Newsletter n.1 - Gennaio 2012

Newsletter n. 1/2012 mercoledì 25 Gennaio 2012
Se non riesci a visualizzare correttamente questa newsletter clicca qui

Vita dell'associazione CNOS/SCUOLA
Buone pratiche riguardanti la qualità della scuola cattolica e salesiana


11. Una proposta molto interessante: Progetto ETE

La Fondazione Edulife propone una interessante iniziativa nel quadro della promozione di viaggi culturali di studio e lavoro. Il progetto Edulife Travel Education – ETE nasce con la finalità di accompagnare i giovani verso la scoperta delle proprie potenzialità attraverso esperienze di apprendimento in CINA.
Nell’allegato si possono leggere tutte le caratteristiche della proposta e le modalità per aderire, se interessati.

12. 12 tendenze tecnologiche innovative e 12 destinate a scomparire

Tra il serio e il faceto, Silvia Faggioli, per la rivista ADI (18 gennaio 2012), buttando lo sguardo al di là dell’Oceano, ha fatto un inventario di cosa viene proposto in termini di nuove tendenze per il 2012 e, contemporaneamente, che cosa si dice sia destinato a scomparire nel 2020.

2012: 12 tendenze tecnologiche innovative: smartphones, BYOD, banda larga, nuove interfacce utente, HTMLS, utilizzo dati tramite tecnologia e web, Adaptive learning, privacy e sicurezza nell’uso di internet, Open licensing, social media e apprendimento tra pari, maker movement, i video giochi educativi.

2020: 12 cose che saranno obsolete: i banchi, i laboratori di lingue, i computer tradizionali, i compiti a casa, i test standardizzati per l’ammissione all’università, l’insegnamento personalizzato, i paperback, le grandi scuole centralizzate, l’organizzazione scolastica per classi di età, l’aggiornamento degli insegnamenti fatto con esperti esterni a pagamento, le riunioni pomeridiane o serali con i genitori,m la carta.
In allegato si può leggere l’articolo intero.

13. Riflessioni sulla ex Scuola media. Una analisi stimolante di L. Ribolzi

La prof.ssa Luisa Ribolzi ha elaborato un interessante documento: “In medio sta(ba)t virtus: gloria e decadenza della scuola media”, edizione 2011, cercando nel passato le radici di quello che c’è nel presente a proposito di (ex)Scuola media.

Rassegna
Temi tratti dalle principali riviste


14. MIUR - Servizio Statistico

Il Miur ha pubblicato, nel mese di novembre 2011,
- il volume: Gli alunni stranieri nel sistema scolastico italiano. A.S. 2010/2011. “La presenza degli alunni stranieri costituisce una realtà generalizzata e consolidata in ogni ordine e grado del sistema scolastico italiano. La consapevolezza del carattere strutturale, che tale fenomeno ha assunto da tempo nelle scuole su tutto il territorio nazionale, rende opportuna un’azione regolare di monitoraggio …” (dalla presentazione);
- Esiti degli scrutini e degli esami di stato del 2° ciclo di istruzione. Novembre 2011.
I dati rappresentati nelle tabelle e grafici successivi, sugli esiti degli esami di Stato del secondo ciclo di Istruzione a.s. 2010/2011, si riferiscono ad una percentuale di circa l’85% del totale degli alunni candidati a sostenere gli esami mentre, per quanto riguarda gli scrutini, si raggiunge la percentuale del 98% degli alunni frequentanti sul totale” (dalla Premessa).

15. RAPPORTI - Dicembre 2011

L’Italia vista dai Rapporti: questo potrebbe essere il titolo della presente sezione. Vari, infatti, sono i Rapporti che vengono pubblicati nell’arco dell’anno e che, direttamente o
2011 (questi Rapporti si aggiungono a quelli pubblicati nel notiziario precedente).

