difficoltà del tema e la ricchezza del confronto, ma come sempre. In questo caso, però, a rendere più difficile l’operazione è che il contesto civile ed ecclesiale in cui si è svolta la Settimana è stato presente nei lavori in modo del tutto speciale … è l’incipit del documento conclusivo della 47° Settimana Sociale dei Cattolici Italiani (12-15 settembre 2013).

1.2. Discepoli di Gesù lavoratore (1 maggio 2014)

Il sussidio che l’Ufficio Pastorale Sociale e del Lavoro offre alle parrocchie, alle associazioni e ai movimenti della Diocesi ha come tema “Discepoli di Gesù lavoratore - La comunità cristiana in preghiera e in azione”.  Il lavoro è oggi per molti giovani, ma anche per tanti adulti che lo perdono, una dimensione della vita sempre più legata alla precarietà e alla preoccupazione. Il mercato del lavoro è talmente veloce che non considera più la stabilità un valore, richiedendo prestazioni temporanee che non permettono né di entrare realmente in relazione profonda con le persone né di acquisire conoscenze capaci di permettere una reale progressione professionale. 
Il sussidio che è stato preparato contiene diversi spunti di riflessione e anche degli strumenti da utilizzare per il lavoro di gruppo o per un incontro comunitario aperto al dibattito.
 

2. PRESIDENZA DEL CdM: CONDIZIONE INFANZIA E ADOLESCENZA IN ITALIA (2010-2011)

L’Osservatorio nazionale per l’Infanzia e l’adolescenza ha pubblicato la presente Relazione sulla condizione dell’infanzia e dell’adolescenza in Italia. 
Numerosi i temi affrontati: esperienze di partecipazione e ascolto, minori stranieri non accompagnati, povertà minorile, adozioni, esperienze sulla prima infanzia. Un quadro efficace. 
 

3. EDUCARE ALLA RETE. L'ALFABETO DELLA NUOVA CITTADINANZA NELLA SOCIETA' DIGITALE

L’Autorità di protezione dei dati può rappresentare, in tema di rete, una frontiera avanzata ed un collaudato punto di incontro dove è possibile ricercare, con tutti gli interlocutori, una sintesi tra efficienza, progresso, rispetto dei diritti e del valore delle persone. Di qui il testo aggiornato a gennaio 2014. 
Numerosi i temi affrontati: Educare alla Rete, la campagna di comunicazione istituzionale del Garante, Social network, privacy e cinema, problemi di spam, ecc. 
 

4. IL PUNTO DI VISTA DI RAFFAELE MARZO SULLA SCUOLA PARITARIA

Il prof. Raffaele Marzo affronta nell’articolo allegato il tema “La scuola pubblica e paritaria al tempo dell’emergenza educativa. Riflessioni costituzionali in prospettiva europea”
Numerosi i temi trattati: 1. Scuola e Costituzione. Uno Sguardo d’insieme. 2. Scuola paritaria, legislazione ordinaria e (fra)intendimenti costituzionali. 2.1. La clausola «senza oneri per lo Stato». 3. Il quadro giurisprudenziale. 4. Scuola pubblica e paritaria: possibile convergenza o inevitabile divergenza? 5. La libertà di scelta educativa nella prospettiva europea. 6. La specificità della proposta educativa delle scuole paritarie cattoliche. 7. Ipotesi conclusive.

5. ELENA CENTEMERO: IL COSTO STANDARD ANELLO MANCANTE PER IL SISTEMA INTEGRATO

Al termine del convegno “Il sistema scolastico integrato: Perché non facciamo parlare il costo standard?” che si è svolto il primo aprile 2014 alla Camera, l’on. Elena Centemero, responsabile nazionale Scuola e Università di Forza Italia e promotrice dell’incontro, ha dichiarato: “Un seminario che segna una tappa importante verso un nuovo sistema scolastico italiano, dimostrando che è giunto il tempo di garantire, anche in Italia, l’esercizio del diritto alla libertà di scelta educativa della famiglia nell’ambito di un pluralismo educativo che tuteli la libertà di insegnamento". Al seminario è intervenuto anche il sottosegretario Toccafondi, che ha sottolineato “l’aiuto che può trarre il Ministero da simili momenti di studio, capaci di individuare passaggi necessari come quello del costo standard“. Durante il seminario, è emersa infatti l’importanza del costo standard come anello mancante per arrivare ad una scuola davvero autonoma, libera e paritaria. Un’esigenza evidenziata anche dai professori universitari intervenuti e dai presidenti delle diverse associazioni presenti, tra cui Fidae, CdO e Fism, AGesc e Treelle.
Nella newsletter si allegano anche altri interventi che hanno dato seguito al dibattito. 
 

