Newsletter n. 4 - Aprile 2018

Logo CNOS/Scuola

Questa newsletter è una pubblicazione a cura
della Sede Nazionale CNOS/SCUOLA

EUROPA
ITALIA
REGIONI
RASSEGNA

Vita dell'Associazione CNOS/Scuola

News recenti sulla scuola - Aprile 2018

Il prof. don Bruno Bordignon cura “Informazioni CIOFS e CNOS/Scuola”, notizie che vengono inviate direttamente alle istituzioni scolastiche in forma ricorrente (Info Aprile 2018).

Appuntamenti

Proposte di date e di eventi 

Maggio 2018
19 Consiglio Direttivo CNOS/Scuola 

SERVIZIO QUESITI

E’ funzionante il servizio quesiti curato dal prof. don Bruno Bordignon.
Tutti possono rivolgersi a don Bruno Bordignon presentandogli “quesiti”
I suoi riferimenti
Posta elettronica: bordignon@unisal.it
bbordignon@salesiani.it
Telefono: 06/87290554 –
cell. 3351096004

Altri servizi

Ulteriori consulenze sono possibili presso Fidae e Agidae nelle modalità proposte dalle due Associazioni.

RINNOVO DEL CCNL-SCUOLA

I testi della trattativa

1. Contratto Collettivo Nazionale Lavoro - Agidae 2016-2018

Il giorno 7 luglio 2016, in Roma, presso la Sede Nazionale dell’AGIDAE, in Via Vincenzo Bellini 10, dopo la sigla dell’Ipotesi di Accordo del 13 aprile 2016, tra l’AGIDAE e le OO.SS. è stato stipulato il seguente Contratto Collettivo Nazionale che disciplina il trattamento normativo ed economico per il personale direttivo, docente, amministrativo, tecnico ed ausiliario occupato negli Istituti aderenti all’AGIDAE. Il Contratto si compone di 3 parti tra loro inscindibili: Parte prima: il sistema delle relazioni sindacali; Parte seconda: la disciplina del rapporto di lavoro; Parte terza: allegati. Nella Rivista AGIDAE n. 3-4 il presidente AGIDAE presenta, nell’editoriale, il nuovo CCNL-AGIDAE 2016 – 2018.  

2. Rapporti di collaborazione coordinata e continuativa nelle istituzioni AGIDAE-CCNL-Scuola

Il 13 aprile 2016 le parti – AGIDAE e FLC CGIL, CISL Scuola, UIL Scuola, Snals COnfsal, Sinasca – firmano il documento che disciplina i rapporti di collaborazione coordinata e continuativa. 

3. Verbale di accordo: assistenza sanitaria integrativa (ASI)

Il 7 luglio 2016 le parti si accordano per l’avvio del nuovo sistema ASI

4. FISM: firmato il contratto collettivo nazionale (1.1.2016-31.12.2018)

Il 12 dicembre 2016 è stato firmato il CCNL FISM.

5. Firmato il CCNL Università Pontificie e Facoltà ecclesiastiche (2017-2020)

Il 22 settembre 2017 è stato firmato il CCNL Università Pontificie e Facoltà Ecclesiastiche

6. Aggiornamenti 

6.1. Gli istituti non possono essere esclusi dalla certificazione dei servizi a domanda individuale 
Scheda tratta da Scuola 24 dell'08.02.2018 e Deliberazione della Corte dei Conti 2/18/PAR.

6.2. Obbligo di vigilanza dei docenti, la maggiore età degli alunni non esclude la responsabilità
Scheda tratta da Scuola 24 del 01.02.2018.

6.3. Abilitazione necessaria per i contratti con le scuole paritarie
Scheda tratta da Scuola 24 del 21.02.2018 e sentenza della Cassazione del 20.02.2018.

 

Europa

Ordinamento - Dibattito - Progetti

1. CONTO ALLA ROVESCIA PER LA NUOVA PRIVACY
Dal 25 maggio 2018 entrerà in vigore il Regolamento europeo

Dal prossimo 25 maggio 2018, com’è noto, entrerà in vigore il Regolamento europeo sulla Privacy (RGPD) che prevede l’adeguamento alle nuove disposizioni della normativa sulla privacy in vigore in tutti gli stati membri dell’UE. Per l’Italia il Regolamento determina il superamento del D. Lgs. 196/2003. 

A tal fine, il 21 marzo 2018 il Consiglio dei Ministri ha approvato, in via preliminare, un decreto legislativo finalizzato ad armonizzare la normativa nazionale alle disposizioni del Regolamento. 

Acquisti i previsti pareri, il decreto entrerà in vigore entro 60 giorni dalla data di prima approvazione, determinando l’abrogazione di tutte le disposizioni del Codice in materia di trattamento dei dati personali (D.Lgs. 196/2003) non compatibili con quelle contenute nel Regolamento.

La novità chiama in causa anche tutte le pubbliche amministrazioni, scuole comprese, costrette a rivedere la gestione della protezione dei dati personali e a farsi carico di una serie di adempimenti obbligatori finalizzati ad implementare la sicurezza dei dati.

2. EUROPA 2020 SU ISTRUZIONE E FORMAZIONE: OBIETTIVI RAGGIUNTI E DA RAGGIUNGERE  

L’Europa, nel settore dell’Istruzione e della Formazione, si è data specifici obiettivi quantitativi (benchmark) da raggiungere entro il 2020. 

