Newsletter n.4 - Aprile 2012

Newsletter n. 4/2012 giovedì 19 Aprile 2012
Se non riesci a visualizzare correttamente questa newsletter clicca qui

Vita dell'associazione CNOS/SCUOLA
Buone pratiche riguardanti la qualità della scuola cattolica e salesiana


1. Concorso Nazionale "Green Technologies Award 2012"

L'ITI "S. Zeno" di Verona è stato selezionato fra i primi 3 istituti finalisti del concorso nazionale "Green Technologies Award, Energia nuova per le scuole" - competizione indetta da Schneider Electric in accordo con il MIUR - con il progetto dal titolo "Automazione di 4 aule scolastiche nell'ottica del risparmio energetico utilizzando il building automation KNX".

Il gruppo di lavoro che ha realizzato il progetto è stato perciò convocato alla giornata conclusiva del Concorso, ovvero alla presentazione del progetto davanti alla Commissione e alle maestranze Schneider Electric e alla successiva Cerimonia di Premiazione, che verrà svolta venerdì 4 maggio presso la sede direzionale Schneider Electric di Stezzano (BG).

2. Piemonte

La conferenza Episcopale Piemontese (C.E.P.) ha promosso, per il giorno 21 aprile 2012, per approfondire la situazione e i problemi della scuola pubblica, la 1° Conferenza regionale sulla Scuola: La scuola pubblica per l’educazione: scuola statale, paritaria e formazione professionale.

Rassegna
Temi tratti dalle principali riviste


1. Reale e virtuale a scuola tra apprendimento e didattiche

Il tema è di grande importanza perché il virtuale attraversa la scuola e il suo vocabolario in più direzioni. Una riflessione importante del prof. Pier Cesare Rivoltella, utile al CNOS/Scuola e al CNOS-FAP impegnati ad innovare la didattica attraverso l’introduzione delle nuove tecnologie.

Appuntamenti
Proposte di date e di eventi


Maggio 2012

5 maggio 2012 a Milano:
Giornata di studio

11-12 maggio 2012:
Consiglio Direttivo CNOS/Scuola

Ottobre 2012
(data da precisare) Consiglio Direttivo e Assemblea CNOS/Scuola

SERVIZIO QUESITI
E’ funzionante il servizio quesiti curato dal prof. don Bruno Bordignon.


Tutti possono rivolgersi a don Bruno Bordignon presentandogli “quesiti”

II suoi riferimenti:
Posta elettronica:

bordignon@ups.urbe.it
bbordignon@salesiani.it
Telefono: 06/87290554 – cell. 3351096004

Altri servizi

Ulteriori consulenze sono possibili presso Fidae e Agidae.

 

Europa
Documenti prodotti da istituzioni intergovernative o ecclesiali o da strutture associative

1. SCHEDE essenziali su: “Spazi educativi europei”

Oggi non è possibile parlare di educazione e di istruzione se non si fa riferimento a un ambito internazionale. Più o meno palesemente, qualsiasi processo educativo avviene in contesti influenzati da dinamiche della globalizzazione che creano continue interdipendenze. Oggi, infatti, i vari Paesi si ispirano l’uno all’altro per le loro riforme e le riforme che vengono fatte in un paese hanno effetti anche su altri.

Nel presente notiziario si propongono tre contributi per orientare nella scuola e nella FP:

  • una “voce” sintetica tratteggia il quadro della mobilità europea: Europa, apprendimento e mobilità per tutto l’arco della vita;
  • un “saggio” più ampio, del prof. Giorgio Allulli, presenta i principali orientamenti europei in fatto di Istruzione e Formazione Professionale: Dalla strategia di Lisbona a Europa 2020;
  • un sussidio per facilitare la mobilità, curato dall’Agenzia Nazionale LLP/Erasmus: Il Vademecum dello studente Erasmus (Ristampa giugno 2011). Il Vademecum si affianca al Manuale dello stage pubblicato dall’Isfol e allegato nel Notiziario del mese precedente (12/2012).

2. BRAIN AT WORK 2012 (12° ed.) – ISFOL presente con il portafoglio EUROPASS

Un serpentone di giovani in fila e accessi scaglionati per entrare alla XII° edizione del Brain at work di Roma del 15 marzo. Uno degli appuntamenti più importanti del Centro Sud che mette in contatto studenti, laureati e imprese. Affollatissimi tutti gli stand dove i giovani hanno avuto la possibilità di relazionarsi direttamente con i responsabili delle risorse umane delle imprese, proporre la propria candidatura, sostenere colloqui individuali, partecipare a presentazioni aziendali.
L’Isfol è stato presente alla manifestazione con uno stand dedicato ad Europass, il passaporto europeo per studiare e lavorare all’estero che tanto interesse riscuote nei giovani e non solo.

