Newsletter n. 8 - Novembre 2017

Logo CNOS/Scuola

Questa newsletter è una pubblicazione a cura
della Sede Nazionale CNOS/SCUOLA
 

 

EUROPA
ITALIA
REGIONI
RASSEGNA

Vita dell'Associazione CNOS/Scuola

News recenti sulla scuola - Novembre 2017

Il prof. don Bruno Bordignon cura “Informazioni CIOFS e CNOS/Scuola”, notizie che vengono inviate direttamente alle istituzioni scolastiche in forma ricorrente (Info Novembre 2017).

Appuntamenti

Proposte di date e di eventi 

Marzo 2018
9/10 Consiglio Direttivo  e Assemblea CNOS/Scuola 

Maggio 2018
18/19 Consiglio Direttivo CNOS/Scuola 

SERVIZIO QUESITI

E’ funzionante il servizio quesiti curato dal prof. don Bruno Bordignon.
Tutti possono rivolgersi a don Bruno Bordignon presentandogli “quesiti”
I suoi riferimenti
Posta elettronica: bordignon@unisal.it
bbordignon@salesiani.it
Telefono: 06/87290554 –
cell. 3351096004

Altri servizi

Ulteriori consulenze sono possibili presso Fidae e Agidae nelle modalità proposte dalle due Associazioni.

RINNOVO DEL CCNL-SCUOLA

I testi della trattativa

1. Contratto Collettivo Nazionale Lavoro - Agidae 2016-2018

Il giorno 7 luglio 2016, in Roma, presso la Sede Nazionale dell’AGIDAE, in Via Vincenzo Bellini 10, dopo la sigla dell’Ipotesi di Accordo del 13 aprile 2016, tra l’AGIDAE e le OO.SS. è stato stipulato il seguente Contratto Collettivo Nazionale che disciplina il trattamento normativo ed economico per il personale direttivo, docente, amministrativo, tecnico ed ausiliario occupato negli Istituti aderenti all’AGIDAE.
Il Contratto si compone di 3 parti tra loro inscindibili: Parte prima: il sistema delle relazioni sindacali; Parte seconda: la disciplina del rapporto di lavoro; Parte terza: allegati.
Nella Rivista AGIDAE n. 3-4 il presidente AGIDAE presenta, nell’editoriale, il nuovo CCNL-AGIDAE 2016 – 2018. 

2. Rapporti di collaborazione coordinata e continuativa nelle istituzioni AGIDAE-CCNL-Scuola

Il 13 aprile 2016 le parti – AGIDAE e FLC CGIL, CISL Scuola, UIL Scuola, Snals COnfsal, Sinasca – firmano il documento che disciplina i rapporti di collaborazione coordinata e continuativa. 

3. Verbale di accordo: assistenza sanitaria integrativa (ASI)

Il 7 luglio 2016 le parti si accordano per l’avvio del nuovo sistema ASI

4. FISM: firmato il contratto collettivo nazionale (1.1.2016-31.12.2018)

Il 12 dicembre 2016 è stato firmato il CCNL FISM.

5. Firmato il CCNL Università Pontificie e Facoltà ecclesiastiche (2017-2020)

Il 22 settembre 2017 è stato firmato il CCNL Università Pontificie e Facoltà Ecclesiastiche

6. Sentenza 1/ Servizio nelle paritarie uguale a quelle statali
Parità, quando i giudici battono l'ideologia (Il Sussidiario - 26/11/2017)

7. Sentenza 2/ Mancata frequenza alle medie: nessun reato
Obbligo scolastico, tenuità del fatto esclusa perchè il reato è di competenza del giudice di pace (Il Sole 24 Ore - 29/11/2017)

 

Europa

Ordinamento - Dibattito - Progetti

1. COMMISSIONE EUROPEA: DOCUMENTI

a. Monitoraggio Istruzione e Formazione (anno 2017) 

Si tratta della relazione principale della Commissione in materia di istruzione e formazione nell’UE, pubblicata con cadenza annua. 

La Relazione di monitoraggio, alla sua sesta edizione nel 2017, raccoglie un’ampia gamma di informazioni e prove concrete che riflettono l’evoluzione dei sistemi d’istruzione e formazione dell’UE. Essa misura i progressi compiuti dall’UE nell’ambito dei sei obiettivi di istruzione e formazione per il 2020: 1) la quota di giovani che abbandonano prematuramente (dai 18 ai 24 anni) gli studi o la formazione dovrebbe essere inferiore al 10%; 2) la quota di persone tra i 30 e i 34 anni con un’istruzione terziaria completa dovrebbe essere almeno del 40%; 3) almeno il 95% dei bambini di età compresa tra i quattro anni e l’età di inizio dell’istruzione primaria dovrebbe entrare nel ciclo di istruzione; 4) la quota di giovani di 15 anni con risultati insufficienti nella lettura, nella matematica e nelle scienze dovrebbe essere inferiore al 15%; 5) l’82% dei diplomati recenti dalla scuola secondaria superiore all’istruzione terziaria (20-34 anni) che non seguono più un ciclo di istruzione o formazione dovrebbe avere un lavoro; 6) almeno il 15% degli adulti (25-64 anni) dovrebbe partecipare a programmi di apprendimento formale o informale.