15.1 CENSIS Rapporto sulla situazione sociale del Paese 2011 (02.12.2011)

Sono molti i temi affrontati nel 45° Rapporto: Società italiana nel 2011; Processi formativi; Lavoro, professionalità e rappresentanze; Sistema di welfare; Territorio e reti; Soggetti economici dello sviluppo; Comunicazione e Media; Governo pubblico; Sicurezza e cittadinanza.
Il capitolo “Processi formativi” contiene: il fenomeno della dispersione scolastica, la debolezza della filiera professionalizzante, la carenza del sistema formativo per gli adulti, luci e ombre dell’Università, la scarsa mobilità transazionale.
Nel presente notiziario, oltre a schede sintetiche su ciascuno dei titoli richiamati sopra, si riportano anche alcune considerazioni tratte dalle Riviste e da alcuni quotidiani.

15.2 EURISPES 2011 Presentazione Indagine conoscitiva sulla Condizione dell’Infanzia e dell’Adolescenza in Italia (07.12.2011).

Torna l’appuntamento con l’Indagine Nazionale sulla Condizione dell’Infanzia e dell’Adolescenza, la rilevazione di Telefono Azzurro ed Eurispes che fornisce una fotografia degli atteggiamenti, delle idee e dei comportamenti dei bambini e degli adolescenti. Giunta quest’anno alla sua dodicesima edizione, l’indagine ha coinvolto 21 le scuole di ogni ordine e grado con un numero di 1.496 questionari per i ragazzi e 1.266 per i genitori.
È quest’ultima la grande novità dell’edizione 2011 dell’Indagine: oltre a un campione di ragazzi di età compresa tra i 12 e i 18 anni, l'Indagine ha infatti riguardato quest’anno anche i loro genitori, con la possibilità di mettere a confronto il punto di vista degli adolescenti e quello dei loro genitori. Tanti i macrotemi sui quali l’Indagine ha focalizzato la sua attenzione: dalla famiglia, ai media e alle nuove tecnologie, al tempo libero, alla scuola, ai comportamenti a rischio e al bullismo.

15.3 ISMU XVII Rapporto sulle migrazioni 2011 (12.12.2011)

Del Rapporto si allegano il Comunicato stampa, i principali dati presentati, gli interventi di Cesareo (Presentazione Rapporto), Blangiardo (Linguaggio dei numeri), Zanfrini (Immigrati e lavoro, abstract e slide), Lombardi (Immigrazione dal Nord Africa: la primavera del 2011).

15.4 Excelsior 2011

Si tratta di una vera biblioteca. Nell’ordine si allegano:
- La domanda di professioni e di formazione delle imprese italiane;
- Sintesi dei principali risultati del 2011;
- Laureati e lavoro;
- Diplomati e lavoro;
- Il lavoro dopo gli studi. La domanda e l'offerta di laureati e diplomati nel 2011;
- I fabbisogni professionali e formativi delle imprese artigiane per il 2011;
- I fabbisogni professionali e formativi delle imprese agricole per il 2011;
- I fabbisogni professionali e formativi dei settori del commercio e del turismo per il 2011;
-I fabbisogni professionali e formativi del settore ICT per il 2011;
- I fabbisogni professionali e formativi delle imprese sociali per il 2011;
- I fabbisogni professionali e formativi delle imprese cooperative per il 2011.

Appuntamenti
Proposte di date e di eventi


Febbraio 2012
17–18 febbraio 2012:
Consiglio Direttivo CNOS/Scuola

17-19 febbraio 2012:
Convegno Nazionale organizzato dal CSSC: Educare alla vita buona del Vangelo a scuola e nella FP (Iscrizione: CSSC fax: 06/66398451 o csscscuola@chiesacattolica.it)

Maggio 2012
11-12 maggio 2012:
Consiglio Direttivo CNOS/Scuola
Giornata di studio

Ottobre 2012
(data da precisare) Consiglio Direttivo e Assemblea CNOS/Scuola

SERVIZIO QUESITI
E’ funzionante il servizio quesiti curato dal prof. don Bruno Bordignon.


Tutti possono rivolgersi a don Bruno Bordignon presentandogli “quesiti”

II suoi riferimenti:
Posta elettronica:

bordignon@ups.urbe.it
bbordignon@salesiani.it
Telefono: 06/87290554 – cell. 3351096004

Altri servizi

Ulteriori consulenze sono possibili presso Fidae e Agidae.

