Newsletter n.3 - Marzo 2012

Newsletter n. 3/2012 venerdì 23 Marzo 2012
Se non riesci a visualizzare correttamente questa newsletter clicca qui

Vita dell'associazione CNOS/SCUOLA
Buone pratiche riguardanti la qualità della scuola cattolica e salesiana


1. CONVEGNO: Per carità e per giustizia

Sabato 25 febbraio 2012 presso la Sala Promoteca del Campidoglio si è tenuto il convegno "Per carità e per giustizia. Il contributo degli istituti religiosi alla costruzione del welfare italiano".

Del Convegno si allegano tre documenti:

  • l’intervento di Mons. Giuseppe Pasini;
  • l’intervento del Prof. Emauele Rossi;
  • il contributo del Prof. Fulvio Ghergo contenuto nel volume: “Scuole professionali in Italia (1861 – 2010) tra istruzione e lavoro”, pubblicato per l’occasione.

2. Assemblea AGESC

Il 23 marzo 2012 l’AGESC organizza il XVI Congresso nazionale.
Nell’occasione l’Agesc divulga il dossier dal significativo titolo: “Scuola statale e paritaria: numeri, costi e risparmi”.

Il tema “del finanziamento” della scuola paritaria rimanda al più complesso problema della legge 62/2000.
Il Presidente FIDAE ha pubblicato un documento sulla legge 62/2000, ormai al 12° anno: “Il dodicesimo anniversario di una legge in gran parte disattesa”.

Rassegna
Temi tratti dalle principali riviste


1. RAPPORTI

1.1. Rapporto UNICEF - dove la scuola è un lusso

Più di 200 milioni di bambini sotto i cinque anni di età, nei paesi in via di sviluppo, non riescono a raggiungere il proprio potenziale in termini di sviluppo cognitivo. È la stima dell'Unicef, contenuta all'interno del rapporto "La condizione dell'infanzia nel mondo 2012: Figli delle città", presentato il 28 febbraio 2012 in contemporanea in tutto il mondo.

1.2. CENSIS: I valori degli italiani

Il 13 marzo 2012 CENSIS ha presentato una ricerca su "I valori degli italiani”, i cui risultati sono stati riportati su vari quotidiani: Gli italiani sono alla riscoperta delle relazioni e così viene meno anche l’individualismo in politica. È quanto emerge da una ricerca del Censis su ''I valori degli italiani'' realizzata nell'ambito delle attività per le celebrazioni del 150° anniversario dell'Unità d'Italia. I valori presenti e futuri degli italiani sono sempre meno sulla rivendicazione dell'autonomia personale e sempre più sulla riscoperta dell'altro, sulla relazione e la responsabilità.

1.3. INVALSI - Competenze linguistiche. Esami di Stato del 2° ciclo

L’Invalsi ha pubblicato due rapporti riferiti agli Esami di Stato del 2° ciclo:

  • il primo si riferisce alla prova di Italiano (anno 2009-2010): rilevazione degli errori più diffusi nella padronanza della lingua italiana nella prima prova di italiano (marzo 2012);
  • il secondo si riferisce alla prova di Matematica (anno 2009/2010): l’analisi delle competenze linguistiche.

Si tratta di due strumenti utili per riflettere sull’efficacia della didattica.

1.4. AlmaLaurea:Condizione occupazionale dei laureati - XIV indagine 2011

Quale lavoro dopo la laurea?
Il lavoro si allontana sempre di più dall’orizzonte delle prospettive dei giovani italiani. Tanto che un’occupazione, anche per chi ha conseguito una laurea, è divenuta un’esperienza sfuggente al pari di un miraggio. Oggi il 19% dei laureati che hanno concluso il ciclo 3+2 non ha ancora un lavoro dopo dodici mesi dal conseguimento del titolo di studio. Nel 2008 erano il 10,8%. In quattro anni la disoccupazione per loro è raddoppiata.

Appuntamenti
Proposte di date e di eventi


Maggio 2012

5 maggio 2012 a Milano:
Giornata di studio

11-12 maggio 2012:
Consiglio Direttivo CNOS/Scuola

Ottobre 2012
(data da precisare) Consiglio Direttivo e Assemblea CNOS/Scuola

SERVIZIO QUESITI
E’ funzionante il servizio quesiti curato dal prof. don Bruno Bordignon.


Tutti possono rivolgersi a don Bruno Bordignon presentandogli “quesiti”

II suoi riferimenti:
Posta elettronica:

bordignon@ups.urbe.it
bbordignon@salesiani.it
Telefono: 06/87290554 – cell. 3351096004

Altri servizi

Ulteriori consulenze sono possibili presso Fidae e Agidae.