L’Italia ha avuto da decenni due talloni d’Achille: un numero di laureati troppo basso e una quota di abbandoni scolastici ancora elevata. 

In entrambe le categorie - grazie anche ai miglioramenti del 2017 - il nostro paese ha già raggiunto i target che si era dato da qui al 2020. Target - è il caso di specificarlo subito - che erano però poco ambiziosi.

  • Italia ancora penultima per laureati 

Partiamo dai 30-34enni in possesso di una laurea. Ebbene, con il 26.9% - un risultato che tiene insieme il 19.8% degli uomini e 34.1% delle donne - registrato alla fine dell’anno scorso abbiamo sì superato l’obiettivo del 26% che dovevamo raggiungere entro il decennio. Ma restiamo ben lontani dalla media dell’Unione europea. Che è arrivata al 39.9%. 

E infatti penultimi eravamo per numero di laureati e penultimi restiamo. Peggio di noi infatti fa solo la Romania (26.3%). Mentre la testa della classifica resta lontanissima: la Lituania è prima con il 58%, Cipro seconda con il 55.8% e l’Irlanda terza con il 53.5%.

  • Migliora la dispersione scolastica

La seconda buona notizia arriva come detto dagli abbandoni scolastici. 

Nel 2017 siamo arrivati al 14%. Due punti sotto il nostro target per il 2020. Ma ancora lontani da gran parte del Vecchio continente. Tant’è che restiamo indietro sia dai paesi che quasi non conoscono il fenomeno early school leavers - la Croazia al 3.1%, la Slovenia al 4.3% e la Polonia al 5% - sia dalla media europea che è arrivata al 10.6%. 

A un soffio dal 10% tondo tondo cifrato come obiettivo comune per il decennio. 

Per approfondire si propongono: 

  • un panorama europeo aggiornato realizzato da Eurostat 2017; 
  • un focus aggiornato sulla dispersione scolastica in Italia: contributi di Salza (I successi e i fallimenti scolastici: le diseguaglianze educative), Marconato (La “sfida” delle competenze), Farinelli (Scotta la dispersione), Chiesa (Orientamento, e [dis]orientamento nei momenti di passaggio), Borsarini (L’accompagnamento nei momenti di passaggio), Simonetti (Drop out al liceo? Fu-Ori), Grillo (Lo stato di salute degli istituti tecnici), Bertani (La dispersione scolastica in cifre); 
  • un volume che presenta, in sintesi, le principali politiche europee aggiornato al 2017 per orientarsi con maggiore facilità (Allulli, Europa 2020. Una bussola per orientarsi). 

3. AMBIENTI DI APPRENDIMENTO A SCUOLA: RIPENSAMENTO E ADATTAMENTO

Oggi non è più possibile pensare all’innovazione della scuola senza ripensare gli ambienti di apprendimento. 

Le “Linee guida per il ripensamento e l’adattamento degli ambienti di apprendimento a scuola” sono il documento redatto con il contributo dei Ministeri dell’istruzione facenti parte dell’Interactive Classroom Working Group (ICWG) di European Schoolnet (EUN).

Alla stesura del testo hanno partecipato politici, consulenti, dirigenti scolastici e insegnanti di otto Paesi: Austria, Repubblica Ceca, Estonia, Irlanda, Italia, Norvegia, Portogallo e Svizzera. 

L’Indire ha contribuito attivamente fornendo il proprio contributo di ricerca durante gli incontri dell’ICWG, in particolare con i ricercatori Leonardo Tosi e Samuele Borri (Progetto Indire sulle Architetture scolastiche).

Lo scopo di questo documento è fornire una chiave di lettura e di visione per le scuole che hanno maturato l’idea dello “spazio” quale elemento fondamentale dell’innovazione assieme alle nuove tecnologie per la didattica.

4. eTWINNING: UN RECORD POSITIVO PER L'ITALIA

Come noto, eTwinning è la più grande community europea di insegnanti attivi nei gemellaggi elettronici tra scuole. Nata nel 2005 su iniziativa della Commissione Europea e attualmente tra le azioni del Programma Erasmus+ 2014-2020, eTwinning si realizza attraverso una piattaforma informatica che coinvolge i docenti facendoli conoscere e collaborare in modo semplice, veloce e sicuro, sfruttando le potenzialità del web per favorire un’apertura alla dimensione comunitaria dell’istruzione e la creazione di un sentimento di cittadinanza europea condiviso nelle nuove generazioni. L’azione è il tramite per aprirsi ad una nuova didattica basata sullo scambio e la collaborazione in un contesto multiculturale con numerose opportunità di formazione e un sistema di premi e riconoscimenti di livello internazionale. A livello europeo sono iscritti a eTwinning circa 550.000 insegnanti, di cui 60.000 solo in Italia.

Da aprile a novembre 2018 tornano i seminari regionali di formazione eTwinning per i docenti: saranno oltre 150 gli appuntamenti gratuiti organizzati nelle scuole di tutta Italia per promuovere l’utilizzo dei gemellaggi elettronici, fornendo consigli ed esempi pratici per intraprendere un nuovo modo di fare didattica in Europa. 

Metodologie innovative nelle quali l’Italia eccelle: il nostro paese è infatti al secondo posto in Ue per numero di gemellaggi e vanta numeri record sulla partecipazione degli insegnanti.