 

Europa
Documenti prodotti da istituzioni intergovernative o ecclesiali o da strutture associative

1. CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE sviluppate in contesti di apprendimento formale, non formale e informale

Rassegna CNOS, avvalendosi della collaborazione del prof. Michele Pellerey, professore emerito, già Ordinario di Didattica dell’Università Pontificia Salesiana (Roma) e della dott.ssa Olga Turrini, esperta di Formazione Professionale e già responsabile della macro area del lavoro dell’ISFOL, ha pubblicato tre articoli sul complesso problema della certificazione delle competenze.

Nel presente notiziario si riportano tutti gli articoli pubblicati nell’anno 2011; la loro lettura permette di acquisire una “visione di insieme” dell’intera problematica (le origini, gli sviluppi, la focalizzazione sulla certificazione delle competenze sviluppate nei contesti formali, non formali e informali).

2. STAGE ALL’ESTERO: strumenti aggiornati per progettare stage in Europa (ISFOL)

Sullo stage, il notiziario allega due strumenti.

Il primo è intitolato Manuale dello stage in Europa (Novembre 2011).
Si tratta di una guida pratica rivolta ai giovani, ricca di informazioni su come, dove, quando e quanto costa fare un’esperienza di lavoro nei Paesi dell’Unione europea. L’edizione allegata contiene anche una sezione dedicata alle imprese italiane presenti all’estero dove poter iniziare uno stage con l’obiettivo di proseguire il proprio percorso lavorativo una volta rientrati in Italia.

Il secondo si intitola Mappa digitale normativa (Novembre 2011).
L’allegato contiene una ricognizione normativa statale, regionale ed europea sugli stage e tirocini formativi in Italia e in Europa.

3. Obiettivi EUROPA 2020

Sugli obiettivi europei per il 2020 sono stati prodotti, ormai, molti materiali.
Nel presente notiziario si riportano vari documenti, alcuni dei quali, per la loro brevità, si rivelano facilmente fruibili:

4. Focus sull’ISTRUZIONE SUPERIORE IN EUROPA 2010. L’impatto del processo di Bologna

Lo studio, stampato nel febbraio 2010, presenta una panoramica sui progressi della riforma dell'istruzione superiore nei 46 paesi coinvolti nel Processo di Bologna. L'analisi mostra che gli obiettivi iniziali definiti dal Processo di Bologna sono stati in gran parte raggiunti, con il sistema su tre cicli e gli standard superiori di qualità che sono adesso la norma in Europa. Inoltre, lo studio prende in considerazione le diverse risposte che i paesi hanno dato alla crisi economica, concludendo che, oggi, un'azione condivisa e un maggiore investimento nella modernizzazione dell'istruzione superiore sono aspetti di vitale importanza.

Per approfondire la situazione italiana può leggere il recente volume scritto dal prof. Michele Pellerey: “Il sistema universitario italiano nel contesto europeo” edito nel 2011 dalla LAS – Roma (Italia Cina Educazione).

Italia
Ordinamenti – Parità – Commenti

MINISTERO ISTRUZIONE, UNIVERSITA', RICERCA (MIUR)

5. LINEE DI AZIONE presentate dal Ministro Profumo

Rispettivamente il 10 e l’11 gennaio 2012, nelle settime Commissioni di Camera e Senato, si svolge l’audizione del Ministro Francesco Profumo (MIUR) sulle linee programmatiche del suo dicastero. Nella bozza in nostro possesso si dichiara la volontà della “continuità”: “Il tempo che questo governo ha a disposizione consente solo di oliare e far funzionare al meglio il meccanismo. Non possiamo pensare a grandi riforme”.

Nel presente notiziario, in attesa della pubblicazione dei testi ufficiali, si riportano:

6. PROVVEDIMENTI E CONSIDERAZIONI SULL’ORDINAMENTO VIGENTE

6.1 Istituti Tecnici e Istituti Professionali

Il Ministro Francesco Profumo ha firmato le Direttive in materia di Linee Guida per il secondo biennio e il quinto anno per i percorsi degli istituti Tecnici e degli istituti Professionali che saranno applicate dal prossimo anno scolastico a partire dalle future classi terze. L’attuazione delle Linee Guida sono oggetto di periodico monitoraggio, condotto dall’ANSAS e dall’INVALSI, anche ai fini della loro innovazione continua. Il provvedimento è stato inviato alla Corte dei Conti per la registrazione e la successiva pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Si allegano i documenti: D.M. 4/2012: Istituti Tecnici: Linee Guida, Area generale e di Indirizzo; D.M. 5/2012: Istituti Professionali: Linea Guida, Area generale e di Indirizzo.