L’edizione 2017 indica che i sistemi nazionali di Istruzione stanno diventando più inclusivi ed efficaci. Tuttavia conferma anche che il progresso degli studenti nell’Istruzione dipende in larga misura dal loro contesto socioeconomico. Si allega anche la Relazione ed. 2016 utile per il confronto rispetto alla situazione attuale. 

b. Apprendistati in Europa 

Il 5 ottobre 2017 la Commissione europea ha adottato la proposta di un quadro europeo per apprendistati efficaci e di qualità

c. Regolamento FSE 

Al fine di semplificare l’utilizzo del Fondo sociale europeo (FSE) e ridurre l’onere amministrativo per i beneficiari, la Commissione europea ha adottato il Regolamento riguardante la definizione di tabelle standard di costi unitari e di importi forfettari per il rimborso agli Stati membri delle spese sostenute. Il nuovo Regolamento modifica quello precedente (UE) 2015/2195 della Commissione che integra, a sua volta, il regolamento (UE) n. 1304/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo al Fondo sociale europeo. Per quanto riguarda l’Italia, l’atto conferma: l’adozione dei costi semplificati per il PON Per la Scuola; l’adesione delle Regioni al PON IOG. L’atto è pubblicato sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea L298 ed entrerà in vigore il 5 dicembre 2017.

2. EURYDICE: PUBBLICAZIONI RECENTI

In tempi recenti Eurydice ha pubblicato volumi attinenti l’Istruzione e la Formazione che si allegano: 

  • Educazione all’imprenditorialità, ed. 2017. Il presente report fornisce un quadro di tutti gli ultimi sviluppi che si sono registrati nel campo dell’educazione all’imprenditorialità nei paesi europei e si focalizza sull’istruzione scolastica (primaria, secondaria generale e IVET scolastica) in tutti i Paesi/Regioni della rete Eurydice. Presenta, inoltre, uno studio comparativo sul tema e un’analisi delle definizioni più comunemente utilizzate nell’ambito dell’educazione all’imprenditorialità.
  • Citizenship Eurydice Report at School in Europe Education 2017 (“Rapporto Eurydice sull'Educazione alla cittadinanza in Europa”). L’obiettivo generale di questo volume è quello di fornire un quadro attuale e completo delle politiche nazionali nel campo dell’educazione alla cittadinanza nelle scuole di tutta Europa. L’educazione alla cittadinanza è ormai un argomento chiave in molti sistemi educativi e mira a sostenere i giovani a diventare cittadini attivi, consapevoli e in grado di assumersi la responsabilità per se stessi e per le loro comunità.
  • Compulsory Education in Europe 2017/18 (“L’istruzione obbligatoria in Europa”). Questa pubblicazione si concentra sulla durata dell’istruzione/formazione obbligatoria in Europa. Evidenzia l’età in cui inizia e termina l’istruzione obbligatoria e distingue le nozioni di istruzione/formazione obbligatoria a tempo pieno e a tempo parziale. Le informazioni sono disponibili per 43 sistemi di istruzione europei relativi ai 38 paesi che partecipano al programma europeo Erasmus.
  • National Student Fee and Support Systems in European Higher Education 2017/2018 (“Rapporto Eurydice su tasse universitarie e supporto finanziario nell’istruzione superiore europea”). Questo report annuale offre una panoramica comparativa sui sistemi di tassazione e di supporto finanziario agli studenti in 42 sistemi di istruzione superiore europei nel 2017/18. Le schede nazionali di cui si compone contengono informazioni dettagliate su tasse, borse di studio, prestiti e altri benefit nei singoli Stati.

3. eTWINNING: ON LINE LA RACCOLTA DELLE BEST PRACTICE

Raccontare i progetti di gemellaggi scolastici eTwinning che aiutano l’inclusione dei giovani immigrati, o di quelli che vivono in zone remote o che hanno problemi di apprendimento. È l’intento della nuova pubblicazione europea "Building a culture of inclusion through eTwinning", disponibile on line in inglese (ma a breve arriverà anche la versione in italiano), nata per offrire una fonte d’ispirazione ai numerosi insegnanti impegnati in progetti eTwinning.

4. ERASMUS+ 2017: UNA GUIDA  

La guida al Programma Erasmus+ fornisce informazioni dettagliate sugli obiettivi, le priorità, le opportunità di finanziamento per ogni azione, insieme ad informazioni tecniche sulle domande di sovvenzione, sul processo di selezione, e sulle disposizioni amministrative e finanziarie legate alla concessione di sovvenzioni. Si confermano l’attenzione al tema dell’inclusione e dell’integrazione socio-culturale dei rifugiati e dei migranti. In particolare: - raggiungimento dei giovani emarginati, la promozione della diversità, del dialogo interculturale e interreligioso; - i valori comuni di libertà, tolleranza e rispetto dei diritti umani, il pensiero critico e lo spirito di iniziativa dei giovani; - la prevenzione della radicalizzazione violenta dei giovani. 

5. OPEN BOOK OF EDUCATIONAL INNOVATION (novembre 2017) 

In occasione dei suoi vent’anni di operato, European Schoolnet ha pubblicato il primo “Open Book of Educational Innovation”, una raccolta delle migliori iniziative condotte a livello europeo a supporto dell’innovazione del sistema educativo. 

6. CEDEFOP: SONDAGGIO SU ISTRUZIONE E FORMAZIONE 

Il CEDEFOP ha pubblicato i risultati di un sondaggio effettuato nel 2016 riguardante l’opinione dei cittadini europei circa l’istruzione e formazione professionale.

7. UNA PUBBLICAZIONE RECENTE DEL CNOS-FAP SULLE PRINCIPALI STRATEGIE EUROPEE

La Federazione CNOS-FAP, avvalendosi della collaborazione del prof. Giorgio Allulli, ha pubblicato recentemente il volume “Europa 2020. Una bussola per orientarsi”

L’ambito di questo testo riguarda sia le politiche condotte dall’Unione Europea per promuovere lo sviluppo di sistemi formativi europei in grado di affrontare le sfide poste dal processo di globalizzazione in atto, sia le politiche condotte dagli Stati membri dell’Unione per rispondere alle sollecitazioni proposte a livello europeo e mondiale, con particolare attenzione al versante dell’Istruzione e Formazione professionale.