6. MIUR: DOTAZIONE MULTIMEDIALE NELLE SCUOLE (A.S. 2013/14) - GENNAIO 2014

Il continuo modificarsi del mondo scolastico in senso tecnologico, la crescente domanda di banda larga per le connessioni (necessarie, tra l’altro, alla diffusione dell’editoria digitale) e per l’introduzione di nuovi dispositivi per la didattica (come tablet, smartphone, proiettori interattivi…), ha reso necessario un urgente intervento normativo per fissare obiettivi precisi e stanziare fondi per la loro realizzazione (decreto legge 12 settembre 2013, n. 104; decreto ministeriale 27 settembre 2013, n. 781). In questo nuovo contesto, si è reso altrettanto essenziale rilevare nel dettaglio la reale consistenza delle dotazioni multimediali delle scuole, aggiornandola al nuovo anno scolastico 2013/14. Per tale ragione, l’Osservatorio Tecnologico, già realizzato ed avviato negli anni precedenti dal MIUR, è stato riaperto con un questionario completamente rivisto coinvolgendo tutte le Istituzioni scolastiche statali del territorio. L’allegato riporta i dati aggiornati a gennaio 2014.  
 

7. ISFOL: XIV RAPPORTO SULL’APPRENDISTATO (16.04.2014)

Continuano a diminuire i contratti di lavoro in apprendistato: erano 492.490 nel 2011, sono 469.855 nel 2012. Numeri che tradotti in percentuale equivalgono ad un calo del 4,6%. La contrazione maggiore si registra nell’Italia centrale con un valore negativo che sfiora il 6%. In calo anche le nuove assunzioni: -5,4% nel 2012 contro il -2,4% del 2011: è questa la fotografia che emerge dall’ultimo rapporto di monitoraggio - realizzato dall’ISFOL in collaborazione con l’INPS per conto del Ministero del Lavoro - e pubblicato il 16 aprile 2014. 
Nella newsletter si allegano una scheda, una sintesi e il testo/allegati del Rapporto curati dall’ISFOL. 
 

8. ISFOL: LA FORMAZIONE PROFESSIONALE REAGISCE ALLA CRISI CON L'INNOVAZIONE 

Il sistema dell’offerta di formazione professionale reagisce alla crisi economica mantenendo adeguati livelli di qualità dei servizi formativi: è quanto emerge dall’Indagine campionaria ISFOL-OFP (Offerta di Formazione Professionale in Italia), la quale ha rilevato interessanti segnali di cambiamento nel sistema formativo, mirati a coniugare qualità e sostenibilità degli interventi formativi. 
Nella newsletter si allegano una scheda, un articolo di Angotti/Del Cimmuto, un Research Paper del marzo 2014, la presentazione della ricerca “Indagine ISFOL –OFP” (aprile 2014). 
 

9. ENTI BILATERALI IN ITALIA: PRIMO RAPPORTO NAZIONALE 2013 

Nella newsletter si allega il primo Rapporto nazionale sugli Enti Bilaterali, come definitivi dal d.lgs. 276/2003, curato da Italia Lavoro Spa. 
Il Rapporto crea, per la prima volta, una prima informazione sul complesso mondo degli Enti Bilaterali. 
 

10. REATI E IUC

10.1. Montemarano, Droga e abusi dei mezzi di educazione e correzione 

Si riporta un articolo di E. Montemarano, che ha per oggetto il rischio penale nelle opere degli enti ecclesiastici. 
 

10.2. La IUC, Imposta Unica Municipale 

L'articolo, affrontato dal dott. Saraceno, è riportato in Agidae 1/2014. 
 

RINNOVO DEL CCNL-SCUOLA
I testi della trattativa

1. Costituzione Gruppo di lavoro parità scolastica

Con Decreto Ministeriale n. 19 del 25 luglio 2013 il Ministro ha costituito il Gruppo di lavoro della parità scolastica.
Compiti: consulenza, proposta e supporto tecnico, scientifico e metodologico all’area della parità scolastica.
Composizione: Ministro o Sottosegretario di Stato; Rappresentanza dell’Amministrazione; Rappresentanti Federazioni e Associazioni (Presidente Agidae, Fidae, Fism, Opera Nazionale Montessori, Aninsei); Associazioni delle comunità educative (Presidente Agesc, MSC, F.A.E.S.)