Queste Linee Guida si pongono in continuità con quelle del primo biennio: ITI: Linee Guida per il primo biennio (D.M. 57/2010); IPS: Linee Guida per il primo bienio (D.M. 65/2010).

In occasione delle iscrizioni per l’anno 2012/2013 il MIUR ha elaborato una nuova brochure che ha l’intento di rilanciare l’istruzione tecnica e professionale perché capace di rispondere alle domande di professionalità: “La nuova istruzione tecnica e professionale. Una scelta che mira in alto”.

6.2 CLIL: Insegnamento di una disciplina non linguistica in lingua straniera

L’introduzione della didattica CLIL nella scuola è prevista, secondo la riforma, nel prossimo anno nella terza classe del liceo linguistico e nell’anno scolastico 2014/2015 nell’ultimo anno degli altri ordini della scuola secondaria superiore.
Nel presente notiziario si riportano:

  • il D.M. del 30 settembre 2011 contenente “Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di perfezionamento per l’insegnamento di una disciplina, non linguistica, in lingua straniera nelle scuole, ai sensi dell’articolo 14 del decreto 10 settembre 2010, n. 249” (pubblicato in G.U. il 24 dicembre 2011 al n. 299);
  • un commento di Tiziana del 18 gennaio 2012 apparso su Il Sussidiario sugli aspetti “complessi” e “costosi” della proposta.

6.3 Tirocinio Formativo Attivo (TFA)

Nel notiziario n. 48 di dicembre 2011 sono stati riportati i provvedimenti sulla materia.
Nel presente notiziario si allegano:

  • un lungo articolo tratto da Il Sussidiario che, dopo aver ripercorso il lungo iter, riflette sull’istituto e propone vie di soluzione;
  • una scheda elaborata da Tuttoscuola su graduatorie ad esaurimento, Gae, mille proroghe ecc.

6.4 Iscrizioni – anno 2012 / 2013

Il MIUR ha messo in linea il 30 dicembre 2012 la Circolare n. 110 del 29 dicembre 2011 sulle iscrizioni ai diversi ordini di scuola per il prossimo anno scolastico. Il termine ultimo per le iscrizioni è stato fissato al 20 febbraio 2012.

Sono state sostanzialmente confermate le disposizioni emanate l'anno precedente.
Tra le poche novità vi è quella che riguarda per la prima volta l’attivazione del nuovo apprendistato come forma di assolvimento dell’obbligo di istruzione. In proposito la circolare precisa che “L’articolo 3, comma 1, del Decreto Legislativo n.167 del 14 settembre 2011, prevede, inoltre, per i ragazzi che hanno compiuto i 15 anni di età, la possibilità di assolvere l’obbligo di istruzione anche tramite la stipula di un contratto di apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale. Le relative modalità verranno definite con successive istruzioni, di concerto con il Ministero del Lavoro”.

Sempre in riferimento all’obbligo di istruzione, la circolare rammenta che “l’art.3, secondo e terzo comma, del D.M. n. 139/2007, recante il regolamento in materia di adempimento dell’obbligo di istruzione, prevede che gli studenti che non hanno conseguito il titolo conclusivo del primo ciclo e che hanno compiuto il sedicesimo anno di età possano conseguire tale titolo anche nei centri provinciali per l’istruzione degli adulti ovvero, dove ancora non istituiti, presso i centri territoriali permanenti”.

Per la prima volta le iscrizioni possono essere effettuate anche on-line (tranne che per la scuola dell’Infanzia), mediante la compilazione del modello di iscrizione messo a disposizione dal MIUR, disponibile dal 12 gennaio 2012, collegandosi al sito del MIUR e accedendo alla applicazione “Scuola in chiaro”.

6.5 Progetto “SCUOLA IN CHIARO”

Maggiore trasparenza sugli istituti scolastici italiani, più informazioni per le famiglie che stanno per iscrivere i figli a scuola e semplificazione del lavoro delle segreterie scolastiche.