In particolare il testo prende in esame le politiche condotte a partire dalla strategia di Lisbona, varata nel 2000, fino alla definizione ed all’attuazione della strategia per il 2020.

Italia

Ordinamenti – Dibattito – Progetti

1. GOVERNO

1.1. Legge di bilancio 2018

Il 16 ottobre 2017 il Consiglio dei Ministri ha approvato la legge di bilancio 2018. 

Il 31 ottobre è iniziato l’iter parlamentare della Legge di Bilancio 2018. 

L’Atto andato al Senato ha il numero 2960. 

Essendo ancora in fase di approvazione, nella presente newsletter si allegano alcuni commenti “provvisori” attinenti il sistema educativo di Istruzione e Formazione nel suo complesso. 

L’auspicio che i provvedimenti annunciati per la scuola paritaria e per la stabilizzazione del sistema duale trovino la giusta collocazione. 

Può essere utile avere i provvedimenti approvati in via definiva nella legge di Bilancio 2017 per un utile confronto. 

1.2. "La Buona scuola": Legge 107 e i Decreti attuativi

1.2.1 La Legge 107

Il 13 luglio 2015 è stata approvata la Legge 107 “Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per riordino delle disposizioni legislative vigenti” (G.U. n. 162 del 15/07/2015). 

1.2.2. I Decreti Legislativi attuativi della Legge

La Buona Scuola prevede nove decreti legislativi.

Non è stata adottata la prima delle deleghe previste, la revisione del Testo Unico delle disposizioni legislative vigenti in materia di istruzione, relative alle scuole di ogni ordine e grado (D.Lgs. n. 297/1994). 

Gli otto Decreti approvati sono elencati nel seguito della newsletter. 

  • D.Lgs. n. 59 Formazione iniziale e in servizio
    Riordino, adeguamento e semplificazione del sistema di formazione iniziale e di accesso nei ruoli di docente nella scuola secondaria per renderlo funzionale alla valorizzazione sociale e culturale della professione, a norma dell'art. 1, commi 180 e 181, lettera b) della legge 13 luglio 2015, n. 107 (G.U. n. 112 del 16-5-2017 - Supp. Oridinario n. 23. Vigente al 31-5-2017)
    a. Testo D.Lgs. n. 59
    b. Tabella sui provvedimenti attuativi (da Tecnodid, Una bussola per le deleghe, 2017)
    c. Commento di Delfino: La formazione iniziale e l'accesso al ruolo per i docenti (Notizie della scuola n. 5/17) 
  •  D.Lgs. n. 60 Promozione della cultura umanistica
    Norme sulla promozione della cultura umanistica, sulla valorizzazione del patrimonio e delle produzioni culturali e sul sostegno della creatività, a norma dell'articolo 1, commi 180 e 181, lettera g), della legge 13 luglio 2015, n. 107 (G.U. n. 112 del 16-5-2017 - Supp. Oridinario n. 23. Vigente al 31-5-2017)
    a. Testo D.Lgs. n. 60
    b. Tabella sui provvedimenti attuativi (da Tecnodid, Una bussola per le deleghe, 2017)
    c. Commento Di Natale: La La promozione della cultura umanistica (da Tecnodid, Una bussola per le deleghe, 2017)
  • D.Lgs. n. 61 Istruzione Professionale e raccordo con la IeFP 
    Revisione dei percorsi dell’istruzione professionale nel rispetto dell’articolo 117 della Costituzione, nonché raccordo con i percorsi dell’istruzione e formazione professionale, a norma dell’articolo 1, commi 180 e 181, lettera d), della legge 13 luglio 2015, n. 107. (17G00069) (GU n.112 del 16-5-2017 - Suppl. Ordinario n. 23) Vigente al: 31-5-2017
    a. Testo D.Lgs. n. 61
    b. Guida alla lettura del Decreto legislativo
    c. Tabella dei provvedimenti attuativi previsti dal decreto legislativo
    d. Approfondimenti sul decreto elaborati da Malizia Guglielmo (Editoriale Rassegna CNOS 2/2017 pp. 3-26) e Salerno Giulio (Rassegna CNOS 2/2017 pp. 149-168)
  • D.Lgs. 62 Valutazione e esami di Stato 
    Norme in materia di valutazione e certificazione delle competenze nel primo ciclo ed esami di Stato, a norma dell’articolo 1, commi 180 e 181, lettera i), della legge 13 luglio 2015, n. 107. (17G00070) (GU n.112 del 16-5-2017 - Suppl. Ordinario n. 23) Vigente al: 31-5-2017
    a. Testo del D. Lgs. n. 62
    b. Guida alla lettura del Decreto legislativo 
    c. Tabella dei provvedimenti attuativi previsti dal decreto legislativo 
    d. Approfondimenti sul Decreto tratti da Scuola 7 del 16 ottobre 2017: Scheda “valutare” sui DM 741 e 742 del 3.10.17; nota 1865 del 10.10.17; Scheda “Esami” elaborata da Scuola7 del 16 ottobre 2017; Scheda “ASL – anagrafe …”
    e. Commento di E. Acerra, Valutazione degli apprendimenti (Notizie della Scuola n. 5/2017)
  • D.Lgs. 63 Diritto allo studio 
    Effettività del diritto allo studio attraverso la definizione delle prestazioni, in relazione ai servizi alla persona, con particolare riferimento alle condizioni di disagio e ai servizi strumentali, nonché potenziamento della carta dello studente, a norma dell’articolo 1, commi 180 e 181, lettera f), della legge 13 luglio 2015, n. 107. (17G00071) (GU n.112 del 16-5-2017 - Suppl. Ordinario n. 23) Vigente al: 31-5-2017
    a. Testo del D. Lgs. n. 63 
    c. Commento di P. Bonanno, Diritto allo studio o all’istruzione? (Notizie della Scuola 5/2017)
  • D.Lgs. 64 Scuole italiane all’estero 
    Disciplina della scuola italiana all’estero, a norma dell’articolo 1, commi 180 e 181, lettera h), della legge 13 luglio 2015, n. 107. (17G00072) (GU n.112 del 16-5-2017 - Suppl. Ordinario n. 23) - Vigente al: 31-5-2017
    a. Testo del D. Lgs. n. 64
    b. Tabella sui provvedimenti attuativi
    c. Commento di B.R. Iovine, Scuole italiane all’estero. Un decreto promettente(Notizie della Scuola 5/2017)
  • D.Lgs. 65 Scuola Zero-Sei 
    Istituzione del sistema integrato di educazione e di istruzione dalla nascita sino a sei anni, a norma dell’articolo 1, commi 180 e 181, lettera e), della legge 13 luglio 2015, n. 107. (17G00073) (GU n.112 del 16-5-2017 - Suppl. Ordinario n. 23) - Vigente al: 31-5-2017
    a. Testo del D. Lgs. n. 65 
    b. Assegnati alle Regioni €. 509 milioni per il potenziamento dell’istruzione 0-6 anni (cfr. allegato
    c. Tabella sui provvedimenti attuativi (Tecnodid, Una mappa per orientarsi)
    d. Commento di G. Cerini, La cornice “emozionale” dello zero-sei (Tecnodid, Una mappa per orientarsi)
  • D.Lgs. 66 Inclusione studenti con disabilità 
    Istituzione del sistema integrato di educazione e di istruzione dalla nascita sino a sei anni, a norma dell’articolo 1, commi 180 e 181, lettera e), della legge 13 luglio 2015, n. 107. (17G00073) (GU n.112 del 16-5-2017 - Suppl. Ordinario n. 23) - Vigente al: 31-5-2017
    a. Testo del D. Lgs. n. 66
    b. Tabella sui provvedimenti attuativi (Tecnodid, Una mappa per orientarsi)
    c. Commenti di L. Lega, Decreto legislativo inclusione: più conferme che novità (Notizie della Scuola 2/2017) e Dossi tratto da Rivista dell’Istruzione 4/2017

