Newsletter n.9 - Dicembre 2012

Newsletter n. 9/2012 lunedì 24 Dicembre 2012
Se non riesci a visualizzare correttamente questa newsletter clicca qui

Vita dell'associazione CNOS/SCUOLA
Buone pratiche riguardanti la qualità della scuola cattolica e salesiana


A partire dal numero di ottobre, il notiziario ospiterà, in questa rubrica, studi e strumenti di lavoro a supporto del processo di rinnovamento della scuola statale e paritaria.

Nel presente notiziario si riportano due studi:

1. Il contributo del prof. Bruno Bordignon

- La relazione educativa nella situazione didattica (ottobre 2012);
- Verità come relazione e processo conoscitivo umano competente (novembre 2012).

2. Il contributo dell'Isre (a cura del prof. Arduino Salatin)

- Costruire ambienti di apprendimento motivanti utilizzando le tecnologie digitali (D. Cesareni e S. Cacciamani - ottobre 2012)
- Le competenze di cittadinanza (Annamaria Ajello - Università di Roma La Sapienza - novembre 2012).

Rassegna
Temi tratti dalle principali riviste


1. Cyberbullismo, 1 studente su 4 lo fa o lo subisce

Uno studente su quattro fa (23,5%) o subisce (26%) cyberbullismo.
Le prevaricazioni online sono compiute per lo più dai maschi, che scrivono messaggi elettronici a contenuto violento (lo fa il 17,8% dei ragazzi contro l'8,7% delle ragazze), denigrano i compagni attraverso la rete (10,2% contro 6,9%) o creano identità fittizie per inviare messaggi a nome di altri, parlarne male e farsi raccontare cose sul loro conto (8,6% contro 4,1%).
È quanto emerge da una ricerca condotta dall'osservatorio sul cyberbullismo "Open eyes", nato nell'ambito del piano nazionale "Più scuola meno mafia" del Ministero dell'Istruzione. Secondo i dati diffusi martedì, 27 novembre 2012, durante un convegno a viale Trastevere, il 23,5% degli studenti delle scuole medie o superiori dice di aver commesso cyberbullismo, il 26% invece afferma di averlo subito.
Tra le forme di prevaricazione sul web, rilevate intervistando un campione di 2.419 ragazzi, c'è anche l'esclusione dal gruppo di amici, dalla chat o da un gioco interattivo, compiuta dall'8,4% dei maschi e dal 3,8% delle femmine.
La 'rete' fa parte della quotidianità dei giovani, che la usano per comunicare (80,5%), fare 'surfing' (52,3%), giocare online (40,5%), studiare (33,3%), conoscere nuove persone (18%) o progettare siti (8,5%): "le prepotenze online possono verificarsi in qualsiasi momento e da qualsiasi parte", avverte l'Osservatorio, "trasformandosi talvolta anche in cyberstalking".
"Nel 2011 - ha affermato la responsabile dell'Osservatorio europeo della violenza a scuola, Chaterine Blaya - il 19% dei ragazzini europei ha subito qualche forma di bullismo online o offline. Nel caso dell'Italia sono l'11%". Nel presente notiziario si allegano due documenti:

2. Assemblea FIDAE

A Roma, nei giorni 20 e 30 novembre 2012 la Fidae ha organizzato il convegno nazionale "Una scuola che si rinnova". Dell'Assemblea si riporta il dépliant del programma. La Fidae ha distribuito numerosi documenti organizzati secondo i seguenti titoli: Relazioni Convegno Fidae, La Fidae, La scuola paritaria cattolica, Testi sulla scuola cattolica, Politiche scolastiche, Politiche sulla condizione giovanile, Problematiche giovanili, Processo riforma sistema scolastico italiano, Tematiche generali, Tematiche religiose, Corsi formativi Fidae.