Sono i principali obiettivi del nuovo progetto “La scuola in chiaro” che, attraverso il sito del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (www.miur.it), fornirà dati continuamente aggiornati su ogni singola scuola e faciliterà la scelta delle famiglie.
Il nuovo progetto coinvolgerà 11 mila scuole di ogni ordine e grado, dalla primaria alla secondaria di secondo grado, circa 8 milioni di studenti e 2 milioni di famiglie.

Si allega, allo scopo, anche una nota illustrativa della FIDAE.

7. ELEMENTI DI DIBATTITO SULL’ORDINAMENTO SCOLASTICO

In questo prima parte d’anno 2012 si è avviato un dibattito sul sistema di Istruzione e Formazione concentrato su alcuni aspetti che ci limitiamo a richiamare.

Istruzione secondaria Superiore a 4 anni
Negli ambienti ministeriali circola la voce che si stia studiando l’ipotesi di ridurre la durata dell’Istruzione Secondaria Superiore di un anno per i licei e gli istituti tecnici e professionali (cfr. dibattito riportato da Tuttoscuola del 15 gennaio 2012).

Obbligo scolastico/obbligo di istruzione
In un’ampia intervista rilasciata a Il Mattino, il Ministro Profumo ha accennato, tra l’altro, alla prospettiva del prolungamento dell’obbligo scolastico (?) fino a 17 anni.

Su questi temi sono molti ad augurarsi che ogni proposta prenda l’avvio dai punti fermi acquisiti fino ad oggi, pur incompleti. La collocazione a 18 anni del termine del percorso scolastico o formativo ha registrato un ampio consenso tra gli esperti ma, ad oggi, ogni tentativo è naufragato. Sul secondo aspetto, invece, dopo aspri confronti e scontri, sono molti ad auspicare che la sintesi legislativa raggiunta sia un punto fermo o, se da migliorare, avvenga nell’ottica dell’ampliamento e non della restrizione dell’offerta formativa.

8. MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI (MLPS)

8.1 Apprendistato: percorso privilegiato di accesso al lavoro?

All’interno del Job&Orienta, a Verona, edizione 2011, l’ISFOL ha presentato un paper sull’apprendistato dal suggestivo titolo: Lavorare imparando imparare lavorando.
Il paper illustra come l’apprendistato sia ormai considerato nei principali paesi europei uno strumento fondamentale di competitività e di inclusione sociale. Una tipologia contrattuale che permette di acquisire competenze specialistiche e trasversali coerenti alla domanda di lavoro.

Il MLPS ha realizzato una apposita newsletter sull’apprendistato (che si allega in questo notiziario) realizzata dal Il Sole 24 Ore in collaborazione con Italia Lavoro, l’Agenzia tecnica del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.
Lo speciale, pubblicato in allegato al quotidiano Il Sole 24 Ore del 19 dicembre 2011, contiene un approfondimento sulla nuova disciplina - riformata grazie al Decreto Legislativo n. 167 del 14 settembre 2011 ed in vigore dal 25 ottobre 2011 - sugli incentivi previsti e sulle opportunità di sviluppo dell’occupazione giovanile.
Ampio rilievo viene dato, inoltre, ad AMVA (Apprendistato e Mestieri a Vocazione Artigianale), il Programma promosso dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e attuato da Italia Lavoro, che punta a incoraggiare l’applicazione del contratto di apprendistato su tutto il territorio nazionale.

Regioni
Documenti delle Regioni riguardo al sistema scolastico / formativo

9. Declinazione della “sussidiarietà” nelle Regioni in materia di parità scolastica e di IeFP

È sempre importante avere, come chiave di lettura delle politiche scolastiche e formative, la categoria della “sussidiarietà”, parola chiave nella Dottrina Sociale della Chiesa ma anche della Costituzione italiana (Articolo 118 della Costituzione italiana: sussidiarietà verticale ed orizzontale).
In questa ottica si riporta, aggiornata a gennaio 2012, la situazione rilevata nelle Regioni in materia di parità scolastica e di Istruzione e Formazione Professionale (IeFP).

10. Nuovo Statuto del Veneto

Un percorso iniziato nel 2000 e approvato l’11 gennaio 2012.
Zaia: “una carta costituzionale che apre una stagione di modernità e che guarda lontano”.