 

Europa
Documenti prodotti da istituzioni intergovernative o ecclesiali o da strutture associative

1. Una ricorrenza importante: Risoluzione Parlamento europeo sulla libertà di insegnamento

Il 14 marzo ricorreva l'anniversario di una importante, quanto purtroppo poco conosciuta, Risoluzione del Parlamento europeo, relativa alla libertà d'insegnamento nell'Unione Europea (14 marzo 1984).
Nella Risoluzione erano contenute tre tesi, ancora attuali:

  1. non vi è effettiva libertà di insegnamento ed apprendimento senza un corrispettivo finanziamento pubblico;
  2. ogni famiglia è libera di scegliere la scuola più conforme ai propri ideali e ai propri bisogni;
  3. agli Stati inadempienti sono applicate le procedure di infrazione dei diritti fondamentali e dei principi giuridici generali enunciati nella Convenzione europea.

2. Eurobarometro 76 – Rapporto nazionale Italia

L'Eurobarometro Standard è il sondaggio europeo più importante, nel quale si analizzano le posizioni dei cittadini sulle tematiche europee di maggiore attualità.

All'Eurobarometro Standard si aggiungono poi i rapporti nazionali sulle opinioni dei cittadini dei singoli Stati membri. In sintesi: Il 34% degli italiani ritiene che l'Europa non stia adottando le giuste misure per uscire dalla crisi: questo dato si contrappone alla tendenza generale europea che risulta essere a tal proposito piuttosto ottimista.
Sono i principali dati che emergono dal Rapporto sull'Italia dell'Eurobarometro Standard 76, presentato il 13 marzo 2012 alla Rappresentanza in Italia della Commissione europea e discusso da due illustri esperti quali il Presidente dell'ISPO Professor Renato Mannheimer e il Presidente dell'Eurispes Professor Gian Maria Fara. Il sondaggio è stato condotto tra il 7 e il 20 Novembre 2011 su un campione di 1.031 cittadini.

Nel presente notiziario si allegano una Scheda di sintesi del Rapporto, la Presentazione del Rapporto; il testo del Rapporto nazionale, vari Allegati.

Italia
Ordinamenti – Parità – Commenti

GOVERNO

1. Governo Monti: Attività dei primi cento giorni

Stabilità finanziaria, liberalizzazioni e semplificazioni: prima la messa in sicurezza dei conti dello Stato, poi le misure finalizzate allo sviluppo e alla crescita.
Sono operativi i tre decreti varati dal governo in meno di tre mesi: Salva Italia, Cresci Italia, Semplifica Italia.

Questi ed altri temi sono contenuti nel documento sui primi cento giorni del Governo Monti, pubblicato sul sito del Governo.

MIUR - MLPS

1. TFA: è pronta la mappa per classi di concorso e atenei

È pronta la mappa nazionale dei TFA (Tirocini formativi attivi) che associa ogni classe di concorso all'Ateneo dove si svolgerà il corso. Entro giugno la vicenda dei TFA dovrebbe concludersi con le prove preselettive che si svolgeranno presso le Università in relazione alla classe di concorso prescelta dal candidato. Da qui le tabelle predisposte (tabella A per la scuola secondaria di I grado e tabella B per la scuola secondaria di II grado) e disponibili sul sito del ministero dell'Istruzione.

Il Decreto ministeriale (14 marzo 2012, n.31) con il quale sono definiti i posti disponibili a livello nazionale per le immatricolazioni ai corsi di Tirocinio Formativo Attivo per l'abilitazione all'insegnamento nella scuola secondaria di primo e di secondo grado per l'anno accademico 2011-12 è in corso di pubblicazione nella Gazzetta ufficiale.

I posti disponibili per l'insegnamento nella scuola secondaria di I grado sono in tutto 4.275, quelli relativi alla secondaria di secondo grado 15.792 (Ufficio stampa del 2 marzo 2012).

Si allega anche un Vademecum curato da Diesse con notizie aggiornate, un’ampia sezione dedicata alla normativa e una guida al TFA abilitante

2. “ISCRIZIONI 2012/2013”: quali scenari?

2.1. Dalla (ex) scuola media all'Istruzione Secondaria Superiore

Le preiscrizioni per l’a.s. 2012/2013 all’Istruzione Secondaria Superiore mostrano scelte che tornano a privilegiare percorsi tecnici e professionali dopo anni di tendenza liceale. È quanto emerge da una prima lettura del Comunicato del MIUR (12 marzo 2012).

Sul medesimo argomento si propone una prima analisi effettuata da Diesse: Giù i licei, su Tecnici e Professionali (numero 27 del 19 marzo 2012).

2.2. Dalla (ex) scuola media all'Istruzione e Formazione Professionale (IeFP)

Il 19 gennaio 2012 il MLPS ha pubblicato il Rapporto di monitoraggio delle azioni formative realizzate nell’ambito del diritto-dovere all’istruzione e alla formazione. A.f. 2009-10 e 2010-11.

Il Rapporto conferma una costante:
“I dati sugli iscritti degli a.f. 2009/10 e 2010/11 presentano pressoché lo stesso incremento rispetto agli anni precedenti, superando ormai le 179.000 unità. Si tratta di un trend di crescita pressoché costante dal 2003, che vede aumentare di 7 volte il numero degli studenti in 7 anni”.