3. 46° Rapporto sulla situazione sociale del Paese / 2012

Alle ore 10:00 del 07/12/2012, al CNEL, il CENSIS presenta il 46° Rapporto.
Giunto alla 46ª edizione, il Rapporto Censis interpreta i più significativi fenomeni socio-economici del Paese nella difficile crisi che stiamo attraversando. Le Considerazioni generali introducono il Rapporto sottolineando come la società italiana si è ritrovata inerme, ma è riuscita ad andare oltre la sopravvivenza. Si è verificata una parallela discontinuità, da «separati in casa»: le istituzioni politiche concentrate con rigore sui conti pubblici, i soggetti economici lasciati soli alla ricerca di strategie di riposizionamento. Nella seconda parte, La società italiana al 2012, vengono affrontati i temi di maggiore interesse emersi nel corso dell'anno: i processi di riposizionamento e i rischi della separazione tra élite e popolo. Nella terza e quarta parte si presentano le analisi per settori: la formazione, il lavoro e la rappresentanza, il welfare e la sanità, il territorio e le reti, i soggetti e i processi economici, i media e la comunicazione, il governo pubblico, la sicurezza e la cittadinanza.
Nel presente notiziario si riportano:

  • L'Italia alla prova della sopravvivenza;
  • Segnali di reazione degli italiani: in moto processi di riposizionamento nel sociale e nell'economia;
  • il capitolo «Processi formativi» del 46° Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese/2012;
  • il capitolo «Lavoro, professionalità, rappresentanze» del 46° Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese/2012;
  • il capitolo «Il sistema di welfare» del 46° Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese/2012;
  • il capitolo «Territorio e reti» del 46° Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese/2012;
  • il capitolo «I soggetti economici dello sviluppo» del 46° Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese/2012;
  • il capitolo «Comunicazione e media» del 46° Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese/2012;
  • il capitolo «Governo pubblico» del 46° Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese/2012;
  • il capitolo «Sicurezza e cittadinanza» del 46° Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese/2012.

4. "Il lavoro non cade dal cielo": una guida orientativa

La guida orientativa "Il lavoro non cade dal cielo" propone un percorso alla scoperta del mondo del lavoro, dei mestieri e della formazione, a ragazzi e ragazze in età di obbligo formativo (14-18 anni).
Giunta alla quarta edizione, la giuda suggerisce l'uso dei dati Excelsior non come aride informazioni statistiche, ma rendendoli gradevoli (attraverso soluzioni iconiche e grafiche originali) e utili per facilitare le scelte, attraverso un impiego costante della tendenza, della comparazione, della classifica. Come nelle precedenti edizioni, il lettore troverà le ricerche di Censis, Isfol, Alma Mater, Istat e di importanti istituti internazionali. Infine, uno speciale approfondimento è dedicato alle competenze che le imprese intervistate da Excelsior ritengono molto importanti per lo svolgimento delle professioni. Per «competenza» si intende la capacità di mobilitare verso uno specifico obiettivo conoscenze e abilità che sono state acquisite tramite l'apprendimento. L'edizione 2012 è aggiornata con i dati del Sistema Informativo Excelsior 2012 e aggiornata con nuovi contenuti. La versione cartacea della pubblicazione può essere richiesta alla propria Camera di commercio.

5. RINNOVO DEL CCNL-SCUOLA
I testi della trattativa

Dopo la disdetta del CCNL per il personale dipendente dagli Istituti scolastico-educativi gestiti da enti ecclesiastici AGIDAE in scadenza il 31 dicembre 2012, le OO. SS. FLC CGIL, CISL Scuola, UIL Scuola, SNALS CONF.S.A.L. e SINASCA hanno inviato le linee di piattaforma per il rinnovo del CCNL 2013 – 2015.
Pur in presenza di uno scenario di profonda crisi economica e che nei settori privati dell'istruzione, dell'educazione e della formazione la crisi ha assunto connotati sempre più drammatici sia sul piano occupazionale e del reddito che su quello della tenuta economica delle imprese stesse, le OO.SS., nel presentare le linee di piattaforma,

  • riconfermano la centralità e il valore del Contratto Collettivo nazionale
  • considerano importante il ruolo della contrattazione di secondo livello territoriale e aziendale
  • affermano: salvaguardare e rafforzare il potere di acquisto delle retribuzioni del personale della scuola non statale è un imperativo categorico indispensabile
  • propongono: anche gli aspetti normativi quali l'omogeneizzazione degli orari di alcune figure professionali (docenti della scuola dell'infanzia, educatrici di asilo nido e altro), l'allargamento degli spazi di democrazia scolastica con la piena esigibilità degli Organi collegiali, l'estensione di alcuni diritti (maternità, malattia, qualificazione e riqualificazione professionale, diritto allo studio e alla salute), e la valorizzazione del ruolo delle commissioni paritetiche regionali, rappresentano aspetti qualificanti del rapporto di lavoro indispensabili per contrastare i tentativi di ridurre tutele in nome di una competitività al ribasso

Nel presente notiziario si allegano le linee di piattaforma elaborate dalle OO. SS.