1.3. Terzo Settore: approvazione della riforma e provvedimenti attuativi

La riforma del Terzo Settore, annunciata il 12.04.2014, è giunta al traguardo il 28.06.2017. 

Sono 300 mila realtà con un fatturato di quasi 70 miliardi di euro che occupano poco meno di un milione di lavoratori. Nei prossimi 18 mesi il Governo metterà mano a 39 provvedimenti amministrativi attuativi dei decreti legislativi. Insieme alla rappresentanza del sociale nella primavera del 2018 il Governo staccherà anche un primo tagliando alla delega introducendo le modifiche che riterrà necessarie. Nel frattempo, entro la conclusione dell’anno si attende il lasciapassare della Commissione europea sulle nuove norme fiscali. Il percorso si chiuderà all’inizio del 2019 con l’operatività del nuovo Registro unico del Terzo Settore che chiuderà l’epoca delle onlus. 

Ad oggi sono stati pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale:  

  • la Legge 6 giugno 2016, n. 106: Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell’impresa sociale e per la disciplina del servizio civile universale
  • i Decreti Legislativi attuativi: il D. Lgs. 6 marzo 2017, n. 40: Istituzione e disciplina del servizio civile universale, a norma dell’articolo 8 della legge 6 giugno 2016, n. 106;  il D. Lgs. 3 luglio 2017, n.  111: Disciplina dell’istituto del cinque per mille dell’imposta sul reddito delle persone fisiche a norma dell’articolo 9, comma 1, lettere c) e d), della legge 6 giugno 2016, n. 106; il D.Lgs. 3 luglio 2017, n. 117: Codice del Terzo settore, a norma dell’articolo 1, comma 2, lettera b) della legge 6 giugno 2016 n. 116; il D. Lgs. 3 luglio 2017, n. 112: Revisione della disciplina in materia di impresa sociale, a norma dell’articolo 2, comma 2, lettera c) della legge 6 giugno 2016, n. 106; D.P.R. n. 211 del 28 luglio 2017 recante "Approvazione dello statuto della Fondazione Italia Sociale" in G.U. n. 211 del 9 settembre 2017.

Per accompagnare la complessità della Riforma, con la presente newsletter, traendo dal numero di VITA (settembre 2017) pubblichiamo: Diciotto mesi per arrivare al traguardo di Arduini S.; Personalità giuridica di Bassi A.; Articoli vari di: Fici A., Serpio G., Lombardi A., Venturi/Zandonai, Palazzini L.; Esame superato, ma senza lode di Pessato M.; Editoriale di F. Ciccimarra (Agidae 5/2017); Puddu, Rainero, Migliavacca, Enti ecclesiastici ed Enti del Terzo settore nel D.Lgs. 3 luglio 2017, n. 117 (Agidae 5/2017). 