2. Protocollo di intesa AGIDAE - OO.SS. (24.07.2013)

Nell’ambito del negoziato per il rinnovo del CCNL l’Agidae ha presentato alle organizzazioni sindacali FLC CGIL, CISL SCUOLA, UIL SCUOLA e SNALS Conf. SAL e SINASCA in data 9 luglio 2013 la formale dichiarazione dello stato di crisi delle istituzioni scolastiche paritarie ed educative aderenti e afferenti all’Associazione. Nel prendere atto di questo complicato quadro di insieme, decisamente preoccupante, e in attesa della definizione degli interventi legislativi in materia di sostegno al lavoro e all’occupazione annunciati dal governo con l’emanazione del Decreto Legge n. 76/2013 i sindacati e l’Agidae hanno convenuto di sottoscrivere un protocollo di intesa a carattere temporaneo nella prospettiva di arginare i fenomeni di deregulation contrattuale sopra richiamati. Validità: 24/07/2013 - 31/08/2014. Si riporta il testo del Protocollo ed un commento di P. Ciccimarra.

 

Appuntamenti
Proposte di date e di eventi

Maggio 2014
09 (16:00-20:00) Maggio 2014
Consiglio Direttivo CNOS/Scuola
10 (09:00-13:00) Maggio 2014 Assemblea CNOS/Scuola

Maggio 2014
10 Maggio 2014 (pomeriggio)
Piazza S. Pietro: Giornata della scuola (CEI)

Ottobre 2014
Consiglio Direttivo CNOS/Scuola

Novembre 2014
19-26 Novembre 2014
Convegno mondiale su Don Bosco

SERVIZIO QUESITI
E’ funzionante il servizio quesiti curato dal prof. don Bruno Bordignon.

Tutti possono rivolgersi a don Bruno Bordignon presentandogli “quesiti”

II suoi riferimenti
Posta elettronica:
bordignon@unisal.it
bbordignon@salesiani.it
Telefono: 06/87290554 –
cell. 3351096004

Altri servizi
Ulteriori consulenze sono possibili presso Fidae e Agidae.

Logo CNOS/Scuola

Questa newsletter è una pubblicazione a cura di CNOS/SCUOLA
Dir. resp.: don Mario Tonini

Vita dell'associazione CNOS/SCUOLA
Approfondimenti e buone pratiche riuardanti la qualità della scuola salesiana e cattolica (Sezione curata dal prof. don Bruno Bordignon - UPS, Roma)

1. NEWS RECENTI SULLA SCUOLA - Aprile 2014

Il prof. don Bruno Bordignon cura “Informazioni CIOFS e CNOS/Scuola”, notizie che vengono inviate direttamente alle istituzioni scolastiche in forma ricorrente.  
Nella newsletter si riportano i titoli delle informazioni già inviate relative al mese di Aprile 2014. Per la consultazione degli allegati si rimanda al sito www.cnos-scuola.it