Da Bruxelles sono stati annunciati gli istituti che hanno ricevuto il nuovo titolo di “Scuola eTwinning” ed è subito arrivata una buona notizia per l’Italia. Tra le 1211 scuole premiate a livello europeo l’Italia conta il maggior numero di riconoscimenti, con ben 224 istituti premiati (circa il 20% del totale) sparsi in tutto lo stivale.

5. BILANCIO UE POST 2020: UN IMPORTANTE DIBATTITO IN CORSO 

  • La proposta europea 

“Tagli tra il 5 e il 10%, aumento dei cofinanziamenti nazionali, nuovi indicatori per la ripartizione dei fondi europei”

Sono alcune delle proposte su cui la Commissione si sta orientando per la Politica di Coesione post 2020, secondo quanto anticipato da Nicola De Michelis, capo gabinetto della commissaria per le politiche regionali Corina Cretu. 

  • La posizione italiana 

“Basta con i mercanteggi a fini nazionali, il bilancio dell’Ue deve rispondere ai grandi “beni pubblici europei”, con focus su migrazione e lotta alla povertà, salvaguardando la politica di coesione e aumentando le risorse proprie”. 

La posizione dell’Italia (almeno allo stato attuale) è questa, sullo sfondo dell’avvio dei negoziati sul bilancio pluriennale post 2020. 

Si allegano: schede FASI (20.04.2018) e AVVENIRE (27.04.2018) e per approfondimenti si rimanda ai siti: FASI, opencoesione e agenziacoesione.

6. EPALE: APPRENDIMENTO IN CARCERE

È pubblicato il secondo numero della rivista “EPALE Journal on Adult Learning and Continuing Education” – 2 dicembre 2017 - dedicato a L’educazione e l’apprendimento in carcere. Storie, progetti, buone pratiche

I testi raccolti propongono varie riflessioni sulla valenza educativa della pena, ma anche esperienze e buone storie: Istruzione formale in carcere, valenze educative nell’esecuzione della pena, educazione e apprendimento in carcere: buone storie, attività motorie e sportive come forma di mediazione, polo universitario penitenziario dell’Università di Genova, temi generatori di cambiamento in carcere; analisi dell’esperienza di Ristretti Orizzonti

7. CEDEFOP: RAGGIUNGERE GIOVANI E ADULTI "INVISIBILI" 

Le scarse qualifiche, il disimpegno dall’istruzione e dalla formazione e la disoccupazione di lunga durata sono fenomeni interconnessi che tendono ad accumularsi lungo tutto l’arco della vita di una persona. La nota del Cedefop offre una panoramica degli interventi messi in atto dalle autorità nazionali per combattere la marginalizzazione di giovani e adulti.

8. INTELLIGENZA ARTIFICIALE: COMUNICATO STAMPA DELLA COMMISSIONE EUROPEA 

La Commissione europea ha presentato una serie di misure destinate a mettere l’intelligenza artificiale (IA) al servizio dei cittadini europei e a migliorare la competitività dell’Europa in questo settore.

9. EUROSTAT: LA DISOCCUPAZIONE EUROPEA E ITALIANA 

  • La disoccupazione in Europa 

La nota di Eurostat (26 aprile 2018) illustra come il tasso di disoccupazione europea continui a scendere, nonostante permangano ampie differenze, comprese in un range fra l’1.7% e il 29.1%, nelle diverse zone dell’Europa. 

  • E la situazione italiana? 

A chi non avesse ancora capito come mai cresce in Italia la “rabbia sociale” delle classi più povere verso le élite, di cui i risultati elettorali sono stati la punta dell’iceberg, consiglio caldamente la lettura dei dati pubblicati qualche giorno fa da Eurostat (e che hanno avuto scarsa eco sui media italiani), così Francesco Delzio su Avvenire il 28 aprile 2018 e Massimo Baldini su La Voce il 27 aprile 2018.  

10. "I PADRONI DELLA TERRA": RAPPORTO FOCSIV 

“Le terre coltivate e predate del pianeta sono come una superficie di campi coltivati grande otto volte il Portogallo. In questo secolo sono state acquistate o affittate nei Paesi del sud da investitori e sottratte alle comunità locali privandole dell’accesso a risorse indispensabili per lo sviluppo. Le vittime del land grabbing sono così costrette a migrare verso le città o verso altri Stati”. 

Il quadro del fenomeno in estensione, che sottrae in nome del libero mercato cibo e futuro a intere popolazioni, viene delineato dal rapporto della Focsiv ‘I padroni della terra’, presentato il 27 aprile 2018 a Bari nel Villaggio Contadino di Coldiretti.

Si riportano le schede di Avvenire (27.04.2018) e Repubblica (27.04.2018).

Italia

Ordinamenti – Dibattito – Progetti

1. DOPO LE ELEZIONI DEL 4 MARZO 2018

Una visione sui principali programmi presentati dai partiti o dalle coalizioni si trova nella newsletter di febbraio 2018

Verso la costituzione del nuovo governo 

  • Presidenti di Camera e Senato 
    Il 24.03.2018 Maria Elisabetta Alberti Casellati e Roberto Fico sono stati eletti presidenti del Senato e della Camera, rispettivamente al terzo e al quarto tentativo. 
  • Commissione speciale per esame atti urgenti del Governo
    Il 4 aprile 2018, la Commissione speciale ha proceduto all’elezione del suo Ufficio di presidenza. 
    Sono risultati eletti: Presidente, il senatore Vito Crimi; Vice Presidenti, i senatori Erica Rivolta e Giacomo Caliendo; Segretari, i senatori Simona Malpezzi e Giovanbattista Fazzolari.