2. MIUR

2.1. Iscrizioni (Anno scolastico 2018/2019)

Iscrizioni alle scuole dell’infanzia e alle scuole di ogni ordine e grado per l’anno scolastico 2018/2019 – Le domande dal 16 gennaio 2018 al 6 febbraio 2019 (Nota prot.n. 14659 del 13 novembre 2017 e Allegati: Licei, Istituti Tecnici, Istituti Professionali). 

2.2. Educazione al rispetto - Linee Guida Nazionali

In ossequio a quanto previsto dall’art. 1, comma 16 della Legge 107/2015, il MIUR, il 27 ottobre 2017, ha emanato le Linee Guida Nazionali “Educazione al rispetto: per la parità tra i sessi, la prevenzione della violenza di genere e di tutte le forme di discriminazione”

Si allegano: MIUR, Comunicato stampa (27 ottobre 2017); MIUR, Linee Guida Nazionali (art. 1 comma 16 L. 107/2015). Educare al rispetto: per la parità tra i sessi, la prevenzione della violenza di genere e di tutte le forme di discriminazione; MIUR, Rispetta le differenze. Piano nazionale per l’educazione al rispetto; MIUR, Aggiornamento Linee di Orientamento per la prevenzione e il contrasto del cyberbullismo; Commenti: Avvenire (27.10.2017), Disal (27.10.2017).

2.3. Paritarie: ripartizione risorse residue

Il MIUR ha diramato il Decreto Dipartimentale n. 1146 dell'8 novembre 2017.

Con il Decreto si dispone l'assegnazione delle risorse finanziarie residue, in termini di competenza e cassa, destinate alle scuole paritarie.

Nel Decreto sono elencati gli Uffici Scolastici Regionali e le somme ad essi destinate, relative al capitolo 1477/1 "Contributi alle scuole paritarie comprese quelle della Valle D'Aosta".

Sarà compito dei Direttori Regionali erogare le somme alle scuole, secondo i criteri dettati dal D.M. 834/2017.

2.4. MIUR-Studi: La dispersione scoalstica nell'a.s. 2015/2016 e nel passaggio all'a.s. 2016/2017 - Novembre 2017

Il MIUR, nel mese di novembre 2017, ha pubblicato uno studio sulla dispersione scolastica. La pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati a giugno 2017. 

Oltre lo studio "La dispersione scolastica nell'a.s. 2015/2016 e nel passaggio all'a.s. 2016/2017" si allegano commenti tratti dalle Riviste del Settore.

2.5. MIUR-Focus: Anticipazione sui principali dati della scuola statale

L’onda di magra del decremento demografico sta sempre più coinvolgendo il sistema scolastico, a cominciare dalle classi iniziali della scuola dell’infanzia e primaria, interessando in ogni settore soprattutto le regioni del Sud e delle Isole. È quanto emerge dall’annuale focus del Ministero dell’Istruzione relativo alle “Anticipazioni sui principali dati della scuola statale” relativo al 2017-18 … 

Si allega anche un commento di Tuttoscuola del 6/11/2017.

2.6. Il nuovo esame della secondaria di 1° grado

Il 10 ottobre 2017 il Ministro firma il Decreto che cambia l’esame della secondaria di primo grado: “Più attenzione al percorso di studi, Cittadinanza e Costituzione valorizzata nel colloquio, Prove Invalsi ad aprile: si faranno al computer, arriva l’Inglese”. 

2.7. INVALSI: Indagine internazionale su educazione Civica

Il 7 novembre 2017 INVALSI ha presentato i risultati dell’indagine internazionale sull’Educazione civica e alla cittadinanza e buone prassi delle scuole

“Buone notizie per l’Italia che, per una volta, in una classifica comparativa internazionale, raggiunge un punteggio significativamente superiore alla media internazionale (convenzionalmente stabilita a 500): nella ricerca ICCS (International Civic and Citizenship Education Study) della IEA (International Association for the Evaluation of Educational Achievement), l’indagine internazionale più ampia finora condotta sull’educazione civica e l’esercizio della cittadinanza attiva, gli studenti italiani ottengono il punteggio di 524 (nel 2009 era stato di 531), mentre la migliore performance è quella della Danimarca, che tocca i 586 punti”. 

Si allegano: 

2.8. Alternanza Scuola-Lavoro

Il 12 ottobre 2017 il MIUR ha sottoscritto un Protocollo di intesa con l’ANPAL per sostenere e accompagnare l’alternanza scuola lavoro. Obiettivo del Protocollo sottoscritto è favorire l’integrazione fra il sistema dell’Istruzione e Formazione e il mondo del lavoro. Saranno messi a disposizione delle scuole secondarie di secondo grado tutor specializzati. 

Nella presente newsletter si offrono materiali informativi più recenti. 

  • MIUR: La ministra presenta i dati sull’ASL (10.10.2017)
  • MIUR-ANPAL: Protocollo di intesa (12.10.2017)
  • VITA: La scuola va al lavoro (cap. 1: Alternanza come farla funzionare; cap. 2: le buone pratiche; cap. 3: Non profit, primi della classe in soft skills)
  • ADAPT: Labour Stgudies (e-Book series, n. 66), Dall’alternanza scuola-lavoro all’integrazione formativa (a cura di Emmanuele Massagli) 

2.9. Sperimentazione scuola superiore in 4 anni

La newsletter offre un contributo/riflessione sulla sperimentazione della scuola superiore in 4 anni (Antonio d’Itollo) e comunica il ricorso al TAR effettuato dalla CGIL (4 novembre 2017). 