104/14 TFA secondo atto, si parte in autunno
105/14 Niente più certificato medico dopo 5 giorni di assenza a scuola
106/14 Certificato penale per gli educatori e docenti che operano con minori
107/14 Giannini: «Al via l'apprendistato nelle scuole»
108/14 Cassazione: insultare il prof è un reato
109/14 Glenn: l’autonomia scolastica miraggio italiano
110/14 Scuola: l'ultima del CLIL? Usare l'inglese per dire addio alle discipline
111/14 Lo stop del ministero agli opuscoli Unar
112/14 Cosa vuole (davvero) l'ideologia del genere?
113/14 La protesta. «Studenti a casa: via l’ideologia gender»
114/14 Gender, una legge per tutelare le famiglie
115/14 Discussione del disegno di legge: Ratifica ed esecuzione del Protocollo concernente le preoccupazioni del popolo irlandese relative al Trattato di Lisbona, fatto a Bruxelles il 13 giugno 2012 (A.C. 1619)
116/14 Obbligo di rilascio del certificato penale per chi opera con i minori
117/14 L’adozione dei libri di testo
118/14 L’INDIRE sulle metodologia CLIL
119/14 Tar e buono scuola, ecco la prova che la vera parità non c'è ancora
120/14 L’inchiesta: “Nelle scuole paritarie, i docenti accettano buste paga false per accumulare punti in graduatoria”
121/14 Musei gratis per gli insegnanti
122/14 Notizie dal Miur
123/14 Studenti e violazione delle norme penali. Quando Docenti, Dirigenti e ATA hanno l’obbligo di denuncia?
124/14 L'ultima follia dei giudici: "Le nozze gay sono legali"
125/14 Corsi di perfezionamento in lingua tedesca e francese
126/14 Libri di testo: rivoluzione con una circolare
127/14 Finalmente la FISM si apre al buono-scuola
128/14 DSA, BES Piano Didattico Personalizzato
129/14 ITS. La formazione tecnica per il lavoro: come cambia e quanto è efficace
130/14 Diplomifici e classi fantasma
131/14 Ricordi salesiani di Papa Francesco
132/14 Formazione alla CLIL anche per docenti di scuole paritarie
133/14 Piemonte: dirigenti di scuole di Stato nominati ispettori di scuole paritarie
134/14 Per la libertà delle scuole: lettera a IlSole24Ore
135/14 Bergamo. Tentorio sulle scuole paritarie: «Non dovranno pagare la Tasi»
136/14 Libretti gender, altro choc a Milano
137/14 Inghilterra e Francia
138/14 Droga e abuso dei mezzi di educazione e correzione: reati a rischio per gli Enti Ecclesiastici
 

2. PAROLE CHIAVE SULLA SCUOLA

Notizie della scuola ha pubblicato recentemente un numero monografico interamente dedicato alla valutazione (numeri 11/12 - 2/2013).

Nella presente newsletter si riportano tre voci:

Europa
Documenti prodotti da istituzioni intergovernative o ecclesiali o da strutture associative

1. PUBBLICAZIONI RECENTI DI EURYDICE

1.1. Il sistema educativo italiano visto da EURYPEDIA (dicembre 2013)
Il numero 29 della collana “I Quaderni di Eurydice” descrive il sistema educativo italiano. 
Il volume, aggiornato a dicembre 2013 e tratto da Eurypedia, affronta i seguenti temi: (1) Organizzazione e gestione del sistema di istruzione e formazione; (2) Educazione e cura della prima infanzia; (3) Istruzione primaria; (4) Istruzione secondaria; (5) Istruzione superiore; (6) Istruzione degli adulti, una tematica che il quadro strategico “ET2020” ha posto tra i suoi obiettivi fondamentali.

Una tematica altrettanto importante è il finanziamento dell'istruzione che rappresenta una priorità essenziale nell'ambito della strategia per la crescita di Europa 2020. L'argomento è stato trattato nel rapporto Eurydice sui bilanci dell'istruzione in Europa.

1.2. L'educazione alla cittadinanza in Europa (2013)
Una delle modalità per raggiungere l’obiettivo della giustizia e della coesione sociale in Europa consiste nell’incoraggiare i cittadini europei, in particolare i più giovani, a partecipare attivamente alla vita sociale e politica. Per questo l’istruzione e la formazione assumono un ruolo chiave. 
Il volume, pubblicato nel mese di marzo 2013, affronta i seguenti temi: (1) Il curricolo dell’educazione alla cittadinanza: approcci, ore di insegnamento e contenuti; (2) Partecipazione di studenti e genitori alla governance della scuola; (3) La cultura della scuola e la partecipazione degli studenti nella società; (4) Valutazione e monitoraggio; (5) Preparazione e sostegno per insegnanti e capi di istituto; (6) Gli allegati presentano iniziative nazionali sviluppate per incoraggiare la partecipazione degli studenti ad attività correlate all’educazione alla cittadinanza.   

 

2. DUE QUESTIONI IN FRANCIA

2.1. L'assenteismo nella scuola

Fino ad una ventina di anni fa non si faceva nessun caso all’assenteismo scolastico. Oggi non è più così. Il problema esiste nelle scuole italiane ed europee. Basta leggere la situazione della dispersione scolastica italiana (Tuttoscuola 27.04.2014).
Il bollettino d’informazione nr. 2 febbraio 2014 della Direction de l’évaluation, de la planification et de la performance (DEPP), uno dei centri europei rilevanti per la statistica scolastica, è dedicato a questo tema e fornisce informazioni interessanti su quanto succede in Francia. Nella newsletter si allega il testo del bollettino “L’absentéisme des élèves est stable depuis trois ans” e una sintesi elaborata da DISAL. 
 