2. GOVERNO

2.1. La “Legge di bilancio 2018”: Istruzione, Formazione e Lavoro

I testi approvati sono riportati nella newsletter di febbraio 2018.

In allegato alla presente newsletter c’è una scheda sintetica (aggiornata al 07.04.2018) che aggiorna su: filiera professionalizzante e incentivi all’occupazione; formazione e politiche attive del lavoro (PAL); provvedimenti per le scuole paritarie; provvedimenti per le scuole statali. 

2.2. Documento di economia e finanza 2018 (CdM 26 aprile 2018)

Nella seduta del Consiglio dei Ministri del 26 aprile 2018 è stato approvato il Documento di economia e finanza 2018 (DEF), a norma dell’articolo 10 della legge 31 dicembre 2009, n. 196. 

Per facilitare la lettura del Piano Nazionale di Riforma (PNR) si offre una scheda elaborata da C. Tucci (Scuola24) che mette a fuoco i principali provvedimenti: stato dell’arte della Buona Scuola, Sistema integrato 0-6, Scuola – lavoro 4.0, dispersione scolastica, car 18enni, i nuovi IP, gli ITS; la valutazione dei presidi; le assunzioni e le retribuzioni; i provvedimenti in fatto di edilizia scolastica.  

Si allegano i Comunicati Stampa del CdM e della Ministra Valeria Fedeli del 26 aprile 2018.

2.3. Terzo Settore: approvazione della riforma e provvedimenti attuativi

I documenti fondamentali attinenti la riforma del Terzo Settore si trovano nella newsletter di febbraio 2018

Nella presente newsletter si riportano due decreti correttivi della Riforma: Impresa sociale e Codice del Terzo Settore. 

Il 21 marzo 2018 il CdM ha approvato due decreti legislativi che introducono norme integrative e correttive della disciplina in materia di Impresa sociale e del Codice del Terzo settore. 

Si allegano il Comunicato del CdM n. 75 del 21 marzo 2018, una scheda di sintesi sulle principali novità tratta da Vita del 22 03 2018 e una scheda tratta da Supplemento al n. 74 di Avvenire del 28 marzo 2018. 

3. MIUR

3.1. ITS: Monitoraggio nazionale - 17 aprile 2018

L’Indire, su incarico del MIUR, realizza e gestisce la banca dati degli Istituti Tecnici Superiori (ITS), contribuisce alla definizione dei criteri di monitoraggio e di valutazione dei percorsi ITS, realizza il monitoraggio nazionale ed elabora rapporti di monitoraggio che vengono messi a disposizione del Tavolo Tecnico Nazionale Paritetico degli ITS.

Un dato rilevante emerso dai monitoraggi 2015 – 2018 è quello dell’occupazione a 12 mesi. 6.293 il totale dei diplomati, 5.070 gli occupati (80,6% dei diplomati).

Il 17 aprile 2018 il MIUR ha presentato il monitoraggio nazionale degli ITS – edizione 2018. 

Si allegano: 

3.2. DSA: Gli alunni con Disturbi Specifici dell'Apprendimento - a.s. 2016/17

Sono complessivamente 254.614 le alunne e gli alunni delle scuole italiane di ogni ordine e grado con Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA), pari al 2,9% del totale della popolazione studentesca dell’anno scolastico 2016-2017.

È quanto emerge dalla pubblicazione dedicata agli “Alunni con Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA) nell’a.s. 2016/2017”, pubblicata sul sito del MIUR e curata dall’Ufficio Statistica e Studi (17 aprile 2018).

Si allegano: Comunicato stampa del MIUR del 17 aprile 2018; Scheda sintetica curata da A. Tripodi (Scuola24 del 18 aprile 2018); Testo: Gli alunni con Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA) a.s. 2016/2017.

3.3. Alunni con cittadinanza non italiana a.s. 2016/2017

Gli studenti con cittadinanza non italiana che siedono ai banchi delle nostre scuole sono 826mila, il 9,4% della popolazione studentesca complessiva, 11mila in più rispetto all’anno scolastico precedente. Il 61% di loro è nato in Italia, appartiene quindi alle cosiddette seconde generazioni, una quota cresciuta del 35,4% nell’ultimo quinquennio. Nell’ultimo anno la crescita è stata di 24mila unità (+5,1%). Sono alcuni dei dati del Focus sugli alunni con cittadinanza non italiana nell’anno scolastico 2016-2017, pubblicato sul sito del Miur. Il focus sugli alunni stranieri (826.091 nel 2016-17), pubblicato dal Miur nei giorni scorsi, merita alcuni approfondimenti che possono aiutare le prospettive della loro integrazione nel sistema scolastico nazionale e, a seguire, nella società italiana.

Anche un Rapporto di OCSE, pubblicato il 19 marzo 2018, fa il punto della situazione e riporta che in Italia, nonostante abbiamo i tassi di adolescenti stranieri più bassi rispetto alla maggior parte dei paesi europei, siamo agli ultimi posti per quanto riguarda la loro resilienza, cioè il sentirsi integrati e con le stesse possibilità di riuscire nel proprio percorso rispetto ai nativi.