2.10. Primo soccorso: da febbraio 2018 si insegnerà a scuola

Imparare a riconoscere le situazioni di pericolo e le circostanze che richiedono l’intervento di un adulto o dell’ambulanza, apprendere il funzionamento e l’utilizzo di un defibrillatore e imparare manovre di primo soccorso come il massaggio cardiaco, la disostruzione delle vie aeree e di primo soccorso nel trauma. Sono le principali nozioni che alunne e alunni, studentesse e studenti delle scuole italiane, dall’infanzia alla secondaria di II grado, acquisiranno partecipando al percorso formativo “Primo soccorso a scuola”, realizzato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e dal Ministero della Salute, in collaborazione con il SIS 118 (Società italiana sistema 118). Il progetto, che attua il comma 10 dell’articolo 1 della legge 107 del 2015, la “Buona Scuola”, partirà in via sperimentale il prossimo febbraio 2018. Ne dà notizia il MIUR attraverso un comunicato.

3. MLPS

3.1. Sistema Duale: un sito dedicato

Il MLPS ha un sito dedicato sul sistema duale contenente la definizione, gli strumenti, i principali documenti, gli eventi legati al Job Orienta 2017. 

3.2. Sistema Duale: il monitoraggio del MLPS sulla sperimentazione

Il 13 luglio 2017, il MLPS ha presentato il monitoraggio effettuato sulla sperimentazione del sistema duale italiano. “Più di 23.000 i giovani che partecipano al sistema duale”. 

Si allegano: Comunicato stampa del 13 luglio 2017; INAPP, Sperimentazione del sistema duale nella IeFP. Analisi dello stato di avanzamento delle programmazioni regionali. 

3.3. Sistema Duale: il monitoraggio di FORMA

A Roma, presso il Senato della Repubblica, l’8 novembre 2017, Forma ha presentato il primo Rapporto di Monitoraggio della sperimentazione del sistema duale relativo all’anno formativo 2016/2017: Il duale nella IeFP. Una risorsa per i giovani e per il paese. 

Si allegano: 

3.4. Garanzia Giovani 

Il Rapporto trimestrale fa il punto sugli interventi finanziati dalla Garanzia Giovani, con dati aggiornati al 31 marzo 2017: Oltre 1 milione e 130 mila Neet, giovani tra i 15-29 anni che non lavorano, non studiano e non si formano, si sono registrati al programma. Per quanto riguarda l’attuazione delle misure, il 47,1% dei giovani presi in carico dai servizi è stato avviato a un intervento di politica attiva, con differenze a livello territoriale. Degli oltre 348 mila giovani che hanno concluso un intervento, il 43,7% risulta occupato, con un tasso d’inserimento che aumenta al crescere del titolo di studio. All’interno del rapporto, inoltre, i risultati della quarta rilevazione sul grado di soddisfazione degli utenti, che evidenziano un orientamento sostanzialmente positivo da parte dei giovani nei confronti dei servizi per il lavoro.

3.5. Assegno di ricollocazione 

Il 15 novembre 2017, ANPAL ha aggiornato le Faq relative all’assegno di ricollocazione nell’apposita sezione del portale (l’ultimo aggiornamento risaliva al 22 settembre 2017). In particolare, sono state apportate modifiche alle Faq: sul cambio di sede operativa; sulla proroga dell’AdR; sul riconoscimento del Fee4Service in caso di cambio di operatore.

Si allegano: 

  • Noviter: AdR_scheda informativa (22 settembre 2017) 
  • AeR_FAQ (15.11.2017) 

3.6. Incentivi occupazione giovani e Sud (20.10.2017) 

Sono disponibili, nella sezione “Dati e Pubblicazioni” del sito, due note di aggiornamento al 30 settembre 2017 relative a Incentivo Occupazione Giovani e Incentivo Occupazione SUD.

Alla data di riferimento le domande presentate totali per Incentivo Occupazione Giovani sono state 74.399. Di queste 46.763 (62,9%) risultano confermate con un incremento di 6.492 unità (+16,1%) rispetto al mese precedente.

Per l’Incentivo Occupazione SUD le domande presentate totali sono state 135.931. Di queste le domande confermate sono 93.401 (68,7%), registrando una variazione percentuale del 13% rispetto al mese precedente. 

3.7. INPS: circolare Reddito di Inclusione 

Il Reddito di Inclusione (REI) è una misura di contrasto alla povertà e all’esclusione sociale introdotta dal decreto legislativo 15 settembre 2017, n. 147, emanato in attuazione della legge-delega 15 marzo 2017 con decorrenza dal 1° gennaio 2018. Tale misura prevede un beneficio economico erogato attraverso l’attribuzione di una carta prepagata emessa da Poste Italiane SpA ed è subordinata alla valutazione della situazione economica e all’adesione a un progetto personalizzato di attivazione e di inclusione sociale e lavorativa … 

4. STATO REGIONI: Proposte per la definizione di un "costo standard" per la scuola paritaria e per il (sotto)sistema di IeFP

Scuola paritaria 

La Legge 10 Marzo 2000, n. 62, "Norme per la parità scolastica e disposizioni sul diritto allo studio e all’istruzione", pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 67 del 21 marzo 2000, all’articolo 1 afferma: 

  1. Il sistema nazionale di istruzione, fermo restando quanto previsto dall’articolo 33, secondo comma, della Costituzione, è costituito dalle scuole statali e dalle scuole paritarie private e degli enti locali. La Repubblica individua come obiettivo prioritario l’espansione dell’offerta formativa e la conseguente generalizzazione della domanda di istruzione dall’infanzia lungo tutto l’arco della vita.

Ma, come noto, alla parità giuridica ad oggi non è seguita la parità economica. 