2.2. La valutazione del sistema scolastico. Un confronto con Invalsi?

Il Ministro francese dell’Istruzione è intervenuto recentemente sul Servizio Nazionale di Valutazione della scuola presieduto da Nathalie Mons. 
Il nuovo organismo si chiama Conseil national d’évaluation du système scolaire – CNESCO. La sua principale caratteristica è l’indipendenza rispetto al Ministero. 
Nella newsletter si allegano una sintesi elaborata da Disal e una intervista al Presidente. 
 

3. ELEZIONI EUROPEE: ALCUNE NOVITÀ 

Le elezioni europee del 2014 si terranno in tutti i 28 Stati membri dell’Unione europea tra il 22 e il 25 maggio, come deciso unanimemente dal Consiglio dell’Unione europea. 
Saranno le ottave elezioni per il Parlamento europeo che si tengono dal 1979 e le prime a cui partecipa la Croazia insieme agli altri Stati membri: 22.05: si vota nei Paesi Bassi e nel Regno Unito. 23.05: si vota in Irlanda. 24.05: si vota a Cipro, Lettonia, Malta, Slovacchia, Repubblica Ceca. 25.05: si vota in Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Germania, Grecia, Italia (elegge 73 deputati), Lituania, Lussemburgo, Polonia, Portogallo, Romania, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria, Francia. 
Alcune novità da tenere presenti rispetto alle passate elezioni:
  • il Presidente della Commissione europea sarà nominato dagli Stati membri “tenendo conto dei risultati delle elezioni europee”
  • per la prima volta i principali gruppi politici europei hanno indicato il loro candidato alla guida della Commissione. Un dato che determinerà una campagna elettorale più personalizzata, con programmi politici più precisi e controllabili dall’elettorato.
Nella newsletter si riporta un articolo tratto da Avvenire (25.04.2014) e una guida tratta da un sito sulle principali forze in campo, una scheda e delle interviste a Pat Cox e Teresa Forcades i Vila, tratte da Aggiornamenti Sociali 4/2014.   
 

4. PERCHÈ È IMPORTANTE FARE UNO STAGE IN EUROPA?   

Fare uno stage in Europa è importante per … 
  • imparare a lavorare in un’altra lingua, 
  • rendersi più appetibili sul mercato del lavoro, 
  • acquisire una maggiore sicurezza di sé, delle proprie capacità e competenze, 
  • allargare i propri orizzonti culturali e professionali, 
  • avere una visione non più locale del mondo che ci circonda e della cultura aziendale in genere … 
Ecco alcune informazioni pratiche, aggiornate, per far conoscere le opportunità legate allo stage in Europa. 
 

5. LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI IN EUROPA  

La Commissione Ue soddisfatta per l’approvazione della nuova direttiva avvenuta il 14 aprile 2014. 
Si allegano una nota di Tecnostruttura e il Comunicato Stampa europeo. 

Italia
Ordinamenti – Parità – Commenti

1. GOVERNO: LE RIFORME IN ATTO

1.1. Superamento del bicameralismo paritario e revisione del Titolo V

Il 31 marzo 2014 il Consiglio dei Ministri ha approvato lo schema di Disegno di legge costituzionale “Disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, la riduzione dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del Titolo V della parte seconda della Costituzione”
Tra i temi c’è il progetto di revisione costituzionale del Titolo V che conferma l’abolizione delle Province e prevede il superamento dell’attuale frammentazione del riparto delle competenze legislative tra Stato e Regioni in favore di un decentramento legislativo più funzionale allo sviluppo economico e sociale del Paese
Relativamente al Titolo V, nel DDL costituzionale:  
  • nell’elenco delle materie e delle funzioni di competenza statale “esclusiva” c’è l’ordinamento scolastico, l’istruzione universitaria e la programmazione strategica della ricerca scientifica e tecnologica;
  • spetta alle Regioni la potestà legislativa in ogni materia e funzione non espressamente riservata alla legislazione esclusiva dello Stato … salva l’autonomia delle istituzioni scolastiche, dei servizi scolastici, nonché all’istruzione e formazione professionale
Martedì 15 aprile 2014 la Commissione Affari costituzionali del Senato ha avviato l’esame del ddl costituzionale A.S. n.1429. È partito dunque ufficialmente l’iter di riforma costituzionale ex art. 138 Cost. L’approvazione del testo è programma per settembre 2014 (prima lettura) e per dicembre 2015 (approvazione definitiva). L’iter comincia tra numerose difficoltà e in presenza di proposte alternative. È allo studio anche un testo alternativo a quello del Governo, per rispondere alle molteplici risposte anche contrarie. 
Nella presente newsletter si allegano il Comunicato stampa del CdM del 31 marzo 2014, il testo del DDL costituzionale, la sintesi del DDL, slide che illustrano l’intero progetto. 
Si riportano anche i primi commenti tratti da Il Sussidiario (Mangia, Russo, Sisto, Casson 1, Casson 2, Morra, Salerno). 
 