Appuntamenti
Proposte di date e di eventi

Febbraio 2013
15-16 Febbraio 2013:
Consiglio Direttivo CNOS/Scuola

Maggio 2013
10-11 Maggio 2013:
Consiglio Direttivo CNOS/Scuola

Novembre 2013
da definire Assemblea Fidae / Consiglio Direttivo CNOS/Scuola

08-10 novembre 2013
Roma Pisana Corso di formazione per catechisti scuole e CFP "Le nuove frontiere nei contesti della scuola e della FP salesiana"

Novembre 2014
19-26 Novembre 2014
Convegno mondiale su Don Bosco

SERVIZIO QUESITI
E’ funzionante il servizio quesiti curato dal prof. don Bruno Bordignon.

Tutti possono rivolgersi a don Bruno Bordignon presentandogli “quesiti”

II suoi riferimenti
Posta elettronica:
bordignon@ups.urbe.it
bbordignon@salesiani.it
Telefono: 06/87290554 –
cell. 3351096004

Altri servizi
Ulteriori consulenze sono possibili presso Fidae e Agidae.


 

Il CNOS/Scuola Augura a tutti
un felice e sereno Natale

Europa
Documenti prodotti da istituzioni intergovernative o ecclesiali o da strutture associative

1. Anno europeo dei cittadini (2013)

A vent'anni dall'istituzione della cittadinanza dell'Unione (1° novembre 1993, con il trattato di Maastricht), il 2013 è stato ufficialmente proclamato "Anno europeo dei cittadini" con Decisione del Parlamento Europeo e del Consiglio n. 1093/2012/UE del 21 novembre 2012, pubblicata il 23 novembre 2012 nella Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea (L 325), al fine di rafforzare la consapevolezza e la conoscenza dei diritti e delle responsabilità connessi alla cittadinanza dell'Unione, così da permettere ai cittadini di esercitare pienamente i propri diritti, con particolare riferimento al diritto di circolare e di soggiornare liberamente nel territorio degli Stati Membri.

Nel presente notiziario si riportano:

2. Giornata internazionale per i diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza 2012

Una giornata dedicata ai bambini di tutto il mondo, alla tutela dei loro diritti fondamentali e alla sensibilizzazione contro ogni forma di abuso e violenza: ogni 20 novembre, a partire dal 1989, si celebra la Giornata internazionale per i diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza, nella data in cui venne approvata dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite la Convenzione Internazionale sui Diritti dell'Infanzia. Un caposaldo della tutela dei minori nell'intero percorso di crescita fisica, psicologica e morale, il primo atto giuridicamente rilevante sul tema.

Nel presente notiziario si allega:

3. Il Fiscal Compact

Pur essendo composto da soli 16 articoli il cosiddetto Fiscal Compact (Trattato sulla stabilità, coordinamento e governance nell'unione economica e monetaria - Tscg) è un trattato estremamente complesso, sia per la natura di accordo intergovernativo e non "comunitario", sia per la pesantezza delle richieste di disciplina fiscale che impone agli stati che lo adotteranno, soprattutto a quelli fortemente indebitati, come è il caso dell'Italia.
È parso quindi opportuno a due istituti tradizionalmente impegnati negli studi sull'integrazione europea, lo Iai di Roma e il Csf di Torino, analizzare le conseguenze che il Fiscal Compact avrà sia nei confronti del Trattato di Lisbona sia sull'economia dell'UE ed in particolare della sua zona Euro.

Nel presente notiziario si allega il testo dal titolo: Il fiscal compact, a cura di Gianni Bonvicini e Flavio Brugnoli.