3. FSE tra realizzazioni e futuro: post 2013

La programmazione FSE 2007 – 2013 si è trovata di fronte una delle crisi più gravi del dopoguerra che ne ha certamente condizionato la gestione, anche finanziaria. Le scelte scaturite nel confronto tra Stato e Regioni, infatti, hanno reso l’impiego del FSE in buona parte “una sorta di fondi di riserva finanziaria” finalizzati a garantire il più possibile il legame occupazionale dei lavoratori con la propria azienda, tramite interventi di politiche attive e passive.
Tuttavia, relativamente al FSE, già si parla di post 2013. Allo scopo Tecnostruttura ha organizzato, il 23 marzo 2012, un evento nel corso del quale si è proposto il panorama delle realizzazioni più significative effettuate con il concorso del FSE, mentre si è dato corpo ad un primo dibattito sul futuro dei Fondi strutturali nel quadro del programma “Europa 2020”. Tutti i documenti sono consultabili in QT – Quaderni di Tecnostruttura n. 42, Anno 12, 2011.

Nel presente notiziario si riportano:

  • Il Regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio relativo al FSE: COM(2011) 607def;
  • l’intervento di G. Simoncini, nell’evento: “Il FSE strumento fondamentale per l’attuazione della strategia Europa 2020”; il relatore esplicita la posizione delle Regioni in merito al FSE;
  • l’intervento di Koos Richelle, Direttore generale DG Occupazione, Affari sociali e inclusione – Commissione europea, “Il Fse in un’Europa che guarda al futuro”; la relatrice riassume le principali nodi che sono oggetto di dibattito oggi in ambito europeo.

Italia
Ordinamenti – Parità – Commenti

GOVERNO: una piccola bussola per orientarsi

Sono numerosi i provvedimenti adottati in questo breve arco di tempo e che hanno cambiato sotto molti aspetti la vita degli italiani. Si ricordano i principali:

  • Prime disposizioni urgenti per l’economia (13.05.2011):
    Decreto legge 70/2011, convertito dalla legge 12 luglio 2011, n. 106;
  • Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria (06.07.2011): Decreto legge 98/2011, convertito dalla legge del 15 luglio 2011, n. 111;
  • Ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo (13.08.2011): Decreto legge 138/2011, convertito dalla legge del 14 settembre 2011, n. 148;
  • Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge di stabilità 2012): Legge n. 183 del 12 novembre 2011, in vigore dal 1 gennaio 2012 ad eccezione dei commi 7, 9, 29, 31, 35 e 36 dell'art. 33 che entrano in vigore il 14/11/2011;
  • Disposizioni urgenti per la crescita, l’equità e il consolidamento dei conti pubblici - c.d. Salva Italia (06.12.2011): Decreto legge 201/2011, convertito con legge del 22 dicembre 2011, n. 214;
  • Proroga di termini previsti da disposizioni legislative (c.d. Decreto Milleproroghe): Decreto legge n. 216 del 29 dicembre 2011, convertito con modificazioni dalla legge n. 14 del 24 febbraio 2012;
  • Disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività – c.d. decreto liberalizzazioni (24.01.2012): Decreto legge 1/2012, convertito con modificazioni dalla legge 24 marzo 2012, n. 27;
  • Disposizioni urgenti in materia di semplificazione e di sviluppo – c.d. semplifica Italia (09.02.12): Decreto legge 5/2012, approvato con legge n. 35 del 4 aprile 2012;
  • Mercato del lavoro in una prospettiva di crescita: Disegno di legge recante disposizioni in materia di riforma del lavoro (approvato dal CdM il 5 aprile 2012)

Il Governo, a 100 giorni dalla sua attività, in un Dossier dal titolo “Governo Monti: attività dei primi cento giorni” riassume le principali misure adottate.
Le Regioni, a loro volta, hanno elaborato una Scheda che coordina i due principali provvedimenti: "Salva Italia" e "Cresci Italia" (newsletter delle Regioni del 4 aprile 2012).

Dei molteplici provvedimenti richiamati, nel presente notiziario, si riportano quelli che, più direttamente, hanno effetti sull’istruzione, la formazione o il lavoro.