1.2. Il DDL Del Rio è legge: le Province cambiano volto 

Il 4 aprile 2014 la Camera ha approvato definitivamente il DDL sulle Province (DDL Delrio). 
Con questo provvedimento le Province da 107 si riducono a 97 (le altre si trasformano in città metropolitane), mantengono gli stessi confini ma diventano enti territoriali di vasta area. 
Le competenze: hanno competenze in ambiente, trasporti, scuole, assistenza tecnico-amministrativa agli enti locali, pari opportunità. Stato e Regioni possono attribuire alle province ulteriori competenze.  
Gli organi: sono enti di secondo livello imperniati su tre organi: il PRESIDENTE, che sarà il sindaco del comune capoluogo; l’ASSEMBLEA dei sindaci, che raggrupperà tutti i primi cittadini del circondario; il CONSIGLIO PROVINCIALE, che sarà formato da 10 a 16 membri scelti tra gli amministratori municipali del territorio. Nessuno percepisce compensi. 
Il nuovo provvedimento prevede anche l’istituzione delle prime 10 città metropolitane che sostituiranno, a partire dal 1° gennaio 2015, altrettante amministrazioni provinciali. Sono Torino, Milano, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Bari, Roma capitale (con poteri speciali per effetto del suo ruolo), Napoli e Reggio Calabria (unica a partire nel 2016).
Nella presente newsletter si allegano il testo approvato, una sintesi riportata tratta da IlSole24ore del 14 aprile 2014, un articolo di A.M. Poggi che ne valuta luci e ombre, un articolo di G. M. Salerno che rileva le principali criticità. 
 

1.3. DEF e programma nazionale riforma 2014 

L’8 aprile 2014 il CdM ha approvato il Documento di Economia e Finanza (DEF), un documento corposo che illustra in modo organico le strategie e le iniziative promosse dal Governo per ammodernare il Paese. 
Il Parlamento si esprimerà sul documento attraverso una Risoluzione e il documento sarà trasmesso alle autorità europee come parte essenziale del cosiddetto “Semestre europeo”.  
Il DEF è composto di tre sezioni: il Programma di stabilità; il programma nazionale di Riforma; una parte di dettaglio sulla finanza pubblica. 
Dell’abbondante documentazione si richiamano all’attenzione: 
  • le parti della Sezione III, parte I:
    I: Un cambio di marcia: punto 1.10: accrescere e valorizzare il capitale umano (pp. 27-32); e punto 1.6: Riforme del mercato del lavoro e del welfare (pp. 12-18); II: Un anno di riforme: nel capitolo vengono richiamati i provvedimenti assunti; IV: Le principali iniziative che l’Italia intende assumere nel Semestre europeo 
  • le parti della Sezione III, parte II con le riforme nazionali in dettaglio:  
    II.5: Educazione e ricerca; II.6: Mercato del lavoro e percorsi formativi; II.8: Fondi strutturali europei; III: Le Regioni in campo.  

     

1.4. Disposizioni in materia di sistema integrato di educazione e istruzione dalla nascita fino ai sei anni e del diritto delle bambine e dei bambini alle pari opportunità di apprendimento

Nel mese di aprile 2014 è in discussione, presso la VII Commissione permanente del Senato, il DDL sul sistema di educazione ed istruzione dei bambini da 0 a 6 anni di età.  
 