Si allegano: Comunicato stampa del MIUR del 29 marzo 2018; Schede di sintesi di Scuola 24 e di Tuttoscuola; Testo: Alunni con cittadinanza non italiana a.s. 2016/2017 (marzo 2018). 

3.4. Alternanza scuola-lavoro: manuale e Faq

La guida, spiega il ministero in una nota, integra i precedenti manuali. 

Destinatari sono le istruzioni che hanno già ricevuto le lettere di autorizzazione per realizzare i progetti finanziati nell’ambito del bando PON dell’aprile 2017, il quale mette a disposizione 140 milioni di euro per il potenziamento dei percorsi di formazione “on the job” rivolti agli studenti del terzo, quarto e quinto anno delle scuole superiori e degli ITS. 

In aggiunta le nuove FAQ pubblicate dal MIUR e rivolte alle scuole che partecipano al programma finanziato con fondi Ue e le risposte a quesiti in materia di attività di alternanza scuola lavoro da parte del MIUR. 

Si allegano: Manuale operativo gestione Avviso FSE 3781 del 5 aprile 2017 (Integrazione 1/03/2018); FAQ Progetti FSE – Quesiti, chiarimenti, approfondimenti (17 04 2018); Risposte a quesiti in materia di alternanza scuola lavoro da parte del MIUR (24.04.2018). 

3.5. Calendario Prove INVALSI

È sempre utile avere presente il calendario delle prove INVALSI per l’anno 2018. 

3.6. Calendario scolastico

Alcune Regioni hanno già deliberato il calendario scolastico del prossimo anno 2018/19.

Le Regioni sono: Alto Adige, Calabria, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Toscana, Piemonte, Trento, Umbria, Lombardia, Veneto.

Mancano ancora all’appello: Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia-Romagna, Lazio, Marche, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia, Val d’Aosta. Il calendario allegato è in costante aggiornamento. 

3.7. Note sugli esami ... ormai imminenti

Gli esami connessi al termine del 1° e del 2° ciclo sono ormai imminenti. 

Si riportano, per comodità, le informazioni principali: Comunicato Stampa del MIUR del 10.10.2017 relativo alla scuola secondaria di I grado; Scheda di Disal sui criteri di ammissione all’esame di Stato (2° ciclo); Il sito per ulteriori informazioni.

4. MLPS

4.1. Decreti Ministeriali inviati alle Regioni

Con un Decreto il MLPS annuncia le cifre stanziate per il diritto-dovere alla IeFP, alla formazione nell’esercizio dell’apprendistato e sistema duale con riferimento all’anno 2017. 

Con successivi decreti il MLPS provvederà ai riparti. 

Un secondo Decreto Ministeriale (23/2018) contiene i criteri per il riparto delle risorse destinate al finanziamento dei percorsi di IeFP nel sistema duale. 

4.2. Servizi per il lavoro: sul sito ANPAL la mappa completa

Una bussola per orientarsi nei nuovi servizi per il lavoro. È la nuova sezione del portale ANPAL che, nel tentativo di ricostruire l’intricato puzzle dei soggetti attivi e delle opportunità offerte sul mercato del lavoro, offre a cittadini e imprese un panorama completo ed esaustivo dell’attuale rete dei servizi per il lavoro.

La presentazione inquadra in modo sintetico ed efficace il ruolo centrale svolto dalla “Rete nazionale dei servizi per le politiche del lavoro” coordinata da ANPAL evidenziandone le potenzialità propulsive nell’ottica di uno strumento di governance destinato a garantire la fruizione dei servizi essenziali in materia di politica attiva.

La sezione si completa con una serie di link di approfondimento che effettuano una ricognizione ragionata e definitiva dell’attuale mercato del lavoro alla luce delle novità introdotte dal Jobs Act. A partire dai soggetti che compongono la rete coordinata da ANPAL, in particolare i 552 centri per l’impiego e le 4.233 sedi territoriali appartenenti ai 902 soggetti accreditati a livello nazionale e/o regionale, chiamata a realizzare misure di politica attiva e a garantire i livelli essenziali delle prestazioni su tutto il territorio nazionale. Altri focus di sicuro interesse quelli dedicati all’esperienza di Garanzia Giovani e alle prospettive dell’assegno di ricollocazione. Questo sul sito. Alcuni documenti possono aiutare nella riflessione e nel confronto. 

4.3. Il "sistema duale": un piccolo dossier

Si riportano, per comodità, alcuni documenti relativi al sistema duale italiano.