Italia
Ordinamenti – Dibattito – Progetti

1. GOVERNO

1.1. IMU – Aggiornamenti

Il sito dell'Osservatorio giuridico-legislativo della CEI fa il punto della situazione su questa complessa materia offrendo documenti fondamentali. All'Osservatorio della CEI si aggiunge il documento recente dell'Agidae che offre una chiave di lettura interpretativa.

Normativa ed atti parlamentari

  • Legge 24 marzo 2012, n. 27, di conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge n. 1/2012 (c.d. d.l. liberalizzazioni);
  • Decreto MEF 19 novembre 2012, n. 200, "Regolamento da adottare ai sensi dell'articolo 91-bis, comma 3, del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 27 e integrato dall'articolo 9, comma 6, del decreto-legge 10 ottobre 2012, n. 174;
  • IMU. Problematiche relative al Regolamento 19 novembre 2012, n. 200. Risoluzione n.1 del 3 dicembre 2012 - Dipartimento delle Finanze;
  • Legge 7 dicembre 2012, n. 213, di conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 10 ottobre 2012, n. 174;
  • Risposta ad interrogazione parlamentare su IMU-Scuole paritarie;
  • Decisione della Commissione Europea.

Giurisprudenza

Comunicato Stampa MEF

Comunicato stampa del Ministero dell'Economia e delle Finanze del 5 settembre 2012.

AGIDAE - 13.12.2012

L'Agidae, con un suo comunicato del 13/12/2012 comunica alcune indicazioni operative di comportamento in merito alle norme IMU.

1.2. Il position paper per il 2014 – 2020 (5.12.2020)

"Le sfide più urgenti per l'Italia consistono nel rilanciare il proprio percorso in termini di crescita sostenibile e competitività complessiva, ridurre le disparità regionali e promuovere l'occupazione. Tali obiettivi possono essere ottenuti in particolare attraverso la promozione di un ambiente favorevole all'innovazione delle imprese; la realizzazione di infrastrutture performanti e la gestione efficiente delle risorse naturali; un aumento della partecipazione del capitale umano al mercato del lavoro, in particolare dei giovani; un forte incremento della produttività, efficienza ed efficacia della pubblica amministrazione" (05.12.2012).

Così si legge nel Position Paper relativo alla Programmazione 2014-2020, il documento recentemente presentato dalla Commissione Europea con cui si stabiliscono le priorità per la predisposizione dell'Accordo di Partenariato e dei Programmi operativi finanziati con risorse dell'Unione Europea, tra cui il Fse, per l'attuazione del Quadro Strategico Comune.
Il Documento illustra le
sfide specifiche per singolo Paese e presenta i pareri preliminari dei Servizi della Commissione sulle principali priorità di finanziamento in Italia per favorire una spesa pubblica volta a promuovere la crescita.
L'invito è quello di ottimizzare l'utilizzo dei Fondi QSC (Quadro Strategico Comune) stabilendo un forte legame con le riforme atte a promuovere produttività e competitività, incentivando l'uso di risorse private e stimolando potenziali settori ad alta crescita e, al contempo, sottolineando l'esigenza di preservare la solidarietà all'interno dell'Unione e garantire l'uso sostenibile delle risorse naturali per le generazioni future.
In occasione della presentazione del documento, il
Ministro per la Coesione Territoriale, Fabrizio Barca, pur riconoscendo le difficoltà attuative dei programmi operativi italiani, ha evidenziato le buone performance in termini di accelerazione della spesa registrate nell'ultimo anno ed ha altresì annunciato che a breve sarà portato in Consiglio dei Ministri un documento in cui verranno individuati i principali obiettivi della programmazione 2014-2020.