2. MIUR

2.1. Adozione dei libri di testo nell’ordinamento scolastico: una guida  

Nella seconda decade di maggio 2014 i collegi dei docenti deliberano le adozioni dei testi scolastici per il prossimo anno. 
Si propone una guida a cura di Cinzia Olivieri tratta dalla rubrica “Scuola & Famiglia”, aggiornata con le ultime disposizioni ministeriali (nota 9 aprile 2014 prot. n. 2581) e contenuta nella rivista Notizie della scuola. 
Nella presente newsletter si allegano anche i testi di legge 221/2012, il DM/Prot.781/2013, la nota 2061/2014.  
Si allegano anche due articoli che “giudicano” il provvedimento: “Libri di testo, scontro finale tra libertà e centralismo” di Palazzi (14.04.2014) e “Libri di testo, pronti gli escamotage per aggirare i limiti” di Candeloro (15.04.2014). 
 

2.2. Centri Provinciali per l’Istruzione degli Adulti (IDA) 

Il 26 febbraio 2013 è entrato in vigore il Regolamento per la ridefinizione dell’assetto organizzativo e didattico dei Centri d’istruzione per gli adulti (d.P.R. n. 263/2012). 
A partire dall’a.s. 2014-2015, saranno attivati i Centri Provinciali per l’istruzione degli adulti (CPIA), ed i corsi di istruzione degli adulti, compresi quelli che si svolgono presso gli istituti di prevenzione e pena, saranno riorganizzati nei seguenti percorsi: 
  • percorsi di istruzione di primo livello e percorsi di alfabetizzazione e apprendimento della lingua italiana, realizzati dai CPIA, 
  • percorsi di istruzione di secondo livello, realizzati dalle istituzioni scolastiche presso le quali funzionano i percorsi di istruzione tecnica, professionale e artistica.
Con Circolare 10 aprile 2014 n. 36 il MIUR fornisce istruzioni per l’attivazione dei CPIA e per la determinazione delle dotazioni organiche di detti percorsi. L’applicazione del nuovo assetto didattico dei percorsi di primo e secondo livello con l’adattamento dei piani di studio è definita da linee guida elaborate sulla base dei documenti approvati dal Gruppo tecnico nazionale per l’istruzione degli adulti.
Le Linee Guida illustrano il contesto di riferimento, l’assetto organizzativo e didattico, gli strumenti di flessibilità, e riportano i quadri orari relativi ai vari percorsi.
 

2.3.  La formazione  tecnica per il lavoro: come cambia e quanto è efficace
ISFOL, il 14 aprile 2014, ha pubblicato una nota, allegata alla newsletter, che fa il punto sulla situazione della formazione tecnica (IFTS e ITS). 

3. MLPS

3.1. Decreto legge n. 34 del 20 marzo 2014

Il testo del Decreto Legge n. 34 del 20 marzo 2014 “Disposizioni in materia di contratto di lavoro a termine e di apprendistato” (entrato in vigore dal 21 marzo 2014). 
Per chiarire alcuni dubbi interpretativi in riferimento alle disposizioni riguardanti i contratti a tempo determinato contenute nel decreto, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha emanato, in data 14 marzo, un apposito comunicato stampa.
I punti più controversi, oggetto di “confronto/contrasto” tra i partiti chiamati ad approvare il provvedimento, sono: 
  • per i contratti a termine il numero delle proroghe e i limiti rispetto agli assunti a tempo indeterminato; 
  • per l’apprendistato professionalizzante l’obbligo di stabilizzare gli apprendisti e l’obbligo di formare. 
Il Decreto legge deve essere convertito in legge entro il 20 maggio 2014
 

3.2. Disegno di legge delega al lavoro  

È stato presentato giovedì 3 aprile 2014 al Senato il Disegno di Legge “Delega al Governo in materia di riforma degli ammortizzatori sociali, dei servizi per il lavoro e delle politiche attive, nonché in materia di riordino dei rapporti di lavoro e di sostegno alla maternità ed alla conciliazione”
Il D.d.l. rappresenta, dopo il D.L. n.34/2014, l’altra misura del c.d. “Jobs Act” (cfr. la scheda di sintesi elaborata dal MLPS sull’argomento). 
Il D.d.l. conferisce apposite deleghe al Governo finalizzate a: 
  • riformare la disciplina degli ammortizzatori sociali, i servizi per il lavoro e le politiche attive, 
  • semplificare le procedure e gli adempimenti in materia di lavoro, 
  • riordinare le forme contrattuali, 
  • migliorare la conciliazione tra tempi di lavoro e tempi di vita. 
Per quanto riguarda la semplificazione, in particolare, si interviene sulla smaterializzazione del DURC, il documento unico di regolarità contributiva, per superare l’attuale sistema, che impone ripetuti adempimenti burocratici alle imprese.
Ad una prima lettura del testo mancano del tutto riferimenti ai possibili contributi che gli Enti di formazione professionale di rilevanza nazionale possono dare.  
 