  • Anzitutto la monografia del MLPS: Formamente/Anno 10 su: Il nuovo sistema duale italiano.
    Una presentazione schematica della proposta nella sua globalità.
  • In secondo luogo una ricerca su Casi di successo legati al modello duale.
    Finalità principale di questa ricerca è stata realizzare un’analisi in profondità di alcune buone pratiche che il nostro sistema educativo e il mondo delle imprese stanno attuando nell’ambito delle Work-Based Learning Experiences (da qui WBL) al fine di identificare i modelli di successo e la loro potenziale replicabilità.
  • Una terza indagine è stata effettuata dal CNOS-FAP: Monitoraggio del CNOS-FAP sulla sperimentazione del sistema duale, anno 2018.
    Finalità principale del monitoraggio è stato quello di rilevare come ogni CFP, coinvolto dalla sperimentazione, ha agito nei confronti del nuovo modello.
  • Una quarta indagine è stata effettuata da FORMA: La nostra via duale.
    Finalità principale di questo monitoraggio è stato quello di avviare una riflessione condivisa per giungere a principi, criteri ed una comune cornice di intervento, per quella che si configura come una ulteriore e diversa modalità di realizzare la IeFP. Hanno collaborato circa 50 i CFP.
  • E ancora una Guida Best Stage 2017 (parte 1 - parte 2)
    Quella che viene offerto con questa pubblicazione è la quarta edizione della “Guida Best Stage”. Da quando abbiamo iniziato a realizzarla, nel 2014, l’obiettivo non è mai cambiato: fornire ai giovani, e più in generale a tutti coloro che agiscono nell’universo stage, una bussola attraverso cui orientarsi nel momento delicato del passaggio dalla formazione al lavoro.
  • Schede di Alternanza Scuola Lavoro e chiese locali
    Il Quaderno n. 12 della CEI testimonia l’ampio coinvolgimento delle realtà ecclesiali, presentando alcune modalità individuate di collaborazione.
  • Infine un bando per il tutoraggio aziendale.
    Il bando è stato prorogato al 30 giugno 2018.
    La domanda va presentata unicamente attraverso la piattaforma di gestione dedicata, all’indirizzo http://fixotutoraggio.italialavoro.it

4.4. INL: circolare e tirocini

Con la circolare 8/2018, l’Ispettorato Nazionale del Lavoro fornisce indicazioni in merito all’individuazione di fenomeni di elusione relativi ai tirocini formativi e di orientamento, anche alla luce delle Linee Guida approvate il 25 maggio 2017 dalla Conferenza Stato-Regioni.

Si allegano altri due documenti per approfondire: 

Uno studio realizzato da Noviter su: Analisi di ricognizione regionale sul recepimento delle nuove linee guida in materia di tirocinio, editato dal CNOS-FAP (25.01.2018).

Una articolo di Cavalcoli e Di Vico pubblicato sul Corriere della Sera il 1 aprile 2018 e la mappa.

Schede sul Piano di azione italiano per favorire l'occupabilità.

5. MISE

5.1. Itali Startup Visa: ultimi dati e nuove linee guida

Il programma Italia Startup Visa che dal settembre del 2014 facilita l’attrazione di startupper innovativi dal mondo attraverso una semplificazione della procedura di rilascio del visto per lavoro autonomo raggiunge al 31 marzo 2018 quota 341 candidature. 

Queste provengono da cittadini di 41 Paesi localizzati in tutti i continenti.

Il nuovo rapporto trimestrale dedicato contiene informazioni dettagliate sulle caratteristiche anagrafiche dei candidati al visto, sulle località di destinazione dei beneficiari, e sui progetti imprenditoriali avviati.

Si comunica inoltre che la procedura e i requisiti del programma sono stati aggiornati con la pubblicazione, lo scorso 20 marzo, di una nuova versione delle Linee Guida Italia Startup Visa. Redatte in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e con il Ministero dell’Interno, le Linee Guida richiamano la nuova procedura accelerata per il rilascio del permesso di soggiorno per lavoro autonomo introdotta dal decreto interministeriale 30 giugno 2017.

Regioni

Ordinamenti - Dibattito - Progetti

1. I NUOVI GOVERNI REGIONALI DELL'ANNO 2018

Nel 2018 i cittadini di sei Regioni sono chiamati alle urne per eleggere il nuovo governatore e rinnovare il consiglio regionale. 

Per un confronto con i programmi dei partiti a livello nazionale vedi la newsletter di febbraio 2018

LAZIO 

Nella regione Lazio i cittadini hanno votato il 4 marzo 2018. 

Zingaretti Nicola è Presidente (Centrosinistra)

LOMBARDIA 

Nella regione Lombardia i cittadini hanno votato il 4 marzo 2018. 

Fontana Attilio è Presidente (Centrodestra)

MOLISE 

Nella regione Molise i cittadini hanno votato il 22 aprile 2018. 

Toma Donato è Presidente (Centrodestra)

FRIULI VENEZIA GIULIA 

Nella Regione Friuli Venezia Giulia i cittadini hanno votato il 29 aprile 2018.

Massimiliano Fedriga è Presidente (Centrodestra) 

VALLE d’AOSTA

Nella regione Valle d’Aosta il voto è previsto il 20 maggio 2018. 

TRENTINO ALTO ADIGE 

Per il Trentino Alto Adige si attende l’indicazione della data e le modalità di voto. 

BASILICATA 

Per la regione Basilicata si attende l’indicazione della data e le modalità di voto. 

2. VIAGGIO NELLE REGIONI
Strumenti per conoscere il sistema formativo

2.1. Regione LAZIO

Per la scuola paritaria si allega la scheda “Sussidiarietà orizzontale nelle politiche regionali in materia di parità scolastica”.

Per la IeFP si riporta un articolo che è stato pubblicato su Rassegna CNOS 1/2018: una scheda informativa di base sulla situazione della IeFP e delle Politiche Attive del Lavoro (P.A.L.) in atto preceduta da uno studio del prof. Giulio Salerno sulla coerenza della normativa regionale rispetto alle norme generali dell’Istruzione.