Significativi sono alcuni dati tratti dal Rapporto:

  • iscritti ai percorsi triennali di IeFP: oltre 179.000, pari al 7,9% del totale della popolazione tra i 14 e i 17 anni;
  • 115 mila hanno frequentato, nell’a.f. 2010/11, i CFP (64,3%) e quasi 64.000 le scuole (35,7%);
  • nel 2009/10, oltre il 39% degli iscritti era al primo anno aveva 14 anni;
  • gli iscritti ai quarti anni è arrivato, nell’a.f. 2010/11, a 4.454;
  • nell’a.f. 2010/11, il 15% degli iscritti era di nazionalità straniera;
  • il 74% dei qualificati nell’anno 2010 si è concentrato su solo 6 qualifiche;
  • oltre il 78% dei qualificati del 2010 si trova al Nord.

2.3. Dalla (ex) scuola media all'Apprendistato (Rapporto dicembre 2011)

Il 7 febbraio 2012 il MLPS ha presentato il XII Rapporto di monitoraggio sull’apprendistato (Annualità 2009 e 2010).

I dati contenuti confermano l’esiguità della presa dell’apprendistato per i minori già notificata nei Rapporti precedenti: “Sono 542 mila i giovani in apprendistato, pari al 15% degli occupati tra i 15 e i 29 anni di età. Nel biennio 2009 – 2010 si è registrato un calo complessivo del 17%, con punte più alte per il segmento dei minorenni, soprattutto se occupati nelle aziende artigiane”.

MLPS

1. Guida sintetica alle pensioni italiane nel quadro delle indicazioni europee

Dal 1° gennaio 2012 sono cambiate le regole per andare in pensione. Con l'art. 24 del Decreto Legge 201/2011 (c.d. Decreto “Salva Italia”), varato dal Governo il 6 dicembre 2011 e convertito dalla Legge 214 del 22 dicembre 2011, sono state poste le basi per una riforma complessiva del nostro sistema previdenziale, primo e fondamentale tassello di una riforma più ampia che riguarderà anche il mercato del lavoro e gli ammortizzatori sociali.

Successivamente, con la definitiva approvazione della Legge 14 del 24 febbraio 2012, che ha convertito il Decreto Legge 216 del 29 dicembre 2011 (c.d. Decreto Milleproroghe), sono state apportate alcune modifiche ed integrazioni all’art. 24 del Decreto “Salva Italia”.

I provvedimenti relativi alle pensioni si pongono in un’ottica di lungo periodo ed allo stesso tempo si orientano nell’immediato verso l’applicazione di principi di equità, di trasparenza, di semplificazione e di solidarietà sociale.

Per orientarsi nelle nuove regole il MLPS ha curato la seguente Guida sintetica.

Può essere utile avere presente, a complemento, anche il seguente documento: "Un’agenda dedicata a pensioni adeguate, sicure e sostenibili”, presentato il 16.02.12 a Bruxelles, in concomitanza dell’Anno europeo dell’invecchiamento attivo e della solidarietà tra le generazioni.

CSR

1. Apprendistato, via libera dalla Conferenza Stato - Regioni

La Conferenza Stato - Regioni, nella seduta del 15 marzo, ha sottoscritto l'Accordo per la regolamentazione dei profili formativi ai sensi dell'art. 3 comma 2 del Decreto legislativo 167/2011. L’Accordo siglato stabilisce che i percorsi formativi in apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale prevedano la frequenza di attività di formazione, interna o esterna all’azienda, per un monte ore non inferiore a 400 ore annue e che le figure nazionali di riferimento per le qualifiche e i diplomi professionali conseguibili siano quelle definite nell’Accordo in Conferenza Stato Regioni del 27 luglio 2011, integrato dall’Accordo in Conferenza Stato Regioni del 19 gennaio 2012.

Obiettivo è rendere la riforma operativa prima del 25 aprile con una specifica intesa collettiva con le parti sociali, con la quale si stabiliranno le regole, i criteri e le modalità con cui svolgere la formazione nei confronti degli apprendisti assunti con il contratto professionalizzante.

Regioni
Documenti delle Regioni riguardo al sistema scolastico / formativo

1. FRIULI VENEZIA GIULIA: Catalogo dell'offerta orientativa 2012

Il Catalogo regionale dell’offerta orientativa nasce dall’esigenza di valorizzare, in modo unitario e organico, le molte opportunità offerte dal sistema scolastico, formativo e universitario del Friuli Venezia Giulia, ponendo questo insieme di risorse al servizio della comunità e soprattutto dei giovani.
Con l’obiettivo di realizzare questa articolata offerta di servizi e renderla facilmente accessibile la Regione ha promosso una stretta collaborazione tra mondo della scuola, della formazione professionale, dell’università e dei centri regionali per l’orientamento, favorendo la costituzione di una rete integrata di servizi che intende sostenere e sollecitare i giovani del Friuli Venezia Giulia a complete scelte consapevoli per il proprio futuro.