1. Istituti tecnici e professionali: pubblicate nella G.U. le Linee Guida del triennio
GU del 30 marzo 2012

Con la pubblicazione sul Supplemento Ordinario n. 60 della Gazzetta Ufficiale del 30 marzo 2012, le “Linee Guidadel triennio degli istituti tecnici (Direttiva n. 4 del 16 gennaio 2012) e degli istituti professionali (Direttiva n. 5 del 16 gennaio 2012) entrano pienamente in vigore e diventano il punto di riferimento, insieme alle “Linee guidadel biennio (Direttiva 57/10 per i tecnici e Direttiva 65/10 per i professionali), per la progettazione e realizzazioni dei percorsi formativi di questi due ordini della scuola secondaria di II grado.

Nel presente Notiziario si allegano tutte le Direttive e una scheda che riporta alcune differenze rilevate rispetto alle versioni precedenti.

2. Provvedimenti normativi in materia di istruzione
(La legge 35 del 4 aprile 2012 – c.d. Semplifica Italia)

La legge 35/2012 (la c.d. Semplifica Italia) interviene in materia di scuola e di IeFP. Sono, in particolare, gli articoli: 50: Attuazione dell’autonomia; 51: Potenziamento del sistema nazionale di valutazione; 52: Misure di semplificazione e promozione dell’istruzione tecnico-professionale e degli istituti tecnici superiori – its; 53: Modernizzazione del patrimonio immobiliare scolastico e riduzione dei consumi e miglioramento dell’efficienza degli usi finali di energia.

Nel presente notiziario si riportano i due provvedimenti relativi alle “Disposizioni per l’istruzione”:
- gli articoli contenuti nel Decreto legge;
- gli articoli “modificati” e “integrati” dalla legge 35/2012, definitiva.

L’articolato annuncia “linee guida” per raggiungere gli obiettivi indicati nel provvedimento: Linee guida per l’autonomia scolastica e per la semplificazione e promozione dell’istruzione tecnica e professionale.
Il focus dell’attenzione andrà, soprattutto, sui contenuti delle annunciate Linee Guida.

3. Finanziamento percorsi IeFP e formazione in apprendistato
(Legge 183 del 12 novembre 2011 - L. stabilità 2012)

L’articolo 22, dal titolo: Apprendistato, contratto di inserimento donne, part-time, telelavoro, incentivi fiscali e contributivi, al comma 2 determina i criteri di finanziamento di attività formative concernenti l’apprendistato a decorrere dall’anno 2012.

A giudizio di molti l’articolo solleva problemi per il finanziamento nazionale a sostegno dei percorsi di IeFP e delle attività formative relative all’apprendistato.
Rispetto alla prassi degli anni precedenti che distingue i finanziamenti con specifici provvedimenti, quello attuale crea squilibrio a favore dell’apprendistato a scapito dei percorsi di IeFP; un problema, quindi, che dovrà essere risolto.

4. La questione IMU nella scuola paritaria e nelle istituzioni della IeFP
(La legge n. 27 del 24.03.2012, il c.d. Liberalizzazioni)

Nella legge 24 marzo 2012, n. 27 (c.d. Liberalizzazioni), si affronta la questione IMU. Nel presente notiziario si riportano:

  • il testo del provvedimento contenente la norma relativa all’IMU all’articolo 91 bis;
  • un primo commento del prof. Giulio Salerno (5 marzo 2012);
  • un commento tratto dall’Editoriale della Rivista AGIDAE (1/2012)

Ad una prima nalisi dei testi sembrano necessari, a giudizio degli esperti, approfondimenti e porecisazioni in vista dell'annunciato decreto del Ministro dell'economia.

5. La pensione degli italiani (Legge del 22 dicembre 2011, n. 214)

Un piccolo Dossier riassume lo stato dell’arte della materia:

  • una scheda riassume le principali normative (Jobtel, del 21.03.2012);
  • una guida sintetica alla riforma curata dal MLPS presenta i principali aspetti;
  • le Circolari INPS (n. 36 + allegato, n. 37 e n. 38 + allegato) esplicitano meglio i termini del provvedimento.