2.2. Regione LOMBARDIA

Per la scuola paritaria si allega la scheda “Sussidiarietà orizzontale nelle politiche regionali in materia di parità scolastica”.

Per la IeFP si riporta un articolo che è stato pubblicato su Rassegna CNOS 1/2018: una scheda informativa di base sulla situazione della IeFP e delle Politiche Attive del Lavoro (P.A.L.) in atto preceduta da uno studio del prof. Giulio Salerno sulla coerenza della normativa regionale rispetto alle norme generali dell’Istruzione.

3. IL GOVERNO DELLE REGIONI

La Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome ha la finalità di:

  • Definire, promuovere posizioni comuni su temi di interesse delle Regioni, elaborare documenti e proposte al fine di rappresentarle al Governo e al Parlamento e agli altri organismi centrali dello Stato e alle istituzioni comunitarie.
  • Predisporre pareri e base di intesa in osservanza della legislazione vigente.
  • Favorire il raccordo con le autonomie locali a livello nazionale.

Si allegano: 

  • la composizione delle Commissioni, individuate in base ai gruppi di materie omogenee di competenza delle Regioni e delle Province Autonome; 
  • gli Assessori regionali incaricati nelle materie dell’Istruzione, della Formazione Professionale e del Lavoro. 

4. PROCESSO DELLA AUTONOMIA DIFFERENZIATA DELLE REGIONI

L’accordo è stato siglato il 28 febbraio 2018 da Gianclaudio Bressa, Sottosegretario alla presidenza del Consiglio; Stefano Bonaccini, Presidente dell’Emilia-Romagna; Luca Zaia, Presidente del Veneto; Roberto Maroni, Presidente della Lombardia.

Si allegano: 

5. BILANCI REGIONALI. UNA ANALISI DI CGIL E IRES

CGIL e Associazione IRES hanno pubblicato, in aprile 2018, il rapporto “L’analisi dei bilanci regionali. Le marcate differenze, la tendenza alla sanitarizzazione della spesa, il processo federalista incompiuto”.

Per molti anni i bilanci delle Regioni sono stati considerati imperscrutabili, difficili da comprendere e, soprattutto, non comparabili tra loro. 

Oggi, a distanza di due anni dall’avvio della riforma dell’armonizzazione dei bilanci, qualcosa è cambiato. 

Dalla lettura dei rendiconti del 2015 e del 2016 si evince come non tutte le Regioni abbiamo adottato la nuova classificazione delle spese per Missione. Anche all’interno dello studio allegato non è stato possibile acquisire i rendiconti 2016 di tre Regini: Abruzzo, Campania e Molise. 

Ciononostante, dalle analisi svolte sulla base dei dati acquisiti dall’ISTAT e dalla Corte dei Conti e rilevati direttamente dai rendiconti regionali si possono trarre alcune significatiegv conclusioni, come di seguito esposto. 

6. UPI: PIATTAFORMA PROGRAMMATICA DELLE PROVINCE
Sintesi delle principali proposte per la XVIII legislatura (gennaio 2018)

“Analizzare la situazione di crisi finanziaria delle Province per trovare risposte che consentano a queste istituzioni di riprendere a garantire servizi essenziali efficienti e investimenti per la messa in sicurezza dei 130 mila chilometri di strade provinciali e delle 5.100 scuole superiori”

Questo l’obiettivo - si legge in una nota dell’Unione delle Province d’Italia (Upi) del 17.04.2018 - del seminario che ha riunito a Lucca, per una due giorni di lavoro, rappresentanti di tutte le Province italiane, a confronto con i massimi dirigenti ed esperti di finanza locale, dal ministero dell’economia al ministero dell’Interno, dalla Corte dei conti alla Cassa depositi e prestiti.

7. REGIONE SICILIA: SERVIZI PER IL LAVORO E LE POLITICHE DI INSERIMENTO LAVORATIVO

Con una delibera quadro la Giunta della Regione Sicilia avvia un percorso di riorganizzazione del mercato del lavoro siciliano attraverso una serie di interventi relativi a: la disciplina dell’accreditamento per le attività formative e per i servizi per il lavoro; i requisiti professionali degli enti; la costituzione e il finanziamento di reti di partenariato pubblico-privato; la realizzazione di percorsi integrati di formazione e di politiche attive.

8. VERSO INDUSTRIA 4.0: PROGETTI IN LOMBARDIA E IN VENETO

L’articolo sulla Lombardia illustra l’evoluzione del settore manifatturiero della Regione Lombardia verso gli orizzonti innovativi dell’Industria 4.0.

I 100 luoghi di Industria 4.0 è un progetto che fa parte delle iniziative di awareness e disseminazione intraprese da Confindustria Veneto, per aiutare a stimolare una vera cultura del 4.0.

 

Rassegna

Temi trattati dalle principali riviste o Rapporti

1. ISTAT: "NOI ITALIA"
100 statistiche per capire il Paese in cui viviamo Edizione 2018

Il rapporto mette in luce la posizione dell’Italia nel contesto europeo e le differenze regionali che la caratterizzano, attraverso una selezione di indicatori statistici che spaziano dall’economia alla cultura, al mercato del lavoro, alle condizioni economiche delle famiglie, alla finanza pubblica, all’ambiente.