2. MIUR

2.1. Iscrizioni 2013 - 2014

Il 17 dicembre 2012, il MIUR ha emanato la Circolare n. 96: "Iscrizioni alle scuole dell'infanzia e alle scuole di ogni ordine e grado per l'anno scolastico 2013/2014". Novità assoluta è la modalità di iscrizione prevista esclusivamente on line.
Il termine ultimo è fissato al 28 febbraio 2013.
Le domande possono essere presentate dal giorno 21 gennaio 2013 collegandosi al sito web www.iscrizioni.istruzione.it.
La modalità di iscrizione on line è prevista soltanto per le scuole statali.
Sono comunque escluse, stante le specifiche peculiarità della modalità telematica, le iscrizioni relative a: 1. Scuole dell'infanzia; 2. Scuole in lingua slovena; 3. Scuole delle province di Aosta, Trento e Bolzano; 4. Corsi per l'istruzione per gli adulti attivati anche presso le sezioni carcerarie.
Per le sezioni primavera la circolare precisa che "Poiché al termine dell'anno scolastico 2012/2013 viene a scadere l'accordo in Conferenza unificata sulle sezioni primavera, si fa riserva di fornire indicazioni in merito alle iscrizioni per l'anno 2013/2014 non appena sarà siglato il nuovo accordo". Complessivamente la circolare ricalca le disposizioni già previste l'anno scorso, con l'eccezione degli istituti comprensivi dove, in passato, era prevista l'iscrizione d'ufficio. "Con riferimento agli istituti comprensivi - precisa la circolare - non si farà luogo ad iscrizioni d'ufficio e dovrà essere utilizzata la procedura di iscrizione on line. Resta inteso, comunque, che gli alunni provenienti dalle scuole primarie dello stesso istituto comprensivo hanno priorità rispetto agli alunni provenienti da altri istituti".

2.2. Libri digitali dal 2014/2015 (19 dicembre 2012)

È stata pubblicata in Gazzetta ufficiale la legge 221 del 17 dicembre 2012, relativa a misure per la crescita del Paese. L'articolo 11 della legge modifica le norme finora vigenti per le adozioni dei libri di testo delle scuole di ogni ordine e grado. In particolare, la legge dispone che "il collegio dei docenti adotta per l'anno scolastico 2014-2015 e successivi, esclusivamente libri nella versione digitale ... o mista, costituita da: un testo in formato cartaceo e da contenuti digitali integrativi, oppure da una combinazione di contenuti digitali e digitali integrativi accessibili o acquistabili in rete anche in modo disgiunto. L'obbligo riguarda le nuove adozioni a partire progressivamente dalle classi prima e quarta della scuola primaria, dalla prima classe della scuola secondaria di primo grado e dalla prima e dalla terza classe della scuola secondaria di secondo grado".
Conseguentemente, viene abrogato il vincolo pluriennale di adozione dei libri di testo (cinque anni per la scuola primaria, sei per le scuole secondarie di primo e secondo grado), previsto dalla legge 169/2008.
L'articolo 11 specifica anche che la delibera del collegio dei docenti relativa all'adozione dei libri di testo è soggetta, per le istituzioni scolastiche statali e limitatamente alla verifica del rispetto del tetto di spesa, al controllo contabile.

2.3. Regolamento recante Indicazioni Nazionali per il Curricolo della Scuola dell'Infanzia e del Primo Ciclo d'Istruzione (Reg.to 16 novembre 2012).

È stato diffuso il testo definitivo del Regolamento sulle Indicazioni Nazionali, firmato dal Ministro il 16 dicembre 2012. Anche se non riguarda direttamente il (sotto)sistema di IeFP, è comunque utile la sua conoscenza per avere una visione complessiva dell'intero ordinamento. Già riviste e pubblicazioni specifiche hanno proposto degli approfondimenti.

Nel presente notiziario, per facilitare la conoscenza del testo, si riportano:

2.4. Rilancio dell'istruzione tecnica e professionale

"Affido a questa pubblicazione il compito di suscitare in loro "passione educativa" per la cultura del fare e dei mestieri, affinché possano assumere piena coscienza delle proprie potenzialità e ricchezze, di cui la società ha bisogno per maturare e per crescere, non solo dal punto di vista economico", Prof. Francesco Profumo, Ministro.

Nel presente notiziario si propone la brochure, elaborata dal MIUR, dal titolo: La nuova istruzione tecnica e professionale: le chiavi del tuo futuro, stampato nel mese di ottobre 2012.

3. MLPS

E' attivo il nuovo sito dedicato all'apprendistato www.nuovoapprendistato.gov.it.