Al momento la ministra dell'istruzione Fedeli ha annunciato la nascita del Gruppo di lavoro per la definizione del costo standard di sostenibilità per gli studenti.

Sistema di Istruzione e Formazione Professionale (IeFP) 

Come noto, dal 2001 l’Istruzione e Formazione Professionale è un settore ordinamentale riconosciuto dalla Costituzione e da questa attribuito direttamente ed esplicitamente alla competenza legislativa cosiddetta “esclusiva” delle Regioni. Dunque le Regioni dispongono in tema di IeFP di maggiore autonomia rispetto a quanto è previsto, più complessivamente, per l’intera materia della “istruzione”, che è invece rimessa alla competenza legislativa “concorrente” delle Regioni, essendo riservata allo Stato la definizione dei cosiddetti “principi fondamentali”. Tuttavia, è noto che, attualmente, non vi sia una vera “offerta formativa omogenea” di IeFP sull’intero territorio nazionale, non essendo dunque garantita la “sostanziale parità di trattamento” dei giovani nella fruizione del servizio educativo realizzato mediante la IeFP. 

Questa situazione ha spinto esperti del mondo scolastico e formativo a studiare ipotesi di soluzione per giungere ad una “effettiva parità scolastica” e ad una “offerta formativa omogenea”. 

Si allegano, allo scopo, due contributi: 

Regioni

Ordinamenti - Dibattito - Progetti

1. GOVERNO DELLE REGIONI

La Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome ha la finalità di:

  • Definire, promuovere posizioni comuni su temi di interesse delle Regioni, elaborare documenti e proposte al fine di rappresentarle al Governo e al Parlamento e agli altri organismi centrali dello Stato e alle istituzioni comunitarie.
  • Predisporre pareri e base di intesa in osservanza della legislazione vigente.
  • Favorire il raccordo con le autonomie locali a livello nazionale.

Si allegano: 

  • la composizione delle Commissioni, individuate in base ai gruppi di materie omogenee di competenza delle Regioni e delle Province Autonome; 
  • gli Assessori regionali incaricati nelle materie dell’Istruzione, della Formazione Professionale e del Lavoro. 

2. CAMPANIA: "Imparare lavorando in Campania" (3.11.2017)

Nella Regione si sono svolti alcuni eventi significativi relativi al sistema formativo regionale. 

3. EMILIA – ROMAGNA: nasce la rete attiva per il lavoro 

Nella Regione si sono svolti alcuni eventi significativi relativi al sistema formativo regionale. 

4. LAZIO: povertà a Roma 

Nel giorno 11 novembre 2017 è stato presentato a Roma il Rapporto su disagio e povertà della Caritas di Roma: La povertà a Roma: un punto di vista. 

5. LIGURIA. Diocesi di Genova: famiglia e scuola sono priorità pastorali 

Si riportano due documenti attinenti la Regione. 

6. LOMBARDIA: oltre 2.000 contratti di apprendistato 

Il 26 ottobre 2017, in occasione di un evento, si sono presentati di dati relativi alla sperimentazione duale: attivi oltre 2000 contratti di apprendistato. 

  • Una scheda sui contratti di apprendistato
  • ITS e imprese: modello lombardo per l’istruzione tecnico-scientifica (15.11.2017) 

7. SICILIA: il “vuoto” della formazione professionale 

Il 31 ottobre 2017, il Sole 24 ore, pubblica un articolo dal pungente titolo: “Il vuoto di conoscenza che indebolisce la Sicilia”

 

Rassegna

Temi trattati dalle principali riviste o Rapporti

1. LA 48° SETTIMANA SOCIALE (Cagliari 26-29 ottobre 2017) 

Le Settimane Sociali dei Cattolici Italiani nacquero nel 1907 per iniziativa di Giuseppe Toniolo. La prima si tenne a Pistoia nel 1907. Si svolsero ogni anno fino alla Prima Guerra Mondiale. I temi affrontati furono soprattutto il lavoro, la scuola, la condizione della donna, la famiglia. Dal 1927, un ruolo importante nell'organizzazione delle Settimane Sociali fu assunto dall'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Poi nel 1935 arrivò la prima sospensione a causa degli attriti con il regime fascista. Ripresero dopo la fine della Seconda guerra mondiale, nel 1945, continuando fino al 1970, poi fu la volta di una seconda e lunga sospensione. A seguito delle sollecitazioni provenienti dal Convegno ecclesiale di Loreto (1985) e con la pubblicazione di una nota pastorale della Conferenza Episcopale Italiana dal titolo “Ripristino e rinnovamento delle Settimane Sociali dei cattolici italiani” (1988) si riprese la celebrazione delle Settimane Sociali.

Le prime edizioni rinnovate furono nel 1991 a Roma su “I cattolici italiani e la nuova giovinezza dell’Europa”; nel 1993 a Torino su “Identità nazionale, democrazia e bene comune” e nel 1999 a Napoli su “Quale società civile per l’Italia di domani?”

A Cagliari, dal 26 al 29 ottobre 2017, si è svolta la 48ª Settimana Sociale dal titolo: “Il lavoro che vogliamo: libero, creativo, partecipativo, solidale”

2. IL VALORE DELLA PARITÁ – XIX Rapporto della Scuola cattolica – 2017 

Il volume è stato presentato a Roma il 24 ottobre 2017, presso la Sala del Cenacolo della Camera dei Deputati, da S.E. mons. Nunzio Galantino, Segretario Generale della CEI e dalla Sen. Valeria Fedeli, Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. 