Gli oltre 100 indicatori presenti, articolati in sei aree e 19 settori, sono corredati di sintetici commenti e si possono consultare anche attraverso semplici strumenti di visualizzazione grafica che facilitano la lettura dei fenomeni nel tempo e nello spazio. 

Sempre utile leggere quanto si scrive su Istruzione e Lavoro. 

2. ISTAT: RAPPORTO SULLA COMPETITIVITA'

L’Istituto di Statistica pubblica il Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - edizione 2018, finalizzato alla valutazione delle dinamiche strutturali e congiunturali delle imprese italiane. Di particolare interesse il capitolo dedicato ai primi risultati del Piano Impresa 4.0

3. ISTITUTO G. TONIOLO: LA CONDIZIONE GIOVANILE IN ITALIA. RAPPORTO GIOVANI 2018

Alessandro Rosina, su Avvenire dell’11 aprile 2018 annuncia alcuni dei risultati del Rapporto Giovani 2018, curato dalla Fondazione Toniolo: “Giovani che progettano ma il rischio è arrendersi. 40,7% dei giovani con aspirazioni di lavoro teme di non realizzarle. Mentre il 73,8% di giovani sono convinti che ci si possa impegnare per migliorare il Paese”

4. CEI: SCUOLA E CHIESA: SOGNATE IN GRANDE

Si è tenuto a Roma da lunedì 16 a mercoledì 18 aprile 2018 il Convegno nazionale dei Direttori degli uffici diocesani e regionali di Pastorale della Scuola e per l’IRC, sul tema: “Non abbiate paura di sognare cose grandi. La Chiesa per la scuola, guardando al Sinodo 2018”.

Si allegano: 

5. WELFARE INDEX PMI - 3° RAPPORTO ANNUALE

Il Rapporto 2018 mette in evidenza una stretta correlazione tra il miglioramento del benessere, la soddisfazione dei lavoratori e la crescita della produzione aziendale: questi fattori secondo il 42,1% delle imprese, sono il principale obiettivo nelle scelte di welfare. Il 35,6% delle imprese intervistate dichiara, infatti, di aver aumentato la propria produttività come conseguenza di una maggiore soddisfazione dei lavoratori. Questo vale ancor di più per le aziende molto attive nel welfare: il 63,5% conferma di aver ottenuto un incremento produttivo. Nei prossimi 3-5 anni, il 52,7% delle Pmi si propone un’ulteriore crescita del welfare aziendale, in particolare negli ambiti di: salute e assistenza; conciliazione vita e lavoro; giovani, formazione e mobilità sociale. Le piccole medie imprese sono oggi sempre più protagoniste del cambiamento sociale e crescono sensibilmente le aziende attive nel welfare.

6. FONDAZIONE AGNELLI: SCENARIO 2028 

Nascite in calo. Meno immigrati. Classi spopolate. Cattedre in eccesso. Assunzioni più difficili. Anche nel profondo Nord dei prof notoriamente “introvabili”. 

È lo scenario distopico e post-apocalittico che sembra partorito dalla penna di Philip K. Dick e che invece emerge da uno studio della Fondazione Agnelli sulla scuola italiana nel 2028. 

Con annesso invito ai prossimi governi a intervenire senza indugi sull’offerta formativa per gli studenti e sul reclutamento dei docenti per non farsi trovare impreparati. 

7. LA SITUAZIONE DEI DISTRETTI INDUSTRIALI: 10° RAPPORTO ANNUALE 

I distretti sono i grandi protagonisti della ripresa in corso, con un fatturato in crescita del 4,6% nel biennio 2016-17 e margini che hanno toccato nuovi record, grazie soprattutto all’agroalimentare e alla meccanica. 

È quanto emerge dal decimo rapporto annuale sull’economia e la finanza dei distretti industriali, presentato il 20 marzo 2018 a Milano da Intesa Sanpaolo. Nella scheda “In sintesi” informazioni sui distretti, gli attori, le filiere che tirano di più e lo scenario.

8. CONVEGNO CGIL: LA SCUOLA CHE VERRA' 

Il 21 e il 22 marzo 2018 si sono svolti i lavori organizzati dalla FLC CGIL e da Proteo Fare Sapere dall’ambizioso titolo: La scuola che verrà”. 

9. ITALIANI E SENSO CIVICO 

Incertezza e disincanto caratterizzano oggi il sentiment degli Italiani in vari ambiti della società. 

La globalizzazione e lo sviluppo di internet e dei social network stanno portando a dei cambiamenti irreversibili nell’economia, nella politica e nell’informazione. È un processo inarrestabile che si accetta ma a cui ci si adatta a fatica. 

Sono questi i risultati dell’Osservatorio Ipsos e Comieco sul Senso Civico di quest’anno presentato il 17 aprile 2018. 

SALESIANI PER IL LAVORO – onlus
Una proposta Salesiana per dare dignità e futuro! Senza lavoro non si può vivere...

La Onlus Salesiani per il lavoro si rivolge a persone - giovani e adulti - che sono in età lavorativa e versano in condizione di disagio sociale, attraverso i servizi dell'informazione, dell'orientamento, della formazione e dell'aggiornamento professionale. Punta a favorire il loro inserimento o reinserimento nel mondo del lavoro. Per maggiori informazioni sulle attività della onlus si può consultare il sito
www.salesianiperillavoro.it

Aiutaci a dare di più a chi ha di meno!!