6. La riforma del mercato del lavoro

Varato dal Governo il disegno di legge recante "Disposizioni in materia di di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita", il provvedimento è stato trasmesso alle Camere per l’avvio all’iter legislativo.
Il Dossier riassume lo stato dell’arte della materia ad oggi:

  • Presentazione descrittiva approvata dal CdM il 23.03.2012;
  • Articolato e relazione illustrativa approvata dal CdM il 05.03.2012;
  • Schede di approfondimento curate dal Governo sui temi: Cosa c'è nella riforma; Tipologie contrattuali; Ammortizzatori sociali; Flessibilità in uscita (art.18); Lavoratori anziani; Tutele del lavoratore; Lavoro per le donne; Lavoro per disabili e immigrati; Politiche attive per l'impiego;
  • Focus sull’articolo 18, curato da Jobtel del 28 marzo 2012.

MIUR

1. Nuovo Atto di indirizzo del 3 aprile 2012 (prot. n. 5851)

Il MIUR ha integrato e aggiornato l’Atto di indirizzo per il 2012 emanato l’8 novembre 2011 dal Ministro Gelmini. Nel nuovo Atto il Ministro riserva una priorità particolare alla tecnologia, pur rilevando altri aspetti importanti della possibile azione di guida del sistema di istruzione ( sintesi).

2. Scuole dell'infanzia e del primo ciclo: esiti monitoraggio

Il 2 aprile 2012 il Dipartimento dell’Istruzione ha diffuso gli esiti del monitoraggio sulle Indicazioni (art. 1, c4 DPR 89/2009). Hanno partecipato 5986 le istituzioni statali e 4.250 paritarie. “Scopo finale del monitoraggio non era quello di rilevare l'orientamento delle scuole in merito alla scelta o all'attuazione delle Indicazioni nazionali o delle Indicazioni per il Curricolo. Per una adeguata conoscenza dello stato di attuazione delle Indicazioni è stato ritenuto opportuno, piuttosto, conoscere il contesto di riferimento all'interno del quale le scuole hanno sperimentato Indicazioni e riforme del sistema”. Si allegano i documenti.

3. Norme in materia di Tirocinio Formativo Attivo

Vista la rilevanza, nel presente notiziario, si riporta l’elenco aggiornato della normativa e si ripropone il Vademecum curato da Diesse.

4. Autogoverno delle scuole: tutte le novità

La Camera ha approvato (4 aprile 2012) a grande maggioranza, con l’opposizione dell’Idv, l'assegnazione alla commissione Cultura, in sede deliberante, del testo unificato della proposta di legge per la riforma degli organi collegiali della scuola (ex ddl Aprea).
Ciò significa che il testo potrà essere approvato direttamente dalla commissione senza bisogno del passaggio in aula. Poi passerà al Senato. In allegato le novità.

MLPS

1. Vigilanza in materia di lavoro e previdenza

Il 4 aprile 2012 sono stati presentati i risultati del Rapporto annuale sull’attività di vigilanza in materia di lavoro e previdenziale per il 2011. Il lavoro degli ispettori del ministero del Lavoro, dell’Inps, dell’Inail e dell’Enpals rivela che il 61% delle imprese controllate è risultato irregolare (149.708). Inoltre, sono stati individuati 278.268 lavoratori irregolari, di cui il 38% in nero.

Regioni
Documenti delle Regioni riguardo al sistema scolastico / formativo

1. Intesa sul diritto allo studio

Il 15 marzo 2012 nella Conferenza Stato-Regioni e' stata trovata l'intesa sul decreto legislativo sul diritto allo studio. “Si sono aumentati, seppur di poco, i fondi - ha affermato il Presidente della Commissione - e si e' fatta un'intesa sui livelli delle prestazioni (Lep) sul diritto allo studio. C'è un impegno del governo, sulla base di un accordo, a fiscalizzare le risorse a partire dal 2015, ma c'è la volontà di verificare le condizioni di anticipare al 2014 le risorse relative ai livelli delle prestazioni previste per il diritto allo studio, che saranno definite in un apposito decreto”.
L’intesa raggiunta in Conferenza Stato-Regioni riguarda il decreto legislativo sul diritto allo studio che sblocca un plafond di circa 400 milioni di euro destinato anche alle borse di studio. Il via libera è stato annunciato dal ministro dell'Istruzione, Francesco Profumo, al termine della riunione.

2. Lombardia

Il Consiglio regionale della Lombardia il 4 aprile 2012 ha approvato l’articolo 8 sulla scuola contenuto nel progetto di legge “Misure per la crescita, lo sviluppo e l’occupazione”. Il testo prevede il reclutamento diretto degli insegnanti con contratto di un anno negli istituti statali (Intervista all’Assessore Aprea).