  • Il valore della parità -S.E. Mons. Galantino
  • Parità scolastica: non solo una questioni di soldi - S. Cicatelli
  • Documentazione statistica sul sistema delle scuole paritarie in Italia (2000-2017) 1 e 2
  • I commenti (Parità scolastica da realizzare - E. Lenzi, Avvenire; Scuola, senza parità Paese meno libero - A. Guerrieri, Avvenire; Dopo 17 anni parità ancora lontana - G. Pasqualin Traversa, SIR; Scuole Paritarie, Lanci SIR presentazione rapporto). 

3. L’EDUCAZIONE SECONDO FRANCESCO – X giornata pedagogica (14.10.2017) 

L’Educazione secondo Francesco. X Giornata Pedagogica della Scuola Cattolica, Roma 14 ottobre 2017. 

4. POVERTÁ e IMMIGRAZIONE IN ITALIA - Anno 2017: Caritas Italiana e altri 

A ridosso della discussione della Legge di Bilancio e dell’introduzione – a partire dal prossimo gennaio 2018 - del Reddito d’inclusione (REI), Caritas Italiana il 26 ottobre 2017 ha reso on-line la quarta edizione del Rapporto sulle politiche contro la povertà in Italia, dal titolo “Per uscire tutti dalla crisi”

A più di vent’anni di distanza dal primo Rapporto sulla povertà di Caritas Italiana, pubblicato nel 1996, Caritas Italiana denuncia la persistenza del fenomeno “povertà” in Italia. Rispetto al passato, i dati del Rapporto ci consegnano alcune specifiche differenze: la povertà, da un anno all’altro, è ancora una volta aumentata (mentre alla fine degli anni ‘90 appariva sostanzialmente stabile). La seconda differenza è che le persone più penalizzate non sono più gli anziani, i pensionati, come nel passato, ma i giovani. 

Il titolo del Rapporto, “Futuro anteriore”, intende descrivere in chiave simbolica questo fenomeno. Molti dei nostri giovani hanno ormai uno sguardo disincantato verso un futuro che vedono costellato di incognite e di incertezze e quasi uno sguardo nostalgico verso il passato. 

Un focus approfondito sui bambini lo compie Save the Children: “In Italia 1 bambino su 8 è in povertà assoluta. La scuola non colma il divario”. 

Da ultimo IDOS e Confronti pubblicano il Dossier Statistico Immigrazioni 2017 (26 ottobre 2017). 

5. SVIMEZ 

Il 7 novembre 2017, presso la Camera dei Deputati, è stato presentato il Rapporto SVIMEZ 2017 sull’economia del Mezzogiorno, un Rapporto che ne registra luci e ombre.

6. STUDI SULLO SVILUPPO TECNOLOGICO NEL MONDO DEL LAVORO 

Sotto questa rubrica si riportano studi sugli sviluppi del mondo tecnologico nel mondo del lavoro: 

  • Il Senato della Repubblica ha pubblicato il documento conclusivo dell’indagine promossa dalla Commissione Lavoro “Impatto sul mercato del lavoro della quarta rivoluzione industriale” che ha affrontato da molti punti di vista il rapporto tra tecnologia e lavoro; 
  • INAPP ha svolto un’indagine sull’impatto del cambiamento tecnologico sulle professioni: “Cambiamento tecnologico, mansioni ed occupazione”. Negli ultimi anni le professioni che sono cresciute maggiormente sono riconducibili ad attività caratterizzate da elevata intensità tecnologica e innovazione organizzativa; 
  • Il Rapporto I-COM/Istituto per la competitività 2017, pubblicato il 31.10.2017, fa il punto sulla digitalizzazione in Italia: Italia digitale, istruzioni per l’uso. Alla ricerca di uno shock della domanda (Novembre 2017). I dati analizzati sono fonte UE. È così possibile classificare lo sviluppo della banda ultra larga in Italia.
  • Pubblicato anche il Rapporto di Unioncamere sulla digitalizzazione delle imprese, in particolare sui “settori bit”, dal commercio on line, agli internet service provider, dai produttori di software a chi elabora dati o chi gestisce portali web. 
  • Istat (27 ottobre 2017) elabora un focus su: I giovani nel mercato del lavoro. L’Istat ha pubblicato i dati relativi ai percorsi formativi e ai processi di inserimento lavorativo dei giovani. Nel secondo trimestre 2016 la fascia di popolazione che ha tra i 15 e i 34 anni è costituita 12 milioni 681 mila persone e rappresenta il 21% dei residenti in Italia. 

7. REPUBBLICA DEGLI STAGISTI: Best stage2017 

Best stage è una “guida” che segnala aziende trasparenti per gli stage, leggi regionali in materia di stage, FAQ – riposte alle domande più frequenti. Nella presente newsletter si riporta la 4° edizione della guida Best Stage (1 - 2). Obiettivo della pubblicazione è quello di fornire ai giovani, e più in generale a tutti coloro che agiscono nell’universo stage, una bussola attraverso cui orientarsi nel momento delicato del passaggio dalla formazione al lavoro. 

SALESIANI PER IL LAVORO – onlus
Una proposta Salesiana per dare dignità e futuro! Senza lavoro non si può vivere...

La Onlus Salesiani per il lavoro si rivolge a persone - giovani e adulti - che sono in età lavorativa e versano in condizione di disagio sociale, attraverso i servizi dell'informazione, dell'orientamento, della formazione e dell'aggiornamento professionale. Punta a favorire il loro inserimento o reinserimento nel mondo del lavoro. Per maggiori informazioni sulle attività della onlus si può consultare il sito
www.salesianiperillavoro.it

Aiutaci a dare di più a chi ha di meno!!