3.3. Garanzia Giovani

Da tempo sul sito del MLPS si trovano informazioni sul progetto italiano “Garanzia Giovani”.
Si riportano, per memoria, una scheda di sintesi, la sintesi del Piano elaborata dal MLPS e lo stato di avanzamento aggiornato a febbraio 2014.
Il 28 marzo 2014 il MLPS ha siglato un protocollo con il MIUR, Confindustria e Finmeccanica per coinvolgere più efficacemente il mondo imprenditoriale. Del Protocollo si riporta una nota del MLPS che ne riproduce una sintesi.
Il 22 aprile 2014, proseguendo nell'intento di coinvolgere attivamente il mondo imprenditoriale, il MLPS sigla un Protocollo di intesa con CIA e AGIA.
Sul sito le prime istruzioni dell’avvio, annunciato per il 1 maggio 2014. In Avvenire del 27 aprile 2014 un piccolo vademecum e l’intervista al Ministro. In una intervista del 5 aprile 2014 su Repubblica il Ministro parla delle ulteriori iniziative in cantiere da parte del Ministero. 

4. PROVE INVALSI: INDICAZIONI OPERATIVE

 
Sono disponibili sul sito dell’Invalsi i materiali informativi relativi alle Rilevazioni nazionali 2014: Manuale per il somministratoreIndicazioni per l’organizzazione delle giornate di somministrazione; Date, tempi e successione di svolgimento delle prove. 
 

5. MINISTERO GRAZIA E GIUSTIZIA 

 
Il Ministero della Giustizia, con riferimento al D. Lgs. n. 39 del 4 marzo 2014 recante Attuazione della direttiva 2011/93/UE relativa alla lotta contro l’abuso e lo sfruttamento sessuale dei minori e la pornografia minorile, pubblica due distinte note di chiarimento:
1) la prima riferita alla portata applicativa;
2) la seconda riferita ai tempi di rilascio dei certificati del Casellario giudiziale
Il Ministero ha pubblicato anche la Circolare del Dipartimento per gli Affari di Giustizia e il Modello per la richiesta del certificato penale del Casellario giudiziale da parte del datore di lavoro.
Si allegano, per completezza, la Direttiva 92/2011 della Gazzetta UE, una scheda sintetica contenente alcune FAQ, il modulo per la Dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà (articolo 47 DPR n. 445 del 28/12/2000). Si sono pronunciati sul provvedimento AGIDAE, CEI, FIDAE

Regioni
Documenti delle Regioni riguardo al sistema scolastico / formativo

1. LA SUSSIDIARIETA' NELLE REGIONI ITALIANE

Nella scheda allegata si riportano lo stato di applicazione della “sussidiarietà orizzontale” nelle politiche regionali in materia di parità scolastica e di Istruzione e Formazione Professionale (IeFP).
Le schede sono curate dal prof. Bruno Bordignon per la parte relativa alla scuola paritaria e da Francesco Gentile della Sede Nazionale CNOS-FAP per la parte delle istituzioni formative.
A completamento si riportano anche altre due schede elaborate dalla Sede Nazionale:
1.   una scheda sui costi impegnati nella IeFP dalle Regioni (Gentile Francesco);
2.   una scheda sullo stato dell’arte dell’apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale nelle Regioni (Giulia Carfagnini).    

2. A PROPOSITO DI APPRENDISTATO

In Italia si parla molto di apprendistato, citando soprattutto il modello tedesco. Ma quando si deve passare dalle parole ai fatti qualcosa si blocca. 
Lo dimostra l’articolo allegato di Michele Tiraboschi che documenta anche la situazione nelle Regioni italiane.  
 

SALESIANI PER IL LAVORO – onlus

Una proposta Salesiana per dare dignità e futuro! Senza lavoro non si può vivere...: persone - giovani e adulti - che sono in età lavorativa e versano in condizione di disagio sociale, attraverso i servizi dell'informazione, dell'orientamento, della formazione e dell'aggiornamento professionale.
Punta a favorire il loro inserimento o reinserimento nel mondo del lavoro.
Per maggiori informazioni sulle attività della onlus si può consultare il sito
www.salesianiperillavoro.it

Aiutaci a dare di più a chi ha di meno!!