3.1.Rapporto sulla Coesione Sociale anno 2012

Il 18 dicembre 2012, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, insieme ad Inps e Istat, hanno presentato il terzo Rapporto sulla Coesione sociale.
Il Rapporto presenta informazioni statistiche relative ai diversi settori che compongono il quadro della coesione sociale: dal mercato del lavoro al capitale umano, dalla povertà e esclusione sociale alle politiche di sostegno al reddito, dalle politiche attive del lavoro a quelle previdenziali.
Anche quest'anno il rapporto è articolato in due volumi.
Il primo è una guida ai principali indicatori utili a rappresentare la situazione nel nostro Paese e la sua collocazione in ambito europeo. L'obiettivo è quello di fornire, in modo particolare ai policy maker alcune importanti indicazioni per conoscere le situazioni economiche e sociali sulle quali intervenire per migliorare le condizioni di vita delle persone.
Il secondo si compone di una serie di tavole statistiche che offrono dati, generalmente aggiornati al 2011, articolati a diversi livelli territoriali per consentire comparazioni regionali e internazionali. A questo fine sono state utilizzate indagini statistiche ed archivi amministrativi nazionali (di fonte Inps, Ministero del Lavoro e Istat) e fonti internazionali (Eurostat e Ocse).

Nel presente notiziario si riportano:

3.2. Legge Fornero: una presentazione elaborata dall'ISFOL

Pubblicate in una nuova veste più dinamica e accessibile le mappe concettuali normative sono da oggi nuovamente disponibili sul sito Isfol. Lo scopo perseguito è quello di permettere una lettura facile e lineare di argomenti complessi a tutti coloro che vogliono non solo approfondire ma anche seguire l'evoluzione nel tempo delle norme. Inoltre ogni utente può scegliere il proprio percorso di lettura grazie ai diversi livelli di approfondimento costruiti a partire da una parola chiave identificativa di un argomento.
Lo studio contenuto nella mappa si è focalizzato sull'obiettivo della riforma: la Legge 28 giugno 2012, n. 92 'Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita'.

4. CONFERENZA STATO / REGIONI e UNIFICATA

Il 20 dicembre 2012 Stato e Regioni, in Conferenza, hanno approvato vari documenti.

Nel presente notiziario si allegano i seguenti:

  • in materia di Orientamento: Schema di Accordo riguardante la definizione del sistema nazionale sull'orientamento permanente;
  • in materia di certificazione delle competenze: Schema di decreto legislativo recante definizione delle norme generali e dei livelli essenziali delle prestazioni per l'individuazione e validazione degli apprendimenti non formali o informali e degli standard minimi di servizio del sistema nazionale di certificazione delle competenze;
  • in materia di apprendimento permanente: Schema di Intesa riguardante le politiche per l'apprendimento permanente e gli indirizzi per l'individuazione di criteri generali e priorità per la promozione e il sostegno alla realizzazione di reti territoriali;
  • In materia di IFTS: Schema di Decreto del MIUR di concerto con il MLPS, ..., concernente la definizione dei percorsi di specializzazione tecnica superiore di cui …
  • In materia di ITS: Schema di decreto del MIUR di concerto con il MLPS, …, concernente la revisione degli ambiti di articolazione dell'area "Tecnologie innovative per i beni e le attività culturali – Turismo" degli ITS ….

5. IN VISTA DELLE ELEZIONI 2013

Per documentare l'attenzione al problema "scuola" e "formazione professionale", nel notiziario, si riportano documenti prodotti dai partiti, reperiti, di norma, dai siti.

A seguire le prime note di:

Regioni
Documenti delle Regioni riguardo al sistema scolastico / formativo

1. La "via" della parità" nelle Regioni

È noto a tutti il quadro normativo nazionale sulla parità, legge 62/2000 e normativa successiva e la differente applicazione nelle Regioni.
Il prof. Bruno Bordignon ha elaborato ed aggiornato, in uno studio, la "via" della parità nelle Regioni elaborandone una "mappa" che descrive: gli interventi in materia di diritto allo studio; gli interventi in fatto di scuole paritarie.
La Sede Nazionale ha arricchito il dossier sulla declinazione medesima, la sussidiarietà orizzontale, in materia